Google+

Dossier – Quando una collezione d’arte infrange i canoni tradizionali?

dicembre 12, 2013 Mariapia Bruno

<<L’arte di collezionare comporta, almeno per quanto mi riguarda, qualcosa di compulsivo>> – afferma David Walsh, collezionista e matematico australiano decisamente atipico che si è arricchito giocando al casinò e fondando una società di scommesse su corse di cavalli e di cani. <<Sono un collezionista e lo sono sempre stato, quando ero bambino collezionavo francobolli, libri, monete australiane, ma non gli amici>>. Ma adesso che è adulto vanta una collezione eterogenea di numismatica, archeologia, arte etnografica e contemporanea, che possiamo vedere in Europa, fino al 12 gennaio 2014, presso la Maison Rouge di Parigi all’interno della retrospettiva Theatre of the world (Teatro del mondo). La sua filosofia è sempre stata quella di imparare collezionando, e viene perfettamente riflessa all’interno del percorso espositivo curato da Jean-Hubert Martin, che ha costruito la mostra lasciando da parte le domande di partenza che generalmente si pongono i curatori – ovvero quale è l’idea centrale o il tema del percorso espositivo da cui partire – per creare una sorta di miscellanea della conoscenza in cui si trovano riferimenti che vanno dal Teatro della Memoria dell’umanista rinascimentale Giulio Camillo (che concepì l’idea di un teatro che recasse l’impronta mnemonica della conoscenza universale), alla Genesi e all’origine delle cose, all’idea del Doppio, degli Animali, dell’Astrazione, della Separazione, dell’Aldilà.

E’ un approccio espositivo più antropologico che da storico dell’arte, in quanto lo stesso curatore, in perfetta sintonia col collezionista, muove da un’idea che si discosta da quella tipica visione della realtà della seconda metà del XX secolo secondo la quale tutto deve esser suscettibile di narrazione, e presenta una mostra dove forse il bello è quello di andare impreparati, per imparare guardando questa miscellanea di oggetti presentati come in una wunderkammer dei nostri tempi. Il modello espositivo ricalca quello del museo Mona (Museum of Old and New Art) di Hobart, in Tasmania, che conserva la più grande collezione di Walsh (che è peraltro il suo fondatore) e che lo stesso collezionista ha descritto come una <<Disneyland sovversiva per adulti>>. Perché è proprio l’idea del lasciarsi dietro le regole e le tendenze ormai “confezionate” del bel mostrare d’arte a dar sapore ad un evento del genere, sovversivo, ma non troppo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Si infiamma il segmento delle hatchback sportive. La Renault non resta a guardare e risponde alle rivali più agguerrite del momento, vale a dire Ford Focus RS e Volkswagen Golf R, con la nuova generazione della Mégane RS. Attesa al debutto in occasione dell’imminente Gran Premio di F1 di Montecarlo, la media ad alte prestazioni […]

L'articolo Renault Mégane RS 2017: debutta a Montecarlo proviene da RED Live.

Con la nuova Micra, Nissan ha voltato pagina. La più recente generazione dell’utilitaria giapponese, presentata nel 2016, è infatti cresciuta nelle dimensioni – è più lunga di 17 cm e larga di 7 cm rispetto al vecchio modello – si è ispirata esteticamente alle SUV Qashqai e X-Trail, ha beneficiato di una linea aggressiva e […]

L'articolo Nissan Micra, si amplia la gamma proviene da RED Live.

Come uno scultore affina le proprie opere, così MINI dedica una serie di aggiornamenti ai modelli in gamma, concentrati principalmente sull’ampliamento delle dotazioni, delle combinazioni di colori e dell’offerta di motori. Protagonista principale è la crossover Countryman, ma beneficiano di una ventata di novità anche la hatchback e la Clubman. Le vetture in configurazione 2017 […]

L'articolo MINI model year 2017: una ventata di novità proviene da RED Live.

Ti guarda attraverso il finestrino semi abbassato, sorridendo sornione. Stringe tra le mani il volante di una Classe E (serie W211) del 2007 e, con malcelato orgoglio, ti dice che lui, con quell’auto, ha percorso 500.000 km limitandosi alla manutenzione ordinaria. Poi, quando scatta il verde, saluta con la manina e ti lascia lì, impietrito. […]

L'articolo Long run Mercedes-Benz E220d proviene da RED Live.

Continua l’offensiva Skoda nel segmento delle SUV. Dopo la Kodiaq, ecco debuttare in veste definitiva la Karoq, erede della conosciuta Yeti. Quest’ultima, sul mercato dal 2009, esce definitivamente di scena, cedendo il passo a una moderna, ma esteticamente più convenzionale, crossover dalle dimensioni compatte. 32 cm più corta della Kodiaq La nuova Karoq, “gemella diversa” […]

L'articolo Skoda Karoq: profumo di Tiguan proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana