Google+

L’eutanasia di Laura. Not in My Name

luglio 6, 2015 Marina Terragni

eutanasia-olanda-malati-mente

In questi giorni anche i giornali italiani hanno iniziato a raccontare la vicenda di Laura, nome di fantasia attribuito a una ventiquattrenne belga che, pur stando bene fisicamente e solo perché depressa, ha chiesto e ottenuto l’eutanasia. Tempi.it vi aveva già segnalato la storia tempo fa, e pubblicato anche una lettera aperta alla stessa giovane (Cara Laura, ci sono passata anch’io, ma l’eutanasia non è la risposta alla tua depressione).

Su Io Donna ne ha scritto anche la giornalista e scrittrice Marina Terragni che, dopo aver riassunto la vicenda, così conclude:

Il caso di Laura sta dividendo il Paese. Si tratta di un caso limite: una ragazza fisicamente sana, con una lunghissima aspettativa di vita, e una ragionevole speranza di poterla cambiare (essere adeguatamente e amorosamente curata, magari aiutata a trasferirsi altrove, lontano dal teatro di una vita insopportabile, poter sperare in un amore, in una rete di relazioni affettive, in qualcosa di bello che può capitarti). Forse appena un barlume, che tuttavia resta acceso. I tentativi non riusciti di suicidio messi in atto da Laura lo dimostrano indirettamente: in genere i TS sono grida d’allarme, estreme richieste di attenzione. Chi vuole davvero morire, la gran parte di noi lo sa avendo avuto la dolorosa esperienza di amici o congiunti suicidi, sa farlo a colpo sicuro.

Certo: l’eutanasia di Laura costerebbe pochissimo al servizio sanitario nazionale belga. Ma costerebbe moltissimo all’identità di quel Paese.

L’augurio è che i cittadini belgi inorriditi da questa storia sappiano fare sentire alta la propria voce: Not in My Name. Il tempo è davvero poco. Io non posso che ripetere qui quello che ho scritto ieri sui social network, dopo aver appreso della vicenda: questa storia è merda.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. giovanna scrive:

    “Si tratta di un caso limite: una ragazza fisicamente sana, con una lunghissima aspettativa di vita, e una ragionevole speranza di poterla cambiare …”
    Non conosco la posizione della giornalista riguardo a vite di persone non altrettanto fisicamente sane ecc ecc, ma bisogna notare che una volta intrapreso il piano inclinato che consente di decidere quale vita sia o meno degna di essere vissuta, con aborto dei figli malati ed eutanasia di malati terminali , si scivola sempre più giù.
    Ma , a mio parere, si era scivolati in giù fin dall’inizio.
    E come con l’aborto, che era stato propagandato mettendo avanti casi limite, e ora si può abortire tranquillamente perché si è prenotata una vacanza, così si passa in breve dall’eutanasia di malati che soffrono atrocemente all’ eutanasia di una giovane ragazza depressa.
    Ma l’orrore di atti omicidi era presente anche nei casi limite, si rivela solo maggiormente alle menti più dure, perché si tratta sempre di vite umane, non di bestie.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Se fosse una compagna di scuola, la Peugeot 308 sarebbe la classica ragazza seduta nei banchi della seconda fila; precisa, puntuale, concreta e in grado di ottenere ottimi risultati. Però poco appariscente. La tipica studentessa che pochi notano e che i professori danno per scontato sia in grado di ben figurare in ogni frangente. Ora, […]

L'articolo Prova nuova Peugeot 308 proviene da RED Live.

Il suo logo a forma di ruota spicca su caschi, capispalla, piumini, borsoni, zaini, bracciali in argento e foulard in seta, e non a caso. La collezione di abbigliamento e accessori uomo/donna Milano 1914 trae difatti la sua identità da EICMA, il Salone internazionale delle moto, la cui prima edizione è datata 1914, appunto. E […]

L'articolo Milano 1914, nuova collezione e corner al Boscolo proviene da RED Live.

La scelta di un’automobile è una decisione che dipende dall’utilizzo che se ne vuole fare. Chi ha bisogno di un mezzo da guidare esclusivamente in città, sarà orientato verso un’auto più compatta e maneggevole; se la vettura accompagnerà spesso la famiglia in gite fuori porta, ruote grandi e ammortizzatori rinforzati saranno determinanti; se il conducente […]

L'articolo Il cambio: tipologie e caratteristiche (automatico/semiautomatico/manuale) proviene da RED Live.

In sella a una delle moto più speciali mai prodotte da BMW. La HP4 Race porta all’estremo il concetto di moto sportiva. Leggerissima potentissima, va fortissimo ma non è un mostro impossibile da domare, anzi… 80.000 euro sono tanti? Forse, ma dopo averla guidata potresti cambiare idea.

L'articolo Prova BMW HP4 Race proviene da RED Live.

Con il nuovo Kymco AK 550, la Casa di Taiwan punta dritta al cuore del mercato dei Top Scooter bicilindrici. Il prezzo è interessantissimo (9.190 euro in offerta lancio) ma i contenuti tecnologici sono tutt’altro che di serie B. Anzi!

L'articolo Prova Kymco AK 550 proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana