Google+

Eccolo qui il “sistema” degli appalti

marzo 19, 2015 Redazione

burocrazia-fiscoPosto che per Tempi la presunzione d’innocenza è sacra e che le accuse nei confronti degli indagati dell’inchiesta sul “sistema” Grandi Opere è tutta da dimostrare, c’è un discorso di fondo che non ci stancheremo mai di ripetere. È l’eccesso di leggi, la burocrazia, a fomentare la corruzione. È tornato a ripeterlo in questi giorni Carlo Nordio, magistrato con la testa sulle spalle, che già in una recente intervista al nostro settimanale aveva spiegato che nei confronti della corruzione «l’approccio tradizionale è sempre stato dogmatico e vagamente ispirato a un’etica pedagogica: più leggi, più controlli, più pene. Basterebbe leggere Tacito (“corruptissima republica, plurimae leges”) per capire che si sta percorrendo la strada sbagliata: più sono le leggi, più lo Stato è corrotto; e più è corrotto, più è proliferativo; più le pene aumentano, meno vengono eseguite. Lo scriveva già Manzoni».
Sullo stesso tema e a medesime conclusioni era arrivata Serena Sileoni, vicedirettore dell’Istituto Bruno Leoni, esperta di diritto pubblico comparato.

Ieri, poi, su Italia Oggi, Marco Bertoncini ha plasticamente descritto cosa sia il ginepraio delle leggi che regolano gli appalti oggi nel nostro paese. State a sentire: «Basterebbe guardare che ne è del codice degli appalti. In vigore del 2006, risulta modificato 563 volte: contiene 273 articoli, 1.560 commi, 148 rinvii. Il regolamento di attuazione è ricco di 358 articoli, con 1.392 commi. Vi aggiungano regolamenti regionali. Come può essere rispettato, se ne è impossibile perfino la conoscibilità? Sull’applicazione del codice risultano rivolte oltre 6.100 domande alle autorità di vigilanza e più di 3.000 alle sezioni regionali della Corte dei conti».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana