Google+

Dossier – Dove sono finiti i valori della tradizione? La parola a Ivan Glazunov

novembre 6, 2014 Mariapia Bruno

ivanmIl pittore russo Ivan Glazunov guarda al passato per salvare il presente e il futuro. Ogni nazione, si sa, ha le proprie peculiarità che si esplicano attraverso la lingua, le abitudini, lo stile di vita. Ma cosa accade quando questi valori si perdono? E’ questo il rischio che da cui muove la ricerca dell’artista. <<Abbiamo bisogno di preservare i nostri valori originari – afferma-, che ci hanno sostenuto in ogni momento: sono il perno che ci ha permesso di non perderci, che ha conservato la nostra immagine come popolo. Voglio mostrare ciò che mi è caro della Russia, ciò che io amo. Durante tutta la mia vita, ho raccolto e studiato pezzi di antiquariato russo: ognuno di essi può raccontarci le persone che hanno vissuto secoli fa o più recentemente>>.

Glazunov2:Layout 1E questa passione per il passato l’artista cerca di trasmetterla ai figli, con i quali visita città e musei, luoghi questi ultimi capaci di catapultarci lontani nei secoli, spesso anche in mondi fantastici. La collezione di Glazunov, fatta di dipinti, antichi costumi russi di eccezionale fattura e preziosi oggetti di arte popolare, racconta, dunque, la diversità e unicità della sua cultura d’origine. Possiamo ammirarla presso la Fondazione Querini Stampalia di Venezia, all’interno della mostra intitolata C’ara una volta la Russia. Lo sguardo di Ivan Glazunov, che resterà aperta al pubblico fino all’11 gennaio 2015. L’immersione nella tradizione del paese dell’artista è totale: <<Ivan Glazunov – scrive Viktorija Ukolova nel catalogo – è un artista “russo” nel pieno significato del termine. Nel suo lavoro, ciò che sorprende sono due caratteristiche ormai quasi scomparse nell’arte contemporanea: l’onestà e un trepido atteggiamento verso la vita>>. Al pubblico l’ultima parola.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana