Google+

Fotografia – Quell’entità unica di uomini e macchine verso il progresso

maggio 14, 2014 Mariapia Bruno

Se oggi le “macchine” ci sembrano un naturale accessorio della nostra vita, quasi una prosecuzione mobile ed esterna del nostro corpo, facciamo fatica ad immagine come, fino a poco più di un secolo fa, si facesse a meno di tutto quello a cui siamo abituati, dai telefoni e computer da cui non ci distacchiamo mai, ai grandi mezzi di trasporto che ci consentono di spostarci e conoscere tutto quello che prima era lontano e misterioso. Ma guai a dimenticarsi che il grazie non va detto all’asettica industria: dietro la rivoluzione industriale c’è il talento e l’impegno di tutte quelle persone che insieme, volutamente o inconsciamente, hanno lavorato alla creazione di un sistema moderno che mette gli strumenti meccanici al sevizio dell’uomo, e non viceversa.

La retrospettiva Il capitale umano nell’industria, aperta fino al prossimo 30 agosto al Mast di Bologna, ci fa riflettere proprio sul tema dell’indispensabilità della presenza umana all’interno del mondo industriale. Attraverso una serie di scatti d’artista e fotografie documentarie, realizzate da 41 protagonisti della fotografia moderna, tra cui Robert Doisneau e Anselm Adams, la mostra è un viaggio attraverso i volti e i luoghi di quegli uomini che hanno vissuto in prima persona il rapporto con le nuove macchine, con le grandi fabbriche, col costante pericolo di venire schiacciati dai pesanti oggetti che loro stessi hanno dato alla luce. Ma pare che oggi anche questa grande entità formata da uomini e industrie stia quasi per svanire, a causa di quell’ondata di “automazione” che sta trasformando la produzione in un processo affidato quasi interamente alla tecnologia. Nessun pericolo fino a quando saremo sempre noi umani a premere il tasto di accensione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Alla versione orientata all’off road dell’ammiraglia Jeep si accompagna il debutto, per Renegade, del cambio a doppia frizione DCT in abbinamento al 1.6 Mjet da 120 cv. Svelati inediti pacchetti di personalizzazione Mopar e nuove serie limitate.

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana