Google+

Dove sbaglia il vescovo di Padova

gennaio 24, 2011 Rodolfo Casadei

Al numero 2.310 del Catechismo universale della Chiesa cattolica si legge che «I pubblici poteri, in questo caso (il caso in cui sussistono le condizioni per la legittimità della difesa nazionale, fissate al n. 2.309, ndr), hanno il diritto e il dovere di imporre ai cittadini gli obblighi necessari alla difesa nazionale. Coloro che si dedicano al servizio della patria nella vita militare sono servitori della sicurezza e della libertà dei popoli. Se rettamente adempiono il loro dovere, concorrono veramente al bene comune della nazione e al mantenimento della pace». Basterebbe questa citazione confutare la posizione espressa dal vescovo di Padova mons. Antonio Mattiazzo sui militari italiani caduti in Afghanistan.

 

Il presule avrebbe, secondo i giornali, recentemente dichiarato: «Certo, sono dispiaciuto per la morte di questi ragazzi. Ma andiamoci piano però con una certa esaltazione retorica: non facciamone degli eroi. Quelle non sono missioni di pace: vanno lì con le armi, e quindi il significato è un altro, non dobbiamo dimenticarlo. Magari poi si scopre che un soldato è morto per una mina fabbricata in Italia». A parte il fatto che in Afghanistan la gente non muore a causa di mine italiane, ma degli ordigni esplosivi seminati sul territorio dai talebani, non risulta, dalla lettura del Catechismo della Chiesa cattolica, che difesa della sicurezza e della libertà dei popoli e uso delle armi siano intrinsecamente in contraddizione, come vuol far credere il vescovo di Padova.


Forse il presule col suo intervento voleva sottolineare la dimensione profetica dell’agire cristiano, quella incardinata sulle parole del Vangelo: “A chi ti percuote su una guancia, offri anche l’altra”. Una dimensione che non è certamente estranea al Catechismo sopra citato, dove al numero 2.306 leggiamo: «Coloro che, per la salvaguardia dei diritti dell’uomo, rinunciano all’azione violenta e cruenta e ricorrono a mezzi di difesa che sono alla portata dei più deboli, rendono testimonianza alla carità evangelica. Purché ciò si faccia senza pregiudizio per i diritti e i doveri degli altri uomini e delle società. Essi legittimamente attestano la gravità dei rischi fisici e morali del ricorso alla violenza, che causa rovine e morti».

 

Il Catechismo, però, è equilibrato; afferma sia i doveri istituzionali della Chiesa che quelli profetici, e mette in guardia dai pericoli che derivano dall’appiattirsi unilateralmente su una sola delle due dimensioni: i rischi fisici e morali del ricorso alla violenza, il rischio di pregiudicare il diritto alla sicurezza dei più deboli attraverso una pratica integralista della non violenza. Mons. Mattiazzo, invece, è tutto squilibrato sul versante profetico. E attira su di sé una facile accusa di incoerenza: come può un vescovo della Chiesa cattolica italiana, che ha firmato un’intesa con lo Stato italiano in base al quale riconosce detto Stato e riceve una quota delle sue entrate fiscali, assumere una posizione apertamente anti-istituzionale, com’è quella che sottintende che i veri cristiani non dovrebbero mai portare armi?

 

Per essere coerente col profetismo di cui si fa portabandiera, il vescovo dovrebbe rinunciare alla quota del sostentamento del clero di provenienza fiscale e ai servizi che lo Stato fornisce a lui come agli altri cittadini: Servizio sanitario nazionale, assegno pensionistico, servizi di utilità pubblica, ecc. Chi rifiuta di contribuire alla sicurezza dello Stato in nome di altri princìpi, non dovrebbe poter usufruire dei vantaggi che la vita dentro ai confini militarmente difesi dello Stato gli garantisce. Altrimenti cade nel fariseismo. 
 
 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

31 Commenti

  1. Anonimo says:

    Per una volta che un prete dice qualcosa di buono! Non ho capito poi se Casadei considera eroi dei fantaccini che speravano di portare a casa i dine’, solo perchè schiattati sotto il fuoco di insorti.

  2. Hugh Lenhart says:

    wonderful list. Thanks dude.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.