Google+

Fotografia – Storia di un’epoca made in USA siglata Gordon Parks

dicembre 4, 2013 Mariapia Bruno

<<Le persone che vogliono usare una macchina fotografica devono avere qualcosa in mente, deve esserci qualcosa che vogliono mostrare, qualcosa che vogliono dire>>. Lo afferma l’eclettico Gordon Parks, uno dei fotografi più importanti del ventesimo secolo, narratore attraverso l’obiettivo di una lunga storia americana che va dagli anni Quaranta fino alla sua morte, avvenuta nel 2006. E’ una storia vera, filtrata da uno strumento ormai alla portata di tutti, ma che solo attraverso le mani di pochi riesce a raccontare in modo coinvolgente quei pregiudizi, quelle cattive abitudini, quel desiderio di riscatto che spesso non viene esaudito, quelle mille facce bianche e nere che continuano a guardarsi con sospetto, a volte anche con paura.

Narratore di professione in quanto, oltre che fotografo, fu anche regista, scrittore, musicista, reporter freelance (è il reportage su una gang giovanile di Harlem a siglare l’inizio del suo successo) e poeta, Parks sarà da domani protagonista della retrospettiva dal titolo Una storia americana, fotografie di Gordon Parks, che resterà aperta presso Palazzo Incontro a Roma fino al 16 febbraio 2014. Si tratta di un evento realizzato dalla Gordon Parks Foundation di New York in collaborazione con la Fondazione Forma per la Fotografia, che consentirà al pubblico di conoscere, attraverso oltre 160 scatti, il lavoro potente dell’infaticabile ed energico artista americano.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana