Google+

Fumetto – Potere e Potenza di Pk torna in grande formato

giugno 9, 2015 Amedeo Badini

vIWg20KA Lucca Comics 2014 era stata presentata in un’edizione di gran pregio – cartonata, ampio formato, contenuti speciali, addirittura in bianco e nero – la parodia Ratkyll e Hyde. Si trattava del primo numero di Topolino Limited Deluxe Edition, un lungo nome per indicare un contenitore dentro cui inserire storie, lunghe ma non troppo, apparse su Topolino, dandogli una veste più degna. Non era ben chiaro che cosa avrebbe pubblicato in futuro ma oggi, con l’uscita di ben altri due volumi (e dell’altro ne parleremo presto), sappiamo meglio di che cosa si parla. E il secondo volume non poteva non pubblicare il grande successo dell’estate, ovvero il ritorno di Pk nella vita editoriale.
Potere e Potenza, su sceneggiatura di Francesco Artibani, disegni di Lorenzo Pastrovicchio e colori di Max Monteduro, è un’epica storia di 160 tavole, colma di citazionismo, avventura, azione, dramma, retorica e risate. L’autore romano riporta sulla scena il vecchio mantello tarlato come se fossero passati davvero 15 anni: un Paperino che ha smesso i panni più duri del supereroe, concedendosi giusto alle scaramucce con i Bassotti, si trova catapultato dal vecchio nemico Razziatore di fronte ad un futuro terribile, sotto scacco degli Evroniani, e costretto ad assistere anche alla sua fine. Non c’è spazio per le mezze misure in questa storia: tutto è più cattivo, più duro, più esplicito, e non si ha paura di nascondersi dietro artefatti. Artibani realizza una storia densa che, pur dovendo adattarsi alle quattro puntate di Topolino, risulta piuttosto fluida ed emozionante. Utilizzando poi una nuova intelligenza artificiale, viene mostrato con forza la differenza tra ciò che è logico e ciò che è giusto, tra morale e razionale. Paperinik mostra quanto sia difficile essere un eroe, che può sbagliare mai e deve tener conto di tutte le variabili in campo. Un superpapero solido e con le sue debolezze, maturo ma preoccupato di poter fare del male, anche a chi è suo nemico.
Pastrovicchio serve una sceneggiatura complessa, che ha aiutato a realizzare con idee e suggerimenti in uno scambio comunicativo intenso, utilizzando inquadrature d’effetto e spacchettamento del layout tradizionale. Interessanti certe scelte visive, come il volto del Razziatore diviso in più parti oppure la scalinata all’interno della torre. Sbalorditive la tavole a tutta pagina, in questa versione ancor più valorizzate, così come i primi piani o i momenti più introspettivi. I colori di Monteduro sottolineano bene tutta la vicenda, senza mai prevaricare ma dando la giusta atmosfera.


La confezione editoriale è generalmente buona, con una buona cartonatura, una copertina inedita d’impatto e dei buoni, ma non eccelsi, contenuti inediti. Questi sono divisi in tre commenti degli autori, per complessive dieci pagine. Sono presenti le tavole non pubblicate a causa del sondaggio per decidere se distruggere la Ducklair Tower o meno: peccato che non siano sottolineate con cura, ma pubblicate come se niente fosse senza didascalie. Molto interessanti le tavole di prova realizzate per sperimentare il formato piccolo di Topolino. Non avrebbe guastato un articolo di taglio generalista sulla saga di Pkna, cercando magari di spiegare anche al lettore neofita di che si tratti, rivelandosi così anche utile per pubblicizzare la ristampa su Pk Giant.
In ogni caso, un’edizione maiuscola di pregio e bella da conservare, il cui prezzo (17€) è in linea con simili ristampe a fumetti, per Panini e non. Spiace purtroppo notare un grosso refuso sulla quarta di copertina. Peccato, perché la storia, profonda e ricca di spunti, pretenderebbe un’edizione perfetta. Si spera in uno sconto la prossima volta.

Pk Potere e Potenza, 180 pagine, a colori copertina cartonata grande formato, 17€, in tutte le fumetterie

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Svelata la concept che anticipa la nuova WRC del Double Chevron, attesa ai vertici del Campionato mondiale rally 2017. Esteticamente simile a una Gruppo B degli Anni ’80, può contare su di un 1.6 turbo benzina da 380 cv.

La concept spagnola ama l’off road. Al 2.0 TDI da 190 cv si accompagnano il cambio a doppia frizione DSG, le 4WD e un allestimento estetico degno di una 4x4 nuda e pura. Potrebbe derivarne una versione di serie.

Debutta la variante tutto terreno della wagon tedesca. Può affrontare facili sterrati grazie all’assetto regolabile, all’altezza da terra superiore allo standard e a protezioni specifiche. Motori turbodiesel di 2,0 e 3,0 litri da 195 e 258 cv.

Il lieve restyling della berlina/wagon nipponica porta in dote una superiore insonorizzazione dell’abitacolo e il sistema di gestione dell’erogazione G-Vectoring Control. Confermati i propulsori, arricchito il capitolo sicurezza.

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana