Google+

Franco Guerzoni e le pareti della memoria

febbraio 12, 2013 Mariapia Bruno

Pittore amante dell’uso del mezzo fotografico, assorbito dal clima del concettualismo negli anni della sua formazione, Franco Guerzoni (1948), ha sempre prestato grande attenzione al mondo archeologico realizzando fin dagli anni ’80 grandi carte parietali gessosi. Non c’è da stupirsi allora del titolo della mostra che lo vedrà protagonista delle stanze dell’Andito degli Angiolini al Palazzo Pitti di Firenze, La parete dimenticata, che raccoglie i risultati dell’ultimo decennio dell’esperienza dell’artista, caratterizzato da nuove variazioni sui temi da sempre trattati, come quello del tempo, delle rovine, delle archeologie e delle tracce della memoria.

Da sempre concepite come una serie di cicli – dagli Affreschi degli anni 70, alle Carte di viaggio dell’82, alle Decorazioni e rovine del ’90, ai Sipari del 2001, agli Antichi Tracciati del 2006, alla Iconoclasta del 2007, agli Impossibili restauri del 2010 e agli Strappi d’affresco del 2011 – le creazioni del pittore scandiranno fino al 7 aprile 2013 la retrospettiva fiorentina, spingendo l’osservatore a molteplici suggestioni di lettura e indirizzandolo verso la comprensione della salda identità poetica di colui che racconta.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana