Google+

Il festival più palloso del mondo con Boldrini, Lerner e Zagrebelsky

settembre 26, 2013 Filippo Merli

Giovedì inizia il Festival più palloso del mondo, ovvero il Festival del Diritto, l’evento che ogni anno (da sei anni) porta a Piacenza gente del calibro di Laura Boldrini, Gad Lerner e Gustavo Zagrebelsky, che esaltano le platee con entusiasmanti conferenze su «Vita e diritto alla salute tra garanzie e conflitti delle democrazia» (il modo migliore per struggerti, se la morosa ti ha lasciato) e su temi originalissimi del tipo: «Il futuro della democrazia è nelle mani dei nostri ragazzi».

Il Festival del Diritto è una creatura di Stefano Rodotà, il noto giurista e politico che il Movimento 5 Stelle voleva come presidente della Repubblica prima della rielezione di Giorgio Napolitano. Da un po’ di tempo ci chiedevamo che fine avesse fatto Rodotà. Non si vede più. Non si sente più. Poi abbiamo avuto l’illuminazione: a Piacenza c’è il Festival del Diritto presieduto da Rodotà e, contemporaneamente, avvistano un fantasma che dice di essere un politico prima di sparire improvvisamente dalla circolazione. Uhm. E se invece delle catene, i piacentini sentissero una strana litania, «Rodotà-tà-tà Rodotà-tà-tà Rodotà-tà-tà», come il lamento di un fantasma che pensava di diventare presidente della Repubblica e, alla fine, s’è dovuto accontentare del Festival più palloso del mondo?

Tratto da Italia Oggi, “Concentrare nello stesso posto e alla medesima data Gad Lerner, Gustavo Zagrebelsky e Laura Boldrini è troppo per qualsiasi stomaco”, 26 settembre 2013

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. TomC scrive:

    Da piacentino confermo la pallosità dell’evento… E’ uno spreco di soldi, di idee e di tempo.
    Se il comune avesse organizzato in piazza Cavalli una bella sagra della salamella con spiedini, pisarei e fasò, tortelli con la coda e tutto il resto, sarebbe stato molto più apprezzato.

    E poi, la Boldrini e il Lerner cosa c’entrano col diritto? Forse col “dirittismo”… Ma almeno c’è Giacomino Poretti…

  2. beppe scrive:

    non leggete famiglia cristiana.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Grazie alla partnership con l'azienda di Asolo, l'airbag per motociclisti entra nella collezione BMW Motorrad. Ci sono proposte di vari colori, per uomo e donna.

Gli atleti dello scatto fisso saranno a Milano, il 1 ottobre, per giocarsi la vittoria finale del Red Hook, il criterium più ardito del mondo.

La coupé nipponica, attesa al debutto nel 2018, condividerà con la futura spider BMW Z5 pianale e materiali compositi. Potrebbe adottare un powertrain ibrido o, in alternativa, un V6 biturbo benzina da almeno 400 cv.

È la prima auto elettrica solare al mondo destinata alla produzione in serie. Debutterà nel 2018 con prezzi da 12.000 euro, un’autonomia massima di 250 km e un sistema di purificazione dell’aria mediante licheni.

Questa concept esposta a Parigi apre la via alle elettriche Mercedes di domani. Le parole d'ordine sono connettività, guida autonoma, condivisione ed elettricità

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana