Google+

Fotografia – Storia, cultura e tradizioni nell’Umbria vista da Steve McCurry

aprile 2, 2014 Mariapia Bruno

<<Direi che sono un fotografo di strada che ritrae “situazioni trovate”>> – afferma, parlando di sé, Steve McCurry. E di situazioni da immortalare con il suo obiettivo narrativo, tra Perugia, Assisi, Gubbio, Norcia, ne ha trovate tante, così tante che sono solo cento gli scatti confluiti nella mostra appena inaugurata presso l’Ex Ospedale Fatebenefratelli di Perugia. Si intitola Sensational Umbria, e di sensazionale, oltre al fatto di esser nata dalle immagini di uno dei più grandi fotografi viventi che ha assunto, in questo caso, anche le vesti di direttore artistico, ha sia la parte concettuale – volta a raccontare uno spaccato sincero ed emozionante nella sua straordinaria vivacità di una regione ricca di storia, cultura e tradizioni -, che la parte allestitiva – che consente al visitatore l’immersione in uno spazio che fa perdere ogni contatto visivo, olfattivo e dimensionale con il mondo esterno, e che lo guida soltanto attraverso l’insolita e accattivante disposizione sul pavimento delle fotografie.

Non esiste un ordine cronologico o di concetto da seguire per comprendere le opere: è l’istinto e la curiosità a guidare lo spettatore che va alla scoperta di quei volti e quegli scorci che hanno catturato l’attenzione di un’artista che ha saputo valorizzarli, donandogli una nuova vita. Ancora una volta McCurry si mostra un professionista dei ritratti: apprezzato all’unanimità è il ritratto del bel volto della ragazza umbra divenuta icona – contemporanea – dell’evento che, come nel più noto ritratto della ragazza afghana con gli occhi verdi, suggerisce una riflessione sul mistero dell’essere. Aperta fino al 5 ottobre 2014 (una parte presso il Museo della Penna), la mostra ha l’onore di valorizzare uno spazio espositivo che si inserisce in una operazione volta a creare nuovi centri di cultura grazie al recupero di luoghi importanti della città, inoltre il ricavato dai biglietti sarà destinato al restauro di un’opera d’arte che verrà scelta insieme all’artista adesso protagonista.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana