Google+

Fumetto – Tito Faraci e Silvia Ziche tornano all’Infierno

giugno 23, 2015 Amedeo Badini

Infierno2_piattoNel 1999 Tito Faraci e Silvia Ziche, nota coppia artistica in ambito disneyano, pubblicano ¡Infierno!, una folle e delirante corsa a fumetti, senza fumetti: si tratta infatti di un esperimento narrativo, 56 tavole in cui vi sono solo disegni e tutta l’azione è portata avanti dalle espressioni facciali, mute, senza la presenza di baloon  e di onomatopee. A questa vicenda, in occasione di Lucca Comics 2014 si aggiunge una seconda parte, sempre dello stesso duo, per i tipi di Rizzoli Lizard che, in una semplice ma solida edizione brossurata, ripropongono entrambi i capitoli (nonostante il titolo non sia così esplicito), nel loro bianco e nero originale.

Le storie hanno per protagonisti due diavoli scapestrati al soldo di Satana, che governa l’Inferno e le sue pene come una gigantesca e burocratica azienda, con le sue gerarchie e suoi sistemi produttivi. A mettere in crisi la piacevole esistenza è sempre un elemento esterno – un boss mafioso nel primo caso, una bella ragazza nel secondo – che mette in moto surreali e spassose vicende. I due, accompagnati da uno strano volatile che si fa trascinare come un palloncino, agiscono come detective un po’ goffi ma colmi di buona volontà, incapaci di mantenere sotto controllo i loro istinti e sempre pronti a bisticciare tra di loro. Ma a brillare non è tanto la storia, quanto i meccanismi di azione e reazione che vengono messi in piedi dallo sceneggiatore, basandosi solo sul mutismo caratterizzante i personaggi. Sembra strano, ma in una storia completamente muta si ride di gusto, con passione  e piacere,Infierno sketch alla vista di umane e diaboliche virtù messe in burletta. Lo sceneggiatore usa quei suoi piccoli marchi di fabbrica e citazioni – i nani di gesso, Baldo l’allegro castoro, i gangster col violino – tipici su Topolino e su Pkna alla fine degli anni ’90: un umorismo demenziale ma vincente, che in un fumetto senza paletti come questo osa anche di più. Non manca infatti l’aspetto satirico vero e proprio, con cui Tito Faraci prende in giro la vita terrena: la prima storia, basata su una corsa elettorale tra Paradiso e Inferno, è a dir poco geniale sotto quest’ottica.

Silvia Ziche, fresca di Premio Papersera 2015, da par suo crea tavole efficacissime, in cui la scomposizione del layout e delle vignette non provoca mai disordine, ma innietta invece azione e dinamismo alla vicenda. I personaggi agiscono di vita propria, con quello stile completamente zichiano: occhi che strizzano, pupille minuscole, denti in bella mostra, braccia che si sbracciano, e altri effetti speciali che sopperiscono all’assenza di parole. Seppur il primo episodio possieda più verve rispetto al secondo, siamo di fronte ad un’opera notevole per costruzione e per divertimento, in cui la collaborazione artistica si tocca con mano e ci si affeziona subito ai personaggi. La buona edizione (anche se un approfondimento critico – editoriale non avrebbe stonato) completa il tutto, conservando il candore del bianco e nero, che valorizza in maniera piena le tavole, portando il lettore a osservarle una per una con calma, gustandosi la storia.

¡Infierno! 1 e 2, sceneggiatura di Tito Faraci e disegni di Silvia Ziche, ed. Rizzoli Lizard, brossura con alette, 17 x 24, b/n, 104 pagine, 14€

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arexons lancia un’applicazione per rispondere a dubbi e curiosità sui prodotti più indicati per la cura e la manutenzione dell’auto.

La monovolume coreana, disponibile anche a sette posti, beneficia di un restyling di metà carriera che porta in dote inedite dotazioni multimediali e di sicurezza. Grazie a un nuovo pack tecnico si riducono i consumi del 1.7 td da 115 cv.

Debutta a Parigi l’edizione limitata a 50 esemplari della serie speciale ispirata al marchio nautico italiano. Alla dotazione full optional e alle finiture ricercate si accompagnano motori a benzina 1.2 aspirato da 69 cv o 0.9 TwinAir turbo da 85 o 105 cv.

Grazie alla partnership con l'azienda di Asolo, l'airbag per motociclisti entra nella collezione BMW Motorrad. Ci sono proposte di vari colori, per uomo e donna.

Gli atleti dello scatto fisso saranno a Milano, il 1 ottobre, per giocarsi la vittoria finale del Red Hook, il criterium più ardito del mondo.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana