Google+

Non demonizzate la trippa e le altre frattaglie: son capaci di poesia (anche un po’ erotica)

giugno 21, 2013 Tommaso Farina

Povere frattaglie. Povero quinto quarto. Cibarie demonizzate da chi quasi mai le ha davvero assaggiate, solo sulla scorta di un pregiudizio tanto atavico quanto immotivato. Eppure le interiora di bovino e suino possono dar luogo a piatti di rara poesia.

Per esempio, la demonizzata trippa. Secondo alcuni, la trippa è nientemeno che “pesante”. Errore: 100 grammi di trippa non condita apportano circa 100 kcal. Ossia, meno della stessa quantità di pasta, sempre non condita. Ce lo ricorda anche Roberta Schira, la scrittrice cremasca autrice del bellissimo Libro delle frattaglie, pubblicato anni fa per i tipi di Ponte alle Grazie.

I fiorentini per la trippa hanno un culto che non accenna a diminuire. Al punto che, a differenza di tutti gli altri italiani, tengono in grande onore anche il quarto stomaco del bovino. In Italia, si mangia trippa ricavata dai primi tre: la trippa propriamente detta, il foiolo o centopelli, e il reticolo o nido d’ape. Il quarto stomaco, predilettissimo dai fiorentini, è il mitico lampredotto. Di colore scuro, di solito viene cotto separatamente, semplicemente bollito. Il lampredotto bollito si mangia così, con un po’ di sale e pepe, o con la salsa rossa e quella verde. Può anche entrare in un panino, che viene debitamente “bagnato” nel brodo.

Per recuperare la materia prima? Al mercato di San Lorenzo, a Firenze, persiste il banco del trippaio Oreste Carocci, finché dura. È l’ultimo banco del mercato a essere dedicato strettamente alle trippe e alle frattaglie. Il lampredotto, naturalmente, vien via come il pane, ma pure le altre trippe “tirano”. Tra le frattaglie più inconsuete, c’è quella ribattezzata con l’inoffensivo nome di “matrice”. E che è la matrice? Sarebbe nientemeno che l’utero della vacca. E un componente del “bollito erotico”, quello tutto costituito da zone “erogene”: la lingua, la poppa (sissignori, la mammella) e appunto la matrice. E poi, la guancia, il musetto, i nervetti… Fateci una visita.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana