Google+

Fotografia – Lucca ospita il più grande fotografo del mondo, Robert Capa

luglio 16, 2014 Mariapia Bruno
PAR77821

Roofless interior of St. John’s Church in a heavily bombed Cockney neighborhood, London,
Great Britain. June-July 1941

Ne avevamo già parlato qui di Robert Capa, a proposito dei suoi scatti a colori per le riviste patinate. Ma questa volta, l’artista definito nel 1938 da Stefan Lorant, fondatore della rivista The Picture Post, <<il più grande fotografo del mondo>>, è protagonista di una retrospettiva che dà risalto a quel lavoro faticoso e appassionante cui si è dedicato per la maggior parte della sua vita: documentare, attraverso il suo obiettivo, la guerra. Aperta fino al 2 novembre 2014 presso il Lu.C.C.A. – Lucca Center of Contemporary Art, la rassegna si intitola Robert Capa. Retrospective, e presenta 97 scatti in bianco e nero che ci raccontano la guerra civile spagnola (1936-1939), i sei mesi trascorsi in Cina nel 1938 per fotografare la resistenza all’invasione giapponese, la Seconda guerra mondiale (1941-1945), il primo conflitto arabo-israeliano (1948) e la guerra francese in Indocina (1954). Solo l’intraprendenza e il coraggio ha consentito al protagonista di sfidare il pericolo e donarci le immagini reali dei drammi del sanguinoso secolo passato.

2

Roofless interior of St. John’s Church in a heavily bombed Cockney neighborhood, London, Great Britain. June-July 1941

Osservando le sue fotografie ci sentiamo catapultati in quel mondo che ci sembra lontano, ma che purtroppo non è scomparso, visti gli attuali terribili conflitti che continuano a ferire il nostro pianeta. Toccante l’immagine della Chiesa di Saint John, bombardata nel sobborgo di Cockney a Londra, dove i preti non si perdono d’animo e continuano a officiare la Santa Messa. Numerose anche le immagini che documentano alcuni avvenimenti storici come la conquista alleata della Sicilia, di Sorrento e di Napoli del 1943, lo sbarco in Normandia del 1944, l’invasione in Germania con i parà americani del 1945, e il viaggio in Indocina del 1954 dove trovò la morte per colpa di una maledetta mina antiuomo. Infine, è possibile anche ammirare una serie di ritratti di amici e artisti tra cui Ernest Hemingway, Truman Capote, William Faulkner, Henri Matisse e Pablo Picasso.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

Look pistaiolo e dotazione particolarmente ricca per l'ultima versione della supercar nipponica, che entra in listino a 118.900 euro. Le consegne inizieranno a novembre

La concept nipponica anticipa una SUV a tre porte dal design aggressivo, ispirata concettualmente alla prima generazione a passo corto della Toyota Rav4. A soluzioni avveniristiche in abitacolo si affianca un powertrain ibrido.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana