Google+

Fabrizio Corona, l’irriducibile della tamarritudine diventato eroe

gennaio 21, 2013

Fabrizio Corona ormai è un latitante, ricercato dall’Interpol, e col piffero che ha fiducia nella magistratura e lascia che la giustizia faccia il suo corso. Sui social network è tutto un tripudio di gioia e di incitazioni a non farsi beccare: scappa, corri, fuggi, neanche fosse Robin Hood.

Qualcuno riesce a spiegarmi perché questo impresentabile, questo irriducibile della tamarritudine debba godere di tutta questa complicità?

Quelli stessi che sul proprio profilo di facebook invocano la galera a vita per il politico che ha pastrugnato con i rimborsi, nel post successivo inneggiano alla fuga di un soggetto che, se uscisse con la loro figlia, non li farebbe dormire la notte.

Usa le donne come neanche Berlusconi, ha vizi che nemmeno i parlamentari scoperti dalle Iene, ricatta peggio della Merkel ed è visto come un eroe.

Mi ricorda tanto una di quelle scene che ancora si vedono nei vicoli di Napoli dove la gente insulta i poliziotti infami che sono venuti ad arrestare il camorrista assassino.

Come si spiega? Di sicuro con ignoranza, superficialità, mancanza di educazione. Credo però ci sia anche qualcosa d’altro. Fabrizio Corona, per qualche strano mistero della comunicazione, è visto come uno del popolo, uno di noi da proteggere contro di loro, i potenti.

La gente lo difende perché lo sente parte di sé. Quello che dovrebbero fare i politici per farsi votare. Io voto il primo che si fa tatuare una croce non negoziabile sul braccio sinistro, come Fabrizio.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. cleopatro scrive:

    Il giornalista non capisce. corona in realtà e’ un fisico. Sta facendo esperimenti di dinamica sulla velocità di fuga. Bisogna lasciarlo fare. La scienza deve progredire e i fisici come corona a volte devono sopportare di essere incompresi. Tacere, e studiare la matematica.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana