Google+

C’è un localino sul Lario che vi farà ricredere sul pesce di lago

gennaio 25, 2015 Tommaso Farina

ristorante-beccaccino-como-foto-tommaso-farina-1Non solo mare, per mangiare il pesce. A quanti di voi piace il pesce di lago? Vi piace anche mangiarlo al ristorante? E allora saprete meglio di noi quante delusioni si possono incontrare, specie sui grandi laghi del Nord Italia: pesci di provenienza indefinita, di qualità scadente, magari manipolati in cucina da persone che la vita avrebbe destinato a tutt’altro avvenire.

E invece, grazie a un caro amico gourmet, abbiamo scovato una chicca, al limite nord del lago di Como: è il ristorante Beccaccino. Uno scrigno modernissimo, ma accogliente, con una bella stufa a legna trasparente come un acquario, apparecchiature di tono, servizio discreto coordinato da Stefania, moglie del titolare. Che è Romeo Landi, cuoco giovane ma esperto, e soprattutto pescatore di lago, figlio e nipote di pescatori. Lui stesso esce a pescare il pesce che mangerete qui, andando con la barca per tutto il nord del Lario. Poi lo cucina, in uno stile tradizionale ma svecchiato, affiancandogli piatti di altra estrazione.

Il cosiddetto “Antipasto fin dal 1976” prevede il paté di lavarello; il goloso luccio alle cipolle; la trota al vapore; il lavarello con due salse verdi di diversa intensità; il buonissimo carpione di trota, e per finire la savetta in agrodolce. Quando ci sono, chiedere anche il fegato di pesce bottatrice all’aceto, o le sacche di uova di pesce persico (locale) fritte al burro.

ristorante-beccaccino-como-foto-tommaso-farina-2Di primo, eccellenti ravioloni di lavarello con pesto, passata di fagiolini e patata croccante, ma eccezionale è il riso mantecato con sopra il pesce persico dorato, d’una bontà tale da riconciliarvi con questo bistrattato pesce. Di secondo, il lavarello al forno; il pescato misto alle verdure; qualche piatto di carne, come l’alto, azzeccato filetto di manzo con verza croccante e fonduta di Bitto.

Concludere col “Paciugo d’inverno”: zabaione, mousse e gelée al caffè con crumble di nocciola. Si beve bene, da una carta dei vini con ragionevolissimi ricarichi, e bei distillati.

Spesa di circa 45-50 euro, per riscoprire un mondo.

Per informazioni
Ristorante Beccaccino
www.beccaccino.it
Via del Boschetto, 49
Sorico (Como)
Tel. 034484241
Chiuso il lunedì

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana