Google+

Fotografia – Fantastico, illusorio, onirico e suggestivo: è il corpo umano immortalato da Beatrice Serpieri

novembre 5, 2014 Mariapia Bruno

unnamedLa bolognese Beatrice Serpieri, appassionata di fotografia dagli anni ’70, si distingue per lo studio appassionato e profondo dell’essere umano, del suo modo di apparire ai nostri occhi. Perseguendo la poetica da lei definita Fotogenia dell’Anima, Beatrice ci ha donato diversi scatti in bianco e nero, il suo personalissimo contributo alla tradizione della ritrattistica fotografica. E adesso, con alle spalle una piena carriera, è protagonista del progetto artistico intitolato De Corporis Fabrica, visibile fino al 17 gennaio 2015 presso la (galleria +) oltredimore di Bologna.

La realizzazione della mostra ha preso vita dall’attenta osservazione, da parte della fotografa, delle cere anatomiche del Museo Luigi Cattaneo di Bologna, che hanno funto da base per uno studio approfondito sul corpo umano. Scomponendo i manufatti e con l’aiuto della luce, l’obiettivo dell’artista ci invita a guardare con occhi diversi quello che ci viene presentato, lasciandoci trasportare da quelle sensazioni di fantastico/illusorio, onirico e suggestivo che il corpo umano immortalato ci suggerisce. Come da tradizione, è sempre quella macchina perfetta del corpo umano ad emozionare l’osservatore, che adesso l’artista scompone e ci consente di vedere da diversi punti di vista.

 

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Svelata la concept che anticipa la nuova WRC del Double Chevron, attesa ai vertici del Campionato mondiale rally 2017. Esteticamente simile a una Gruppo B degli Anni ’80, può contare su di un 1.6 turbo benzina da 380 cv.

La concept spagnola ama l’off road. Al 2.0 TDI da 190 cv si accompagnano il cambio a doppia frizione DSG, le 4WD e un allestimento estetico degno di una 4x4 nuda e pura. Potrebbe derivarne una versione di serie.

Debutta la variante tutto terreno della wagon tedesca. Può affrontare facili sterrati grazie all’assetto regolabile, all’altezza da terra superiore allo standard e a protezioni specifiche. Motori turbodiesel di 2,0 e 3,0 litri da 195 e 258 cv.

Il lieve restyling della berlina/wagon nipponica porta in dote una superiore insonorizzazione dell’abitacolo e il sistema di gestione dell’erogazione G-Vectoring Control. Confermati i propulsori, arricchito il capitolo sicurezza.

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana