Google+

The First Actresses, quando sono le attrici a far scuola

ottobre 14, 2011 Mariapia Bruno

Una serie di ritratti di attrici, per un verso intimi, femminili e sensuali, per l’altro ironici e caricaturali, invadono la Wolfson Gallery della National Portrait Gallery di Londra. Dal titolo “The First Actresses: Nell Gwyn to Sarah Siddons” (Le prime attrici: da Nell Gwyn a Sarah Siddons. L’originale mostra londinese esplora l’arte e il teatro inglese del XVIII secolo, raccontandoci la grande popolarità delle attrici e la loro crescente reputazione come professioniste della recitazione. I volti di Nell Gwyn, Lavinia Fenton, Mary Robinson e Dorothy Jorda, eseguiti per mano di artisti come John Hoppner, Thomas Lawrence, Johann Zoffany e James Gillray, guardano i visitatori nelle loro pose piu seducenti come a voler svelare le loro storie. Colte mentre recitano una tragedia, cantano o danzano, queste splendide protagoniste sono figure chiave perfettamente inserite nello spettacolare culto della notorietà del loro tempo.

Bellissimi il piccolo ritratto di Sarah Siddons come Musa Tragica di Joshua Reynolds, e i ritratti di Giovanna Bacelli ed Elisabeth Linley di Thomas Gainsborough. Alle raffigurazioni di singole protagoniste si aggiungono i ritratti d’insieme e quelli eseguiti durante gli spettacoli, come Three Witches from Macbeth (Le tre streghe di Macbeth) di Daniel Gardner – nuovo acquisto della sede ospitante – e il The Beggar’s Opera di Hogarth che ci rivelano anche come il teatro abbia stimolato indubbiamente la creatività di pittori e disegnatori. Completano l’esposizione – aperta dal prossimo 20 ottobre all’8 gennaio 2012 – una serie di prestiti da importanti collezioni pubbliche e private, come il Garrick Club Library, la Royal Shakespeare Company, la National Gallery of Art di Washington, e il Victoria &Albert Museum.  

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

Creata in collaborazione con le lettrici del magazine, la city car di casa Seat debutta sulla passerella del FashFest di Londra. Arriverà all'inizio 2017 nelle versioni a tre o cinque porte con tre motorizzazioni.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana