Google+

Eccolo qui il “sistema” degli appalti

marzo 19, 2015 Redazione

burocrazia-fiscoPosto che per Tempi la presunzione d’innocenza è sacra e che le accuse nei confronti degli indagati dell’inchiesta sul “sistema” Grandi Opere è tutta da dimostrare, c’è un discorso di fondo che non ci stancheremo mai di ripetere. È l’eccesso di leggi, la burocrazia, a fomentare la corruzione. È tornato a ripeterlo in questi giorni Carlo Nordio, magistrato con la testa sulle spalle, che già in una recente intervista al nostro settimanale aveva spiegato che nei confronti della corruzione «l’approccio tradizionale è sempre stato dogmatico e vagamente ispirato a un’etica pedagogica: più leggi, più controlli, più pene. Basterebbe leggere Tacito (“corruptissima republica, plurimae leges”) per capire che si sta percorrendo la strada sbagliata: più sono le leggi, più lo Stato è corrotto; e più è corrotto, più è proliferativo; più le pene aumentano, meno vengono eseguite. Lo scriveva già Manzoni».
Sullo stesso tema e a medesime conclusioni era arrivata Serena Sileoni, vicedirettore dell’Istituto Bruno Leoni, esperta di diritto pubblico comparato.

Ieri, poi, su Italia Oggi, Marco Bertoncini ha plasticamente descritto cosa sia il ginepraio delle leggi che regolano gli appalti oggi nel nostro paese. State a sentire: «Basterebbe guardare che ne è del codice degli appalti. In vigore del 2006, risulta modificato 563 volte: contiene 273 articoli, 1.560 commi, 148 rinvii. Il regolamento di attuazione è ricco di 358 articoli, con 1.392 commi. Vi aggiungano regolamenti regionali. Come può essere rispettato, se ne è impossibile perfino la conoscibilità? Sull’applicazione del codice risultano rivolte oltre 6.100 domande alle autorità di vigilanza e più di 3.000 alle sezioni regionali della Corte dei conti».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

“Voglio una sedia a sdraio sotto un ombrellone. Con quattro ruote, capace di portare due contadini e le loro mercanzie nel massimo della sicurezza e del comfort. Deve costare poco ed essere riparabile coi ferri con cui si aggiusta il trattore. Deve consumare non più di quattro litri per cento chilometri, essere facile da guidare […]

L'articolo Citroën 2CV Soleil, viaggio nel tempo proviene da RED Live.

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.