Google+

L’Emilia-Romagna vuole offrire asilo politico ai gay “discriminati” in Russia

ottobre 9, 2013 Redazione

La Regione Emilia-Romagna vuole offrire asilo politico agli omosessuali “discriminati” in Russia. Ieri l’Assemblea legislativa regionale ha approvato una risoluzione proposta da Idv e Pd, insieme all’esponente LibDem Franco Grillini, in cui si «censura la legge russa» e si invita il Governo italiano «ad impegnarsi fin d’ora a concedere asilo politico alle persone lgbt perseguitate nel territorio della Federazione russa».
In essa si chiede al Governo di appellarsi al Consiglio d’Europa, per «ottenere il rispetto da parte della Federazione russa degli obblighi di non discriminazione derivanti dalla sua adesione all’organismo internazionale e dalla ratifica della Convenzione europea dei diritti umani».

BATTAGLIA IN AULA. La risoluzione, che ha ottenuto l’appoggio del centrosinistra e dell’ex grillino Giovanni Favia, è stata criticata dal centrodestra (che è uscito dall’aula al momento del voto).
Nei loro interventi in aula Enrico Aimi (Pdl) e Roberto Corradi (Lega nord) hanno sottolineato come la legge russa vieti la «propaganda e le relazioni sessuali non tradizionali in presenza di minori». «È una tutela dei bambini – ha detto Corradi – quanto all’adozione di figli per coppie omosessuali, anche in Italia non è consentito come in Russia: dunque siamo nella stessa situazione». Parole che fanno infuriare Grillini. «Corradi non conosce la legge russa» ha ribattuto. È evidente che quando si vietano comportamenti in presenza di minori lo si fa per vietarli del tutto in pubblico».
Anche Aimi ha fatto notare, tra le altre cose, il «confine labile con l’apologia», sollevando ancora una volta le critiche (urlate a microfono spento) di Grillini. Favia invece, pur dichiarandosi a favore della risoluzione, ha detto di considerare l’iniziativa di Pd e Idv «ipocrita. Se proponessi io un documento per chiedere di rompere i rapporti con gli Stati Usa che applicano la pena di morte, vorrei vedere chi lo voterebbe»

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

5 Commenti

  1. Fael scrive:

    E’ SCONCERTANTE !!!!
    I sopravvissuti di Lampedusa molto probabilmente verranno rispediti nei loro paesi d’origine perché non otterranno l’asilo politico, mentre per i gay russi in automatico se passa questa legge avranno l’asilo.
    Ricordo che questi poveri disgraziati fuggono da regimi dittatoriali e sono ridotti alla fame, dunque stanno leggermente più male dei gay russi

  2. Giovanni scrive:

    E’ davvero sconcertante che in Italia esista una legge come la Bossi Fini che produce effetti perversi come quello giustamente segnalato da Fael.

    ma è altrettanto sconcertante che si giustifichi una legge come quella introdotta da Putin. sarebbe come dire che la processione del Santo Patrono si può fare solo dove non ci sono bambini perchè l’esposizione di crocifissi o della statua di San Sebastiano o la “propaganda religiosa” o qualunque altra scemenza a scelta potrebbe turbarli

  3. giovanni scrive:

    Ma Favia ci è o ci fà? Vuole sapere chi vota la sua idea di rompere i rapporti con gli USA per la pena di morte? La cosa è semplice, il prossimo consiglio regionale la proponga! Un consiglio a Favia, tolga il paraocchi, anche altri paesi applicano la pena di morte, non li dimentichi!!!!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

Alla versione orientata all’off road dell’ammiraglia Jeep si accompagna il debutto, per Renegade, del cambio a doppia frizione DCT in abbinamento al 1.6 Mjet da 120 cv. Svelati inediti pacchetti di personalizzazione Mopar e nuove serie limitate.

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana