Google+

Fratelli d’Italia, abbiamo preso quattro pappine, mica abbiamo perso l’appuntamento con la storia

luglio 2, 2012 Franco Molon

Fratelli d’Italia, oggi l’Italia s’è desta con quattro pappine sull’elmo di Scipio che rintrona come un campanone. Fa male, fa tanto male accorgersi che l’unico Mario attorno al quale possiamo stringerci a coorte è quello che ci tassa. Siam pronti alla morte, è vero, ma che a darcela sia un tizio che si chiama Jordi Alba è troppo.

Fratelli d’Italia svegliamoci dal sogno. Questo dolore che ci fa sfasciare le piazze dove l’Italia ci chiamò è artificiale; è il frutto degli esperimenti che gli scienziati pazzi della televisione hanno fatto con i nostri sentimenti.

Hanno montato una punizione di Pirlo con la faccia di Falcone; hanno mescolato le immagini dei terremoti e delle alluvioni con quelle di una palla che entrava in rete; hanno raccontato una formazione con i toni di Pietro l’Eremita alla Prima Crociata; hanno parlato di appuntamento con la storia. Ci hanno ubriacato come fanti in una trincea della Prima Guerra Mondiale.

Fratelli d’Italia, ieri abbiamo perso la partita, non è che hanno ucciso 17 cristiani a Messa in Kenya.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

8 Commenti

  1. Carlo Candiani scrive:

    Caro Molon, sul demenziale spot Rai, dove si mescolava di tutto per giustificare una finale di calcio, hai perfettamente ragione.

    • Franco Molon scrive:

      Ciao Carlo, grazie per il tuo commento positivo che mi spinge, la prossima volta, a spararle ancora più grosse :-)

  2. Stefano Milanesi scrive:

    Se si gioca una partita di calcio si mobilitano governo e 50 milioni di ultras, per la mattanza quotidiana di cristiani e di feti il Papa, 2 cardinali e 50 donchisciotte.

  3. luigi trevisiol scrive:

    come sempre accezionali.

    grazie che ci aiutate a star di fronte alla realtà.

  4. Andrea Sosio scrive:

    Secondo un certo Winston Churchill noi italiani perdiamo le partite di calcio come se fossero guerre e perdiamo le guerre come se fossero partite di calcio.
    Nulla da eccepire sull’articolo.

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Milano AutoClassica arriva alla quarta edizione con la consapevolezza di essere un importante punto di riferimento per il settore delle auto d’epoca.

Dalla partnership tra Peugeot e la Casa motociclistica Bimota nasce una one off su base RCZ R. Il 1.6 turbo passa da 270 a 304 cv grazie allo scarico racing e al filtro dell’aria conico.

Ha più potenza, più coppia, più elettronica, più tutto. Non è semplicemente una Panigale "pompata" ma un progetto che evolve ulteriormente la bicilindrica più potente del mondo. Guidarla è goduria pura, ma serve il fisico perché va veramente forte

Ha la polivalenza nel sangue: grazie all’altezza da terra di 22 cm, alle 4WD e ai sistemi d’assistenza alla guida, off road è più performante della media delle SUV. Brillante su strada, vanta una dotazione di sicurezza raffinata.

Sono pochi i biker che guidano come K-Weed, uno dei più stilosi pro della scena mountain. Uomo immagine di Ibis, il suo nome è di casa sia nelle prime righe delle classifiche delle gare di Enduro Usa, sia nei titoli dei video più cliccati sul web.

Speciale Nuovo San Gerardo