Google+

«E ricordatevi: tornerò»

febbraio 2, 2015 Eugenio Corti

eugenio-corti-soldato1Il 4 febbraio cade il primo anniversario della scomparsa dello scrittore Eugenio Corti, autore del capolavoro Il cavallo rosso. Il numero di gennaio di Studi cattolici ha anticipato un inedito scritto poche ore prima di salire sulla tradotta che l’avrebbe portato, come volontario, al fronte orientale. La corrispondenza completa sarà pubblicata prossimamente dalle Edizioni Ares. Riportiamo l’inedito qui di seguito.

Bologna, 9 giugno 1942

eugenio-corti-copa-tempiMamma e papà carissimi,
questa mia vi giungerà che io sarò in viaggio per il Fronte russo. Ve la scrivo perché voglio che sappiate con quali sentimenti io parto.
Vedo questa mia partenza per la guerra, come tutte le altre cose che capitano nella vita, inquadrata nei piani superiori della Provvidenza.
Anzitutto per quanto riguarda me nelle mie relazioni con tutta l’Umanità: non è giusto, vi pare, che mentre tutti i giovani della mia età, di quasi tutte le nazioni sono coinvolti in questa grande prova, io ne rimanga fuori.
Ma c’è di più: domani a questa guerra, come a tutte le guerre, seguiranno rivolgimenti e contrasti. Io non vorrò restarmene neghittosamente fuori: parteciperò anch’io in favore della Religione, della Famiglia, dello Spirito, di tutte quelle cose insomma in cui voi m’avete educato e nelle quali fermamente credo. Quale maggior peso avrà allora la mia personalità, se potrò dire che al momento del pericolo ero anch’io al mio posto.
In secondo luogo per quanto riguarda me nelle mie relazioni con la Famiglia: siamo tutti religiosi, e non ignoriamo che questa vita non è se non una continua prova. I periodi di pace sono per prepararci ai successivi periodi di prova. […] Ora la prova è venuta: ringraziamone Dio. Avrebbe potuto essere molto ma molto più dura. […] Anzi, io vorrei, da questa prova trarre un vantaggio ancora maggiore: la cosa che più mi angustia, l’unica anzi che mi angustia, mentre parto per il fronte, è il pensiero che voi due siate preoccupati per me.
Ebbene, voi promettetemi una cosa: che non sarete preoccupati affatto, che sarete sereni. […]
Pensate a quanto dice il Vangelo: “Cercate la gloria di Dio… il resto vi sarà dato in sovrappiù…”. Se l’anno scorso i Russi avessero attaccato per primi: un gioco di ore, si dice che a quest’ora tutto sarebbe stato sommerso. Dunque, perché preoccuparvi tanto anche se lo fate non per voi ma per noi?
A questa cosa soprattutto ci tengo, e voglio che mi diate notizie in proposito: che accettiate questa mia preghiera e vi conserviate per noi.
In terzo luogo in quanto riguarda me di fronte a me stesso: la guerra fa uomini.
La guerra insegna un’infinità di cose perché ci mostra i nostri simili tali quali essi sono: insegna a conoscere veramente gli uomini.
La guerra dà una grande personalità, una grande conoscenza di sé stessi.
Poi non dimenticate che io sono poeta e alla poesia l’aver provato la guerra è di grande giovamento.
Così chiudo queste mie parole. Io parto sereno, allegro anche: ciò che viene dalle mani di Dio dà sempre gioia. Vorrei che anche voi riusciste a pensarla come me.
E ricordatevi: tornerò. Da quanto vi ho detto prima è chiaro che devo tornare: lo sento. Potrò magari essere ferito o esser dato disperso, ma di una cosa voglio che vi ricordiate assolutamente: che tornerò. […]

Eugenio

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. Saint-Juste scrive:

    Si, Eugenio, sei tornato. Corti e’ uno dei pochi scrittori cattolici che amo (ho letto Il Cavallo rosso, Gli ulimi soldati del re e processo a stalin) veramente molto belli. Non pensavo che un cattolico potesse scrivere delle cose cosi profonde. Ottimo.

    • Paolo2 scrive:

      Si Corti è un grandissimo, sono d’accordo con te.
      E vista la tua buona disposizione di cuore di oggi, ti segnalo “qualche” altro scrittore\poeta cattolico che potrebbe sorprenderti: San Francesco D’Assisi, Dante Alighieri, Alessandro Manzoni, Gilbert Keith Chesterton, J.R.R. Tolkien, Robert Hugh Benson, Georges Bernanos, Paul Claudel, Graham Greene, Giovannino Guareschi, Bruce Marshall, Flannery O’Connor, Giovanni Testori, Oscar Milosz…..
      Sono solo alcuni tra evidentemente a tepoco noti, ma non preoccuparti, la maggior parte li trovi tranquillamente in qualsiasi libreria

      • Saint-Juste scrive:

        Ma questi son tutti libri che leggevano i ciellini all’universita’ ?! Si ne ho letto qualcuno ma a parte Dante e Manzoni che studiavamo alle superiori il resto sono scrittori che voi (do per assodato che lei Paolo2 sia di CL) conoscete solo grazie al vostro fondatore don Giussani, se no caro Paolo 2, non vi passava neanche per l’anticamera del cervello di leggere certi autori…Ho torto forse? Se don Giussani ha avuto il coraggio di leggere autori sconosciuti o diciamo contro-corrente, perche’ non cominciate a farlo anche voi ? Ci sono tanti scrittori atei e marxisti che esprimono molti concetti profondi sul senso della vita e altre cose a “voi” care. Scrittori di cui non leggete niente solo perche’ sono di sinistra e atei. Caro Paolo2, i pregiudizi e i preconcetti idelogici ci sono da entrambe le barricade a sinistra, come a destra come tra i ciellini. Saluti.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana