Google+

Fotografia – La fotografia italiana firmata Nino Migliori in mostra a Lugano

marzo 18, 2015 Mariapia Bruno

FFF 010Dagli scatti in bianco e nero di matrice neorealista, all’esaltazione del particolare sulla pellicola a colori, Nino Migliori (Bologna, 1926) è uno degli artisti che ha calcato da protagonista le scene dell’evoluzione linguistica della fotografia in Italia. Inizia a soli 22 anni, nel dopoguerra, accostandosi alla fotografia realista e confrontandosi con l’ingombrante prodotto dell’industria cinematografica dell’epoca, ovvero la scuola del Neorealismo. Assorbe poi gli spunti concettuali degli anni Sessanta, lasciandosi alle spalle l’idea del fotografico come specchio della realtà, nutrendo sempre il suo percorso creativo di sperimentazione e gioco, e mantiene forte il contatto con le Avanguardie europee.

notturno asinelliUn percorso di vita denso, che sarà possibile gustare presso la Photographica FineArt di Lugano, che dal 26 marzo al 15 maggio 2015 gli dedica la retrospettiva, curata da Denis Curti, intitolata Nino Migliori. Incanto e illusione. Ecco che lo spettatore potrà prender confidenza con i suoi Manifesti strappati e con i Muri e degli anni ‘50, per poi gustare la serie Il tempo rallentato, e la recente produzione di Cuprum, un lavoro inedito composto dalle tracce umide dei bicchieri di birra sui tavolini di un pub londinese.  Le fotografie proposte, sebbene raccontino solo una parte della parabola creativa di Migliori, riescono a ricostruirne i numerosi approdi espressivi che, nel tempo, hanno fatto da fondamenta per la ricerca di nuove e moderne esplorazioni visive.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana