Google+

Dove sbaglia il vescovo di Padova

gennaio 24, 2011 Rodolfo Casadei

Al numero 2.310 del Catechismo universale della Chiesa cattolica si legge che «I pubblici poteri, in questo caso (il caso in cui sussistono le condizioni per la legittimità della difesa nazionale, fissate al n. 2.309, ndr), hanno il diritto e il dovere di imporre ai cittadini gli obblighi necessari alla difesa nazionale. Coloro che si dedicano al servizio della patria nella vita militare sono servitori della sicurezza e della libertà dei popoli. Se rettamente adempiono il loro dovere, concorrono veramente al bene comune della nazione e al mantenimento della pace». Basterebbe questa citazione confutare la posizione espressa dal vescovo di Padova mons. Antonio Mattiazzo sui militari italiani caduti in Afghanistan.

 

Il presule avrebbe, secondo i giornali, recentemente dichiarato: «Certo, sono dispiaciuto per la morte di questi ragazzi. Ma andiamoci piano però con una certa esaltazione retorica: non facciamone degli eroi. Quelle non sono missioni di pace: vanno lì con le armi, e quindi il significato è un altro, non dobbiamo dimenticarlo. Magari poi si scopre che un soldato è morto per una mina fabbricata in Italia». A parte il fatto che in Afghanistan la gente non muore a causa di mine italiane, ma degli ordigni esplosivi seminati sul territorio dai talebani, non risulta, dalla lettura del Catechismo della Chiesa cattolica, che difesa della sicurezza e della libertà dei popoli e uso delle armi siano intrinsecamente in contraddizione, come vuol far credere il vescovo di Padova.


Forse il presule col suo intervento voleva sottolineare la dimensione profetica dell’agire cristiano, quella incardinata sulle parole del Vangelo: “A chi ti percuote su una guancia, offri anche l’altra”. Una dimensione che non è certamente estranea al Catechismo sopra citato, dove al numero 2.306 leggiamo: «Coloro che, per la salvaguardia dei diritti dell’uomo, rinunciano all’azione violenta e cruenta e ricorrono a mezzi di difesa che sono alla portata dei più deboli, rendono testimonianza alla carità evangelica. Purché ciò si faccia senza pregiudizio per i diritti e i doveri degli altri uomini e delle società. Essi legittimamente attestano la gravità dei rischi fisici e morali del ricorso alla violenza, che causa rovine e morti».

 

Il Catechismo, però, è equilibrato; afferma sia i doveri istituzionali della Chiesa che quelli profetici, e mette in guardia dai pericoli che derivano dall’appiattirsi unilateralmente su una sola delle due dimensioni: i rischi fisici e morali del ricorso alla violenza, il rischio di pregiudicare il diritto alla sicurezza dei più deboli attraverso una pratica integralista della non violenza. Mons. Mattiazzo, invece, è tutto squilibrato sul versante profetico. E attira su di sé una facile accusa di incoerenza: come può un vescovo della Chiesa cattolica italiana, che ha firmato un’intesa con lo Stato italiano in base al quale riconosce detto Stato e riceve una quota delle sue entrate fiscali, assumere una posizione apertamente anti-istituzionale, com’è quella che sottintende che i veri cristiani non dovrebbero mai portare armi?

 

Per essere coerente col profetismo di cui si fa portabandiera, il vescovo dovrebbe rinunciare alla quota del sostentamento del clero di provenienza fiscale e ai servizi che lo Stato fornisce a lui come agli altri cittadini: Servizio sanitario nazionale, assegno pensionistico, servizi di utilità pubblica, ecc. Chi rifiuta di contribuire alla sicurezza dello Stato in nome di altri princìpi, non dovrebbe poter usufruire dei vantaggi che la vita dentro ai confini militarmente difesi dello Stato gli garantisce. Altrimenti cade nel fariseismo. 
 
 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

31 Commenti

  1. Anonimo scrive:

    Per una volta che un prete dice qualcosa di buono! Non ho capito poi se Casadei considera eroi dei fantaccini che speravano di portare a casa i dine’, solo perchè schiattati sotto il fuoco di insorti.

  2. Hugh Lenhart scrive:

    wonderful list. Thanks dude.

  3. Anonimo scrive:

    Per me invece il Vescovo ha ragione e lo sappiamo tutti quanti, la guerra all’Afghanistan e’ stata voluta dal governo Bush ed ora dal governo Obama, una delle tantissime guerre americane che hanno seminato e seminano morte ed orrore nel mondo, l’unica cosa saggia, giusta e seria da fare sarebbe far tornare immediatamente i nostri militari a casa, una casa l’Italia che ha bisogno di loro per essere migliorata attraverso tantissime cose che i nostri militari potrebbero fare di utile qui.

    Capisco che essendo l’Italia una colonietta americana risulti difficile a Berlusconi ritirare i nostri soldati specialmente in un momento in cui lo stesso premier e’ sotto il probabile attacco di servizi segreti vicini agli ambienti americani.

    Andrea Rossi

  4. Anonimo scrive:

    Volesse Dio che la realta` fosse cosi` semplice: che ci sono gli Americani cattivi che vanno in giro per il mondo a seminare morte e distruzione. Credi anche che gli attacchi dell’11 settembre li ha organizzati lo stesso Bush per poi divertirsi a invadere le pietraie dell’Afghanistan? Probabilmente l’economia americana era a corto di sassi. I talibani invece erano dei pacifisti.

  5. Anonimo scrive:

    Scusa mi dice quanti aghani c’erano a bordo degli aerei schiantatosi addosso alle torri ? Te lo dico io: nessuno, ed anche se ce fosse stato uno forse cio’ potrebbe giustificare i bombardamenti sui villaggi e sulle citta’ afghane ? Sai quanti civili innocenti sono morti sotto le bombe americane ?

    Che cosa c’e’ di coraggioso nello sganciare bombe da aerei che volano al sicuro nel cielo ?

    Sai che cosa sono i droni ? Aerei senza pilota che seminano morte senza far rischiare nulla a chi li manovra…lasciamo perdere proprio…

    D’altronde gli americani possono fare quello che vogliono senza mai pagare pegno, hanno sganciato le bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki ovvero una delle cose piu’ atroci che la storia ricordi eppure il loro presidente non ha mai pagato nulla per questi crimini, per non parlare del cermis dove un paio dei cazzoni americani hanno provocato una ventina di morti, hanno pagato dazio ? Nemmeno per sogno…

    Prima dei talebani l’Afghanistan era gia’ stato massacrato dai comunisti sovietici ed allora i talebani facevano comodo agli americani, vogliamo poi parlare dell’attuale governo fantoccio di Karzai ? Uno dei piu’ corrotti di tutta quanta la storia afghana.

    Per non parlare del fatto che gli Stati Uniti anche in questi periodi stanno bombardando con i droni il Pakistan, ogni tanto ci scappa “qualche morto civile” ma pazienza sono “morti collaterali” e poi tanto i nostri mass-media asserviti ad Obama (tutti dal tg5 al tg3) non ne parlano e qundi va bene cosi’.

  6. Anonimo scrive:

    a ragione pienamente sig Andrea. Infatti il governo D’Alema con il suo alleato Clinton, andò a bombardare la Serbia per un anno intero, facendo partire gli aerei americani dall’Italia.
    Giuliano Galassi

  7. Anonimo scrive:

    Lei è un antiamericano viscerale in malafede menzognero e sofista. Il capo di quelli che si sono schiantati contro le Torri stava esattamente in Afghanistan e da lì ha organizzato il tutto. Gli americani hanno chiesto che fosse estradato (anche per gli attentati precedenti organizzati a Nairobi e Dar Es Salaam), ma il mullah Omar ha rifiutato, perché Talebani e Al Qaeda sono una cosa sola. Sarebbe bastato che i Talebani consegnassero Osama e i suoi fidi, e non ci sarebbe stato nessun intervento Usa-Nato in Afghanistan. Questa è la verità, ma i bugiardi falsari come lei si fidano della perdita di memoria della gente e la buttano sull’emotivo: le vittime civili. E quando i Talebani e Al Qaeda massacravano i civili come mai lei non si indignava e non scriveva ai giornali? Quelli come lei li conosciamo: si indignano solo se a sparare sono soldati americani o ebrei. Quando a fare massacri sono gli altri, e sono massacri “anti-imperialisti”, silenzio su tutta la linea!

  8. Anonimo scrive:

    Caro R.Casadei certi personaggi forti di quella che io chiamo la cultura da volantino non avendo capacità di approfondimento e nessuna voglia di verità si beano di una informazione semplificata e totalmente autoreferenziale. In pratica piace a loro darsi ragione. Intelligenza e approfondimento difficilmente si accompagnano ad una vera analisi.
    Grazie per i suoi articoli e la passione delle sue convinzioni.
    ErmannoDiSalza

  9. Anonimo scrive:

    Bene, quindi siccome in Afghanistan c’erano i terroristi allora bombardiamo l’Afghanistan, bene gran bella morale, complimenti !
    Ma approfondiamo, mi dica Lei: quanti morti civili ed innocenti ci sono stati finora in Afghanistan ? Si sa la cifra reale ? Forse no ma qual’e’ il limite oltre il quale si dira’ basta ? 10000 morti civili possono bastare ? O un milione ?

    Meglio antimericano che antiafghano o antiracheno poiche’ la mia antipatia agli Stati Uniti io la esprimo a parole mentre voi antiiracheni ed antiafghani la vostra antipatia la dimostrate appoggiate vili e criminogene guerre di aggressione.

    Vergognatevi !

  10. Anonimo scrive:

    Lei invece dov’era quando gli Stati Uniti di Kennedy (e non solo) massacravano centinaia di migliaia di vietnamiti bruciandoli vivi con il napalm ?

    Vede caro mio, io la mia coerenza la pago facendomi insultare da comunisti e fascisti, da cattolici e da atei, io condanno sia l’aborto che la pena di morte ed al tempo stesso le vili guerre d’aggressione sia che vengano compiute dai russi comunisti e sia che vengano compiute dai “democratici” americani, sia che le faccia l’ex comunista D’Alema e sia che le faccia Berlusconi.

    Uccidere migliaia di americani innocenti e’ un atto violento, disumano e criminale esattamente come lo e’ bombardare dall’alto migliaia di civili innocenti, non c’e’ assolutamente differenza tra le due cose.

  11. Anonimo scrive:

    Spero che prestoi talebani arrivino alle porte di casa sua e poi voglio sentirla strillare……..che ne pensa??? pacifinto?? forse per ilvescovo di Padova i veri eroi sono come il famoso Cralo Giuliani……

  12. Anonimo scrive:

    C’è differenza fra lanciarsi con aerei civili contro obiettivi civili per uccidere quante più persone possibile, e colpire involontariamente dei civili mentre si cerca di colpire i terroristi con attacchi mirati. Se gli americani e la Nato volessero veramente comportarsi come si comporta Al Qaeda, lancerebbero le atomiche su Afghanistan e zone tribali del Pakistan per essere sicuri di sterminare i colpevoli pericolosi insieme agli innocenti. Se AL Qaeda avesse l’atomica, farebbe questo con noi, e lei non avrebbe più occasione di scrivere fregnacce. Chi accomuna l’attacco alle Torri con le vittime civili della Nato in Afghanistan è un propagandista per allocchi. Stiamo parlando dell’Afghanistan e non dell’Iraq o di altre realtà storiche. Io sarei antiafghano? E lei che vuole il ritorno al potere dei Talebani e di Al Qaeda che cos’è? E perché non scrive mai delle vittime civili provocate da Talebani e Al Qaeda, che sono più numerose di quelle Nato? A lei degli afghani non le importa proprio niente, le importa solo attaccare gli “imperialisti” e i fantasmi sovietici, in nome dell’islam politico totalitario, al quale si sente affine.

  13. Anonimo scrive:

    Ed a Lei chi glielo dice che i civili afghani siano colpiti involontariamente ? Nella seconda guerra mondiali i civili erano colpiti deliberatamente come insegnano sia i bombardamenti su Roma e sia le bombe atomiche sul Giappone, oggi l’opinione pubblica non sopporterebbe che le si dicesse la verita’ ed allore le si dice che i morti civili sono involontari, si come no…

    Gli Stati Uniti hanno fatto e fanno di peggio e non da oggi, sul Vietnam buttavano il napalm, in Iraq ed in Afghanistan hanno usato le bombe al fosforo bianco (tipo a Falluja) ovvero una delle cose piu’ atroci abbia mai prodotto l’industria bellica, ribadisco inoltre che l’unico paese nella storia ad aver usato bombe atomiche su civili innocenti sono stati proprio gli Stati Uniti d’America che in un paio di colpi hanno ucciso circa 300000 giapponesi, ovviamente donne e bambini compresi.

    Se mio nonno avesse tre palle sarebbe un flipper, lei pare che non veda l’ora che Al Qaeda usi le bombe per sbuciardarmi, gran bella prospettiva, complimenti, nei fatti finora l’atomica sui civili l’ha usata solo l’America.

    Se gli americani continuano a mettere al potere corrotti come Karzai i talebani torneranno al potere con o senza il mio “determinate” aiuto.
    Ma Lei non ha risposto alle mie domande: quante vittime civili hanno causato i vigliacchi bombardamenti americani sull’Iraq e sull’Afghanistan ? E qual’e’ la soglia oltre la quale la sete di vendetta americana si plachera’ ? 1.000.000 di morti civili possono bastare o no ? Dica lei…

    A me non importa nulla degli afghani ? Io credo che loro siano molto piu’ contenti del mio “disinteressamento” che non dell'”interessamento” degli americani che finora l’unica cosa che hanno liberato sono state le anime dei tantissimi civili iracheni ed afghani uccisi dalle loro bombe “intelligenti”.

    I fatti poi parlano chiaro, le armi chimiche di Saddam non esistevano come ha ammesso anche quell’altro guerrafondaio di Tony Blair, quindi sulla base di menzogne si e’ fatta un’ulteriore sporca guerra, ma d’altrone Le menzogne americane sono tantissime nel corso della storia tanto e’ vero che il Presidente Truman il giorno dopo aver ordinato lo sganciamento della prima bomba atomica disse di aver colpito obiettivi militari.

    Ma io la capisco, in fondo l’Italia e’ una colonia americana dal 1945 e Lei comprensibilmente si e’ adattato alla mentalita’ vincente, una mentalita’ vincente in un paese come l’Italia totalmente asservita ai voleri americani.

    p.s.: se gli americani continuano cosi’ gli “antiamericani” cresceranno esponenzialmente in tutto il mondo, hanno provato a mettere una toppa creando quel fenomeno mediatico interplanetario che risponde al nome di Obama ma ci sono riusciti fino ad un certo punto.

  14. Anonimo scrive:

    Bravissimo, continui a cambiare discorso: Seconda Guerra mondiale, Iraq, Tony Blair, il Vietnam… Perché sull’Afghanistan lei ha torto stramarcio: a scegliersi i civili come bersaglio sono i Talebani e Al Qaeda, non i nostri soldati. Sono loro che uccidono gli insegnanti nei villaggi, che trucidano i volontari delle Ong. Se lei è convinto che i nostri soldati sparino intenzionalmente sui civili, vada alla procura di Milano a sporgere denuncia per strage. Oppure vada alla Corte penale internazionale dell’Aja. Lei ribalta l’evidenza dei fatti per sostenere le sue tesi deliranti.
    Nella Seconda Guerra mondiale tutti bombardavano i civili, ma a lei, chissà come mai, vengono in mente solo gli americani. Coventry chi l’ha bombardata? Shanghai chi l’ha devastata? Se l’Italia ha dovuto ripararsi sotto l’ala americana deopo la Seconda Guerra mondiale, è colpa degli islamo-fascisti come lei che ci hanno trascinato in guerra. L?alleanza con gli Usa ci ha permesso di risorgere economicamente e di avere un paese passabilmente democratico e ci ha garantito 60 anni di pace. Se avesse governato uno come lei, ci ritroveremmo daccapo con la camicia nera.

  15. Anonimo scrive:

    in afganistan non è una guerra.
    chi muore in afganistan non è un caduto di guerra.
    è un morto in un investimento in cui l’italia si trova a “lavorare” per debiti pregressi con altre nazioni, l’afganistan non minaccia l’italia.
    la guerra cui si rifà il C.C.C. è quella per la difesa da oppressione, non quella di investimento.

    inoltre questo dice la costituzione:

    Art. 11

    L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.

  16. Anonimo scrive:

    E vai con la fregnaccia numero 100. L’Italia è in Afghanistan su richiesta del legittimo governo afghano, succeduto al legittimo governo di Rabbani, l’unico riconosciuto internazionalmente e anche dal nostro paese. Il governo dei Talebani era riconosciuto solo da Pakistan e Arabia Saudita, alle Nazioni Unite il seggio dell’Afghanistan i Talebani non hanno mai potuto occuparlo. L’Italia è in Afghanistan su richiesta del governo sovrano di uno stato sovrano, che ha chiesto aiuto per reprimere un’insorgenza armata e finanziata da ambienti pakistani, sauditi e iraniani. L’Italia non ha MAI dichiarato guerra all’Afghanistan e non è in guerra con l’Afghanistan, come lei sa benissimo ma finge di non sapere, sprofondato nella malafede.

  17. Anonimo scrive:

    Io trasecolo…ma dove vivete ? Parlate dell’Afghanistan e di “governo sovrano” ed a questo punto perche’ non parlate pure di Pinocchio e della Fata Turchina ? Quello che voi chiamate “governo sovrano” e’ il classico governo fantoccio messo su da chi ha vinto la guerra (per ora…) ovvero gli Stati Uniti.

    Comunque si continua ad ignorare le mie domande il che e’ legittimo ma pone dei dubbi sulla vostra obiettivita’, ci riprovo: quanti morti civili ci sono stati in Iraq ed in Afghanistan finora ? E qual’e’ la soglia oltre la quale la “rappresaglia” americana si potra’ dire compiuta ?

    Altra domanda: chi ha usato le armi al fosforo bianco su Falluja ? Potreste esprimere una piccola condanna inmerito a questo o il vostro cieco amore per gli Stati Uniti ve lo impedisce ?

    Andrea Rossi

    p.s.: io mi sento fiero di essere italiano e non americano poiche’ l amia nazione nonostante tutti i difetti non ha mai (diciamo quasi mai…) aggredito paesi esteri, amo la mia nazione perche’ nonostante tutto continua a ripugnare la guerra anche se mascherata sotto falsi nomi, continuo ad amare l’Italia perche’ so che le nostre forze armate nonostante i nostri servili governanti non hanno mai raggiunto la violenza imbecille che invece hanno raggiunto e raggiungono i loro colleghi d’oltreoceano.

  18. Anonimo scrive:

    Altra cosa. Ho letto che qualcuno di voi parla dell’Italia come di un paese democratico, certamente l’Italia e’ un paese democratico ma non del tutto ed io credo che almeno su questo dovreste convenire tutti, come infatti la storia c’insegna dopo la II guerra mondiale le potenze vincitrici si spartirono di fatto il mondo e l’Italia entro’ a far parte dell’orbita americana con relativi vantaggi e svantaggi, ne consegue che su alcuni temi la sovranita’ dell’Italia e’ ampiamente limitata’ (e figuriamoci il “governo sovrano afghano…”).

  19. Anonimo scrive:

    Egregio Ermanno
    Sottoscrivo in toto le sue osservazioni. Se permette, d’ora in avanti, a meno che non ci siano diritti da pagare, mi approprierò volentieri della sua geniale definizione di “cultura da volantino”. Cordiali Saluti.
    G.M. Tubini

  20. Anonimo scrive:

    Il fosforo bianco, permesso dalla Convenzione di Ginevra, non è un’arma peggiore delle “normali” bombe: se dovessi scegliere fra l’essere attaccato con le bombe al fosforo o con quelle “normali”, preferirei senz’altro le prime: avrei molte meno possibilità di essere colpito e più possibilità di cavarmela. Ma parlare di fosforo bianco serve a demonizzare gli americani, che è l’unica cosa che interessa a lei. Lei parla di “governo fantoccio” a Kabul. Perché quello Talebano che cos’era? L’avevano portato lì i servizi segreti pakistani, i soldi sauditi e i terroristi di Al Qaeda. Ma fra i due governi (se vogliamo chiamare così il potere talebano 1992-95) c’è una differenza di fondo: quello Talebano permetteva ad Al Qaeda di organizzare attentati come quelli di Nairobi, Dar Es Salaam, New York e Washington, dove sono morti migliaia di civili di ogni razza, nazionalità e religione. Mentre il governo attuale, per quanto corrotto e inefficiente, non rappresenta una minaccia terroristica. Gli antiamericani come lei disprezzano un governo come quello afghano attuale, che non li bombarderà mai, perché è filo-americano; mentre non hanno niente da dire sul vecchio governo talebano, che favoriva attacchi terroristici che potevano uccidere chiunque, solo perché era anti-americano. Lei detesta quelli che non la attaccheranno mai con assalti terroristici, e chiude un occhio su quelli che non avrebbero avuto problemi ad ucciderla! Perché il fatto vero è uno solo: l’antiamericanismo ossessivo è una patologia psichiatrica.
    P.S.: l’Italia non ha mai aggredito nessuno? Lo vada a chiedere a libici, eritrei, etiopici, greci, albanesi, montenegrini, ecc. Nel XX secolo l’Italia ha ucciso centinaia di migliaia di civili delle nazioni suddette.

  21. Anonimo scrive:

    Boffiamo il vescovo di Padova!…
    Non ha ancora compreso che l’ultima interpretazione della nostra religione impone di onorare un solo Dio, il Dio Denaro. Tutto il resto è strumentale o inutile orpello.
    Costui va fermato prima che combini altri guai: prima che qualcuno possa seguirlo nella sua assurda eresia.
    Le gerarchie vaticane hanno fatto un ottimo lavoro per salvare papi Silvio dalla graticola mediatica che lo stava rapidamente consumando. Ora abbiano il coraggio di usare quella stessa graticola per arrostire Mons. Mattiazzo. La legna non manca di certo.

  22. Anonimo scrive:

    Mi scusi, Casadei, ma Lei è il classico modernista postconciliare che difende gli Stati Uniti, il sionismo e le guerre ingiuste dell’Occidente anticristiano. Nel periodo preconciliare forse sarebbe stato messo a tacere; solo la confusione attuale può far sembrare Lei “cattolico”. Lei è politicizzato, e non cattolico, tanto quanto il vescovo di Padova, che però ha detto due verità: il ragazzo morto non è un eroe, e la “missione di pace” in Afghanistan è una guerra.

  23. Anonimo scrive:

    Ma come si permette di stabilire lei chi è cattolico e chi no? Lei è forse un vescovo? Cerchi di discutere di politica e di produrre qualche idea sensata, se ne è capace. Qui il tema è stato fin dall’inizio non “le guerre ingiuste dell’Occidente”, ma l’Afghanistan. E su questo abbiamo letto da parte vostra analisi propagandistiche, faziose e incapaci di rispondere alle contestazioni. Chi contesta l’alleanza dell’Italia con gli Stati Uniti nella Nato (che riguarda un’altra trentina di paesi: tutti servi?) deve spiegare quale alternativa propone. Il “non-allineamento”? L’Italia che si difende da sè? Scappa da ridere solo a pensarci. Se gli Stati Uniti sono diventati potenza egemone (ma adesso è iniziata una fase storica di flessione) questo è dovuto agli errori dell’Europa, ai totalitarismi del Novecento. Fare antiamericanismo senza riflettere sul Novecento europeo, è tipico dei filo-fascisti e dei filo-comunisti. Cioè dei veri “colpevoli” dell’ascesa egemonica degli Usa.
    Quanto al sionismo,altro non è che il nazionalismo degli ebrei; pertanto ha gli stessi pregi e gli stessi difetti di tutti i nazionalismi, compreso quello italiano celebrato retoricamente quest’anno. Se si nega agli ebrei il diritto di essere sionisti, bisogna negare ai popoli di tutti i paesi europei (e non solo europei) di essere a loro volta nazionalisti. Ma con quale proposta? Siete in grado di far risorgere gli Imperi? (asburgico, ottomano, zarista, ecc.)? Oppure volete il mondo governato dall’Onu? So già che non risponderete a queste domande, perché a voi del realismo non importa nulla: volete solo apparire nobili e giusti ai vostri stessi occhi, per poter fare la morale agli altri.

  24. Anonimo scrive:

    “P.S.: l’Italia non ha mai aggredito nessuno? Lo vada a chiedere a libici, eritrei, etiopici, greci, albanesi, montenegrini, ecc. Nel XX secolo l’Italia ha ucciso centinaia di migliaia di civili delle nazioni suddette.”

    INFATTI AVEVO SCRITTO “QUASI MAI”…NON HA LETTO BENE QUINDI.

    LEI PREFERIREBBE ESSERE ATTACCAT CON “NORMALI BOMBE” INVECE CHE COL FOSFORO BIANCO, BEH VABBE’ OGNUNO HA I SUOI MASOCHISMI…

    GLI STATI UNITI NON HANNO BISOGNO DI ATTACCARE LE LORO COLONIE, HANNO ALTRI METODI PER COLPIRE CHI DA FASTIDIO, FORSE SI RICORDERA’ DI UN CERTO ENRICO MATTEI…

    COMUNQUE LEI EVADE LE DOMANDE SGRADITE: QUANTI MORTI CIVILI HANNO FATTO GLI AMERICANI IN IRAQ ED IN AFGHANISTA ? E QUAL’E’ LA SOGLIA OLTRE LA QUALE DIRANNO BASTA, SEMPRE CHE CI SIA UNA SOGLIA OVVIAMENTE…

    RIGUARDO AL TERRORISMO LEI DOVREBBE SAPERE CHE GLI STATI UNITI HANNO FORMATO E PIU’ DI UNA VOLTA VERI E PROPRI SQUADRONI DELLA MORTE CHE HANNO SEMINATO IL TERRORE NEI PAESI SGRADITI AGLI USA.

    LEI E’ UN ANTIAFGHANO VISCERALE A CUI SONO EVIDENTEMENTE INDIFFERENTI LE TANTISSIME MORTI DI CIVILI INNOCENTI UCCISI DAGLI AMERICANI, PER LEI EVIDENTEMENTE UN MORTO AMERICANO NON EQUIVALE AD UN MORTO AFGHANO, PER ME INVECE SI.

  25. Anonimo scrive:

    Ah, sì? Il suo “quasi mai” conteneva le centinaia di migliaia di civili di paesi esteri fatti morire dall’Italia di Crispi e dall’Italia fascista? Che grande capacità di sintesi! In realtà, è un’altra prova che a lei dei morti civili non le importa proprio niente. I civili afghani, iracheni o vietnamiti vittime di guerra le stanno a cuore solo perché sono stati uccisi dagli americani. Una parte non trascurabile di quei civili è stata trucidata dai vietcong, da milizie islamiche, talebani, Al Qaeda, ecc., ma essi non hanno diritto al suo pianto commosso, perché non sono stati uccisi dagli americani.
    Perché non inonda di post indignati i siti di informazione per denunciare i 150 mila morti civili della guerra fra governo e islamisti in Algeria, i 200 mila del Darfur vittime del governo islamista di Khartoum, il milione e passa di morti del Congo, gli 800 mila del Ruanda nel 1994, i 40 mila curdi gassati da Saddam Hussein, ecc. ecc.? Sempre e solo per la ragione di cui sopra. E’ lei che dà un peso diverso ai morti, a seconda di chi li ha uccisi, non io.

  26. Anonimo scrive:

    Ah, sì? Il suo “quasi mai” conteneva le centinaia di migliaia di civili di paesi esteri fatti morire dall’Italia di Crispi e dall’Italia fascista? Che grande capacità di sintesi! ”

    PRIMA QUANDO HO FATTO RIFERIMENTO ALLA II GUERRA MONDIALE MI E’ STATO POI SCRITTO CHE ANDAVO TROPPO INDIETRO NEL TEMPO E MESCOLAVO LE COSE, LEI SCRIVE DEI MORTI CAUSATI DAL FASCISMO MA ORA ANDARE INDIETRO NEL TEMPO VA BENE, BENE OTTIMA COERENZA…

    Perché non inonda di post indignati i siti di informazione per denunciare i 150 mila morti civili della guerra fra governo e islamisti in Algeria, i 200 mila del Darfur vittime del governo islamista di Khartoum, il milione e passa di morti del Congo, gli 800 mila del Ruanda nel 1994, i 40 mila curdi gassati da Saddam Hussein, ecc. ecc.?

    QUESTA E’ UNA PICCOLA IDIOZIA, INNANZITUTTO L’ITALIA NON HA PARTECIPATO NE AL MASSACRO DEI CURDI NE AL GENOCIDIO DEL DARFUR QUINDI NON VEDO PERCHE’ DOVREI CRITICARE IL GOVERNO ITALIANO PER COSE CHE NON HA FATTO, IO CRITICO I GOVERNI ITALIANI CHE PARTECIPANO ATTIVAMENTE ALLE CRIMINALE GUERRE AMERICANE, SE AVESSIMO PARTECIPATO ANCHE AL MASSACRO DEI CURDI LO AVREI CRITICATO OVVIAMENTE.

    VISTO CHE LEI CONTINUA AD EVADERE LE DOMANDE SCOMODE GLIENE FACCIO UN’ALTRA: RITIENE CHE SIA CORAGGIOSO USARE I DRONI (AEREI SENZA PILOTA) PER ATTACCARE I NEMICI ? IO NO LO RITENGO DI UNA VILTA’ E DI UNA DISUMANITA’ MAI VISTA PRIMA.

    CONTINUO A RITENERLA UN’ACRITICO FILOAMERICANO, DOV’ERA LEI QUANDO GLI AMERICANI ADDESTRAVANO GLI SQUADRONI DELLA MORTE, DOV’ERA LEI IL 6 OTTOBRE 1976 QUANDO GRAZIE ANCHE ALLA CIA UN AEREO CUBANO FU FATTO ESPLODERE IN VOLO CON UN ATTO DI TERRORISMO CAUSANDO LA MORTE DI UN CENTINAIO DI PERSONE ? VOGLIAMO PARLARE POI DELL’APPOGGIO CHE GLI STATI UNITI HANNO SEMPRE DATO A GRUPPI TERRORISTICI IN TUTTA L’AMERICA LATINA ? O PREFERISCE PARLARE DI CIO’ CHE HANNO CONTRIBUITO A FARE IN INDONESIA…?

  27. Anonimo scrive:

    ALTRA COSA. QUALCUNO SPERA CHE ARRIVINO I TALEBANI A CASA MIA, IO AL POSTO VOSTRO MI AUGUREREI CHE NON ARRIVINO GLI AMERICANI CON I “LORO BOMBARDAMENTI INTELLIGENTI” POICHE’ IN QUESTO CASO CREDO CHE OLTRE A ME COLPIREBBERO ANCHE QUALCUN’ALTRO…(SPERO PER VOI CHE ABITIATE SUFFICENTEMENTE LONTANO DA ME…).

    VABBE CHE VOI CREDETE A BIANCANEVE ED ALLE “BOMBE INTELLIGENTI”…

  28. Anonimo scrive:

    Se vogliamo poi andare nei particolari possiamo anche sintetizzare la storia dei famigerati contras in nicaragua…

  29. Anonimo scrive:

    Alleanza è sinonimo che presuppone un accordo fra pari. L’Italia è suddita degli Usa non alleata. Il resto sono solo amenità di chi si ostina a vedere gli Stati Uniti come portatori di democrazia e progresso. Sono solo un impero e ormai in affanno , per fortuna.

  30. Anonimo scrive:

    Lei continua a fare il finto tonto: non l’ho mai rimproverata di andare indietro nel tempo, ma di cambiare continuamente discorso, perché trovava troppo difficile difendere le sue insostenibili opinioni intorno all’Afghanistan. Nessuna idiozia da parte mia, è lei che continua a intorbidire le acque: è lei che ha evocato guerre condotte dagli americani alle quali l’Italia non ha partecipato dalla loro parte, come quella del Vietnam e l’ultima in Iraq (il nostro contingente è andato lì dopo che il regime di Saddam Hussein era già caduto), e la II Guerra mondiale dove era stata l’Italia a dichiarare la guerra agli Sati Uniti. Lei è indignato delle vittime causate da uno Stato e da un governo stranieri; se vuole essere coerente, deve indignarsi anche per le vittime di altri governi stranieri oltre a quello americano, altrimenti si espone all’accusa di antiamericanismo viscerale. Accusa gli americani per complicità in un attentato terroristico ai danni di Cuba, che comunque non sono complicità ai massimi livelli, e non dice una parola sulle avventure africane di Fidel, che ha ucciso migliaia di angolani, eritrei e somali per fare un piacere a Mosca. E che non permette al suo popolo di avere sindacati, partiti e stampa libera dopo 52 anni di potere assoluto. Biasima i contras senza spendere una parola sull’autoritarismo dei sandinisti, che erano armati da Cuba e dall’Urss, e il cui epigono Daniel Ortega sta facendo carne di porco dello Stato di diritto per farsi confermare presidente del Nicaragua. Non so se l’hanno informata, ma negli anni Cinquanta-Ottanta del XX secolo c’è stata una cosa chiamata Guerra Fredda, che nel Terzo Mondo è diventata guerra calda. Ma sono sicuro che lei aveva la soluzione pronta per i problemi di allora: sarebbe bastato che gli americani calassero le braghe!

  31. Anonimo scrive:

    Peccato che proprio oggi i suoi amici Talebani abbiano mandato un loro kamikaze in un supermercato di Kabul, per colpire alcuni “dipendenti di Blackwater”. Non si sa ancora se li ha beccati, mentre è sicuro che ha causato anche la morte di tre donne e di un bambino! Noi crediamo a Biancaneve, lei invece è un fan di Cappuccetto Rosso (di sangue)!!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Svelata la concept che anticipa la nuova WRC del Double Chevron, attesa ai vertici del Campionato mondiale rally 2017. Esteticamente simile a una Gruppo B degli Anni ’80, può contare su di un 1.6 turbo benzina da 380 cv.

La concept spagnola ama l’off road. Al 2.0 TDI da 190 cv si accompagnano il cambio a doppia frizione DSG, le 4WD e un allestimento estetico degno di una 4x4 nuda e pura. Potrebbe derivarne una versione di serie.

Debutta la variante tutto terreno della wagon tedesca. Può affrontare facili sterrati grazie all’assetto regolabile, all’altezza da terra superiore allo standard e a protezioni specifiche. Motori turbodiesel di 2,0 e 3,0 litri da 195 e 258 cv.

Il lieve restyling della berlina/wagon nipponica porta in dote una superiore insonorizzazione dell’abitacolo e il sistema di gestione dell’erogazione G-Vectoring Control. Confermati i propulsori, arricchito il capitolo sicurezza.

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana