Google+

Fratelli d’Italia, abbiamo preso quattro pappine, mica abbiamo perso l’appuntamento con la storia

luglio 2, 2012 Franco Molon

Fratelli d’Italia, oggi l’Italia s’è desta con quattro pappine sull’elmo di Scipio che rintrona come un campanone. Fa male, fa tanto male accorgersi che l’unico Mario attorno al quale possiamo stringerci a coorte è quello che ci tassa. Siam pronti alla morte, è vero, ma che a darcela sia un tizio che si chiama Jordi Alba è troppo.

Fratelli d’Italia svegliamoci dal sogno. Questo dolore che ci fa sfasciare le piazze dove l’Italia ci chiamò è artificiale; è il frutto degli esperimenti che gli scienziati pazzi della televisione hanno fatto con i nostri sentimenti.

Hanno montato una punizione di Pirlo con la faccia di Falcone; hanno mescolato le immagini dei terremoti e delle alluvioni con quelle di una palla che entrava in rete; hanno raccontato una formazione con i toni di Pietro l’Eremita alla Prima Crociata; hanno parlato di appuntamento con la storia. Ci hanno ubriacato come fanti in una trincea della Prima Guerra Mondiale.

Fratelli d’Italia, ieri abbiamo perso la partita, non è che hanno ucciso 17 cristiani a Messa in Kenya.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

8 Commenti

  1. Carlo Candiani scrive:

    Caro Molon, sul demenziale spot Rai, dove si mescolava di tutto per giustificare una finale di calcio, hai perfettamente ragione.

    • Franco Molon scrive:

      Ciao Carlo, grazie per il tuo commento positivo che mi spinge, la prossima volta, a spararle ancora più grosse :-)

  2. Stefano Milanesi scrive:

    Se si gioca una partita di calcio si mobilitano governo e 50 milioni di ultras, per la mattanza quotidiana di cristiani e di feti il Papa, 2 cardinali e 50 donchisciotte.

  3. luigi trevisiol scrive:

    come sempre accezionali.

    grazie che ci aiutate a star di fronte alla realtà.

  4. Andrea Sosio scrive:

    Secondo un certo Winston Churchill noi italiani perdiamo le partite di calcio come se fossero guerre e perdiamo le guerre come se fossero partite di calcio.
    Nulla da eccepire sull’articolo.

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il progetto della prima vettura Apple senza conducente potrebbe cambiare radicalmente. A Cupertino non verrà sviluppata un’auto vera e propria, bensì un software per la guida autonoma da dedicare ai modelli di più costruttori.

Scorrevolezza e grip non sono due caratteristiche antitetiche. Il segreto sta nel battistrada, che deve combinare in modo perfetto mescole e disegno del tasselli.

La rinnovata SUV Ford verrà declinata in versione sportiva. A un assetto più rigido e sospensioni derivate da Focus ST si accompagneranno finiture interne e un look specifici. L’allestimento ST sarà disponibile per tutti i motori in gamma.

Dalla metà degli Anni ’60 ad oggi ha visto la luce un manipolo di vetture estreme, cattive, brutali e tremendamente performanti. Sogni, o incubi, a quattro ruote, ecco le auto più difficili da guidare al mondo.

Derivata dalla supercar 570S Coupé, non è omologata né per l’utilizzo stradale né per le competizioni. Destinata ai track day, adotta il noto V8 3.8 biturbo portato a 600 cv. L’aerodinamica s'ispira alla race car impegnata nel Campionato FIA GT4.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana