Google+

E noi che ci tormentiamo per quattro Tornado. Sako: «Ma quali aerei, dovete inviare l’esercito»

ottobre 7, 2015 Redazione

Mentre i politici italiani danno l’ennesima dimostrazione di quanto sia insensato e ingiusto il pacifismo a priori, un cardinale iracheno riporta tutti alla realtà. Dopo lo scoop di ieri del Corriere della Sera, che ha anticipato l’intenzione del governo di inviare quattro Tornado a bombardare lo Stato islamico in Iraq, si è sollevato un enorme polverone. Da tutte le parti politiche si sono alzate proteste contro l’Italia «guerrafondaia» e la sua «politica aggressiva».

Intervistato da Tv2000 all’ingresso del Sinodo, il patriarca iracheno cattolico dei caldei Louis Raphael I Sako ha ribadito con forza che intervenire non solo è giusto, perché lo Stato islamico ha cacciato dalle proprie case oltre 200 mila cristiani, ma che bisogna farlo con l’esercito perché «i bombardamenti non bastano»:

I bombardamenti non servono a niente. Questi jihadisti sono piccoli gruppi, ben formati e possono muoversi facilmente. Ci vuole l’invio di truppe di terra, anche straniere, magari disposto dalle Nazioni Unite, per distruggerli. Altrimenti non c’è soluzione, perché il governo iracheno da solo è incapace e debole. La soluzione militare è inevitabile: per sconfiggere l’Isis c’è bisogno di un’azione immediata e precisa. L’Isis è un rischio globale.

Poi ha aggiunto:

Come persona io ho il diritto di essere protetto. È un diritto naturale, la legittima difesa. Quanti morti ci sono stati? Quanti rifugiati? Non è una guerra, lo scopo è nobile: salvare la popolazione dall’odio cieco di questi jihadisti.

Interrogato sulla Siria e sulla volontà dell’Occidente di cacciare Bashar al-Assad, ha concluso così:

Guardi cosa è accaduto da noi: perché cambiare un regime con uno peggiore?

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

7 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Poi un (bel) giorno si rivoltò la frittata; gli europei gridarono:”al lupo! ,al lupo!!!” ma nessuno li ascoltò…

  2. SUSANNA ROLLI scrive:

    Poi un (bel) giorno si rivoltò la frittata; gli europei gridarono:”al lupo! ,al lupo!!!” ma nessuno li ascoltò…

  3. Menelik scrive:

    SAKO HA RAGIONE
    SAKO HA RAGIONE
    SAKO HA RAGIONE

    Bisognerebbe scriverlo 1000 volte a caratteri cubitali.
    Non per convincere me, io ne sono pienamente convinto.
    Ma anche in Vaticano c’è più di qualcuno che dovrebbe scriverlo 1000 volte sul quadernetto per impararlo.
    Non sono le armi ad essere cattive.
    E’ chi le usa che PUO’ esserlo.
    Le armi possono essere usate anche per fare del bene.
    E questo caso è uno di questi.
    https://it.wikipedia.org/wiki/Battaglia_di_Mboror%C3%A9
    Questo è un grande esempio del passato di un uso delle armi animato da un senso di giustizia.
    Contro l’isis gli ortodossi russi ci stanno dando l’esempio da seguire.

  4. Al Zbib scrive:

    “Guardi cosa è accaduto da noi: perché cambiare un regime con uno peggiore?”

    Ha ragione Sako a non avere fiducia nell’occidente : Se mi hanno mentito sui cormorani del Golfo, sulle incubatrici del Kuwait, sulle armi di distruzione di saddam, sui bunker ipertecnologici di Tora-Bora, sull’11 settembre 2001, sulla morte di Bin Laden, al punto da non riuscire neppure a mettersi d’accordo sulla dinamica dei fatti e innumerevoli altre montagne di fumo, perchè dovrebbero smettere di mentire proprio ora?
    Sono mesi che Palmira viene distrutta e ogni settimana viene distrutta di nuovo, una Palmira di Penelope.—
    la Siria è nel caos eppure il genitore del bambino fugge, poi il bembino annega e il giorno dopo si svolge il funerale a Kobane. Ma non era circondata? Non era sottoposto a continui bombardamenti? E le frontiere? Io non credo che riuscirei in così poco tempo pur avendo soldi e passaporti regolari di riuscire a muovermi in aree di guerra come andando al supermercato.

    • underwater scrive:

      Quanto a montagne di fumo voi siete esperti. Non fate altro che innalzare cortine fumogene per difendere i veri cattivi.

      • Raider scrive:

        Se stiamo ai fatti, non a deliri nazi-islamici e di chi gli sta dappresso con la solita solfa, roba come
        – cormorani del Golfo: la moria è stata inventata o esagerata da chi era contro l’intervento per abbattere Saddam Hussein – maledetto in quanto alleato degli Occidentali, beatificato nei secoli in quanto alleato in quanto legittimo invasore del Kuwait-: i falsi da bird-watching erano opera di anti-occidentali a tutta prova come l’islamo-nazista in fase eruttiva delle solite menzogne e baggianate:
        – le armi di distruzione di Saddam Hussein c’erano, lo sanno bene i Curdi strumentalmente esaltati ora e maledetti quando Saddam Hussein li gasava e gli islamo-nazist o tacevano e assentivano o negavano con la stessa disinvoltura con cui mentono inventano e ingannano adesso: parte di quelle armi chimche sono finite in mano all’Isis, che ne fa uso conforme:
        – ipertecnologici o no, i bunker, a Tora-Bora o altrove, c’erano e non per programmare interventi umanitari o di beneficenza: e andavano distrutti, con gran dispiacere dei nazi-islamici che esaltano come eroici “resistenti” i talebani, che fanno in Afghanistan e Pakistan quello che l’Isis fa in Siria e Iraq:
        – la morte d Bin Laden è stata una perdita tremenda per i nazi-islamici, era un così bell’esempio di saggio, illuminato e moderno interprete del Corano, le circostanze della fine di un tale campione della civiltà islamica non possono essere lasciate alle congetture più varie, ai complottisti le speculazioni dietrologiche, si sa, non piacciono…
        – entra e esce di tutto, da Kobane, non è circondata da tutti i lati, comunque, questo non sarà un problema, per il multinick nazi-islamico, falsifichi la sua identità e il gioco è fatto.

        Per tornare alle cose serie, i fatti degni di nota sono:
        – l’ insensato e ingiusto pacifismo a priori:
        – le proteste contro l’Italia «guerrafondaia» e la sua «politica aggressiva»: tutta farina del sacco di politicamente corretti e dei loro prediletti islamici anti-occidentali:
        – le parole di mons. Sakò: perché cambiare un regime con uno peggiore?
        Nessuno, mons., vuole questo: voleva, mr Obama, eliminare un regime che, pare di capire, non piaceva tanto neanche a lei.
        Comunque, ci sta pensando Putin non a salvare i cristiani che non si dava pena fossero sterminati a norma di Corano, ma a salvare il titolare e proprietario di maggioranza del regime che gli è molto caro.

        ci tato spezzato e
        imunh,

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana