Google+

L’eutanasia di Laura. Not in My Name

luglio 6, 2015 Marina Terragni

eutanasia-olanda-malati-mente

In questi giorni anche i giornali italiani hanno iniziato a raccontare la vicenda di Laura, nome di fantasia attribuito a una ventiquattrenne belga che, pur stando bene fisicamente e solo perché depressa, ha chiesto e ottenuto l’eutanasia. Tempi.it vi aveva già segnalato la storia tempo fa, e pubblicato anche una lettera aperta alla stessa giovane (Cara Laura, ci sono passata anch’io, ma l’eutanasia non è la risposta alla tua depressione).

Su Io Donna ne ha scritto anche la giornalista e scrittrice Marina Terragni che, dopo aver riassunto la vicenda, così conclude:

Il caso di Laura sta dividendo il Paese. Si tratta di un caso limite: una ragazza fisicamente sana, con una lunghissima aspettativa di vita, e una ragionevole speranza di poterla cambiare (essere adeguatamente e amorosamente curata, magari aiutata a trasferirsi altrove, lontano dal teatro di una vita insopportabile, poter sperare in un amore, in una rete di relazioni affettive, in qualcosa di bello che può capitarti). Forse appena un barlume, che tuttavia resta acceso. I tentativi non riusciti di suicidio messi in atto da Laura lo dimostrano indirettamente: in genere i TS sono grida d’allarme, estreme richieste di attenzione. Chi vuole davvero morire, la gran parte di noi lo sa avendo avuto la dolorosa esperienza di amici o congiunti suicidi, sa farlo a colpo sicuro.

Certo: l’eutanasia di Laura costerebbe pochissimo al servizio sanitario nazionale belga. Ma costerebbe moltissimo all’identità di quel Paese.

L’augurio è che i cittadini belgi inorriditi da questa storia sappiano fare sentire alta la propria voce: Not in My Name. Il tempo è davvero poco. Io non posso che ripetere qui quello che ho scritto ieri sui social network, dopo aver appreso della vicenda: questa storia è merda.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. giovanna scrive:

    “Si tratta di un caso limite: una ragazza fisicamente sana, con una lunghissima aspettativa di vita, e una ragionevole speranza di poterla cambiare …”
    Non conosco la posizione della giornalista riguardo a vite di persone non altrettanto fisicamente sane ecc ecc, ma bisogna notare che una volta intrapreso il piano inclinato che consente di decidere quale vita sia o meno degna di essere vissuta, con aborto dei figli malati ed eutanasia di malati terminali , si scivola sempre più giù.
    Ma , a mio parere, si era scivolati in giù fin dall’inizio.
    E come con l’aborto, che era stato propagandato mettendo avanti casi limite, e ora si può abortire tranquillamente perché si è prenotata una vacanza, così si passa in breve dall’eutanasia di malati che soffrono atrocemente all’ eutanasia di una giovane ragazza depressa.
    Ma l’orrore di atti omicidi era presente anche nei casi limite, si rivela solo maggiormente alle menti più dure, perché si tratta sempre di vite umane, non di bestie.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana