Google+

Fotografia – Bologna invasa di scatti d’autore per la seconda edizione della biennale Foto/Industria

ottobre 13, 2015 Mariapia Bruno
David LaChapelle 1

Uno scatto di David LaChapelle

14 esposizioni per il mese di ottobre in 11 sedi storiche bolognesi e una che terminerà il 10 gennaio 2016 al Mast (Manifattura di Arti, Sperimentazione e Tecnologia). Ecco come si articola la seconda edizione della biennale Foto/Industria 2015 di Bologna, rassegna promossa dalla Fondazione Mast in collaborazione con il Comune di Bologna e la Direzione Artistica di François Hébel, che quest’anno porta avanti il tema del mondo del lavoro e della produzione industriale, focalizzandosi sugli step che vanno dalla creazione al riciclaggio. <<La biennale si conferma un appuntamento importante per la città – afferma Virginio Merola, sindaco di Bologna -, un evento internazionale pensato per valorizzare la cultura industriale e del territorio, alla scoperta di alcuni dei suoi luoghi chiave. Isabella Seràgnoli, attraverso la Fondazione MAST, ci offre la rappresentazione dell’industria e del mondo del lavoro, tramite la fotografia d’autore, cogliendo temi e valori di un universo che caratterizza fortemente il tessuto sociale ed economico della nostra area metropolitana>>.

Un'opera di Luca Campigotto

Un’opera di Luca Campigotto

<<Ancor più della prima edizione del 2013 – spiega François Hébel, direttore artistico – questa rassegna unica al mondo per la sua capacità di selezionare sguardi e visioni sul lavoro e la produzione, è in realtà un autentico festival internazionale di fotografia offerto ai visitatori nella cornice eccezionale del centro storico della città e nella riqualificata area periferica dove sorge il Mast. Nel centro città nuovi spazi espositivi con palazzi storici, cappelle barocche e musei, danno modo ai visitatori di accedere a piedi a luoghi di grande interesse e alle loro collezioni>>. Un’occasione da non perdere soprattutto per la diversità “artistica” dei fotografi selezionati e del loro modo di raccontare le storie. Alcuni sono artisti noti, altri reporter, altri ancora ritrattisti o fotografi di impresa, altri giovani professionisti, uniti dal desiderio di raccontare in modo forte e significato il mondo che li circonda o che decidono di esplorare. Tra gli appuntamenti espositivi da non perdere: Paesaggi Industrializzati di Edward Burtynsky al Palazzo Pepoli Campogrande, La poesia dei Giganti di Luca Campigotto e i Ritratti di gruppo di Neal Slavin presso lo Spazio Carbonesi e L’uomo, il lavoro, la macchina di Gianni Berengo Gardin alla Fondazione del Monte (Palazzo Paltroni).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

Alla versione orientata all’off road dell’ammiraglia Jeep si accompagna il debutto, per Renegade, del cambio a doppia frizione DCT in abbinamento al 1.6 Mjet da 120 cv. Svelati inediti pacchetti di personalizzazione Mopar e nuove serie limitate.

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana