Google+

Elezioni, si vota. Se l’Italia è andata, speriamo almeno di tenere la Lombardia

Domenica  24 febbraio 2013. Tempo perturbato. Nevicate a bassa quota al Nord. Maltempo al Centro. Sud e isole, non pervenute. Affluenza medio alta alle urne. O medio bassa; dipenderà dal clima, dall’umore, dal coniuge o convivente; dal pensiero laterale che l’uno o l’altro pari sono: tutti uguali. Come: governo ladro… si stava meglio quando si stava… parlare a nuora perché suocera intenda…  E via di questo passo.

Tutti uguali un corno!?!?

Come se tra il voto e le stelle non ci sia nesso.

Proviamo a ipotizzare diversi scenari, ambito geo-politico Italia e Lombardia, e tentare un giudizio.

Italia.

1) Vince Bersani. Se va bene, ha bisogno di Monti all’Economia; persona seria, specie quando non si è in campagna elettorale e non ha rigurgiti puristi a condizionarne le scelte. Con lui c’è qualche speranza che il buon lavoro fatto per rimettere in sesto la baracca possa avere qualche prospettiva di essere portato a termine. Senza di lui l’ottimo Bersani, tra bambole e giaguari, rischia di portarci a svernare in Grecia.

Con lui o senza di lui, campo libero a Vendola e compagni su matrimoni gay, adozioni a tutti e al contrario di tutti; varie ed eventuali secondo i gusti.  Il Tevere come la Senna.

2) Berlusconi? Grande cabarettista, politicamente al capolinea, come la sua creatura.

Rischio alto di estinzione, visto che di specie non protetta , né tantomeno gradita, si tratta.

3) Grillo riempie le piazze, vedremo le urne. Lui è il virus (la definizione è sua), lo Zeppelin (la definizione è sempre sua): prospettive rosee, come si vede. Paese leggero: lavorare meno, niente cemento, niente petrolio. Tutti a casa a divertirsi con la banda larga e il wi-fi gratuito, democratico e popolare. Alè.

Ma così va ancora bene.

Lombardia: qui può accadere il peggio.

1) Con Totila-Maroni qualche ragione per credere che quel che si è seminato negli ultimi vent’anni non vada sperperato c’è.

Perciò, forza Totila!

2) Con Ambrosoli  (bei tempi quando il nome evocava solo la dolcezza del miele!)  si farà pulizia. Nel senso che se va male spazza via tutto, se va bene spazza via tutto. La breccia di porta Pisapia. Lindore, silenzio, compostezza,  disciplina. Un cimitero.

In sintesi, se l’Italia è andata, speriamo almeno di tenere la Lombardia.

Giudizio comune (nel senso dei due autori): apocalypse now.

Due cose sono sicure: c’è ancora qualche ora di tempo prima dell’urna. Non sprechiamola.

Dopo, e questa è la seconda cosa, ci sarà molto da lavorare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

Look pistaiolo e dotazione particolarmente ricca per l'ultima versione della supercar nipponica, che entra in listino a 118.900 euro. Le consegne inizieranno a novembre

La concept nipponica anticipa una SUV a tre porte dal design aggressivo, ispirata concettualmente alla prima generazione a passo corto della Toyota Rav4. A soluzioni avveniristiche in abitacolo si affianca un powertrain ibrido.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana