Google+

Dossier – Dimenticate gli stucchi e putti, il Barocco mette radici nei bassifondi

novembre 27, 2014 Mariapia Bruno

1_Bartolomeo Manfredi-Gruppo di bevitori-2-150dpiSampietrini, fontane e facciate, da Piazza del Popolo a Piazza Navona, dagli Ortacci a Tor di Nona, chissà quanti rocamboleschi momenti di vita di strada potrebbero raccontarci, se solo avessero le parole. E non dovremmo affatto stupirci nel constatare che i protagonisti di certe risse e indecorose azioni non siano altro che coloro che chiamiamo maestri, di fronte ai quali faremmo senza alcun dubbio un inchino: Caravaggio e Cellini in primis, con le loro amanti, facili quanto la loro destrezza nel tirar fuori un pugnale, tra oscuri vicoli e le solite osterie perfette per alzare il gomito. E’ il mondo sciatto e miserabile del romano popolo, quello che ci racconta la mostra I bassifondi del Barocco, aperta presso l’Accademia di Francia a Roma, con sede a Villa Medici, fino al 18 gennaio 2015.

3_Pietro Paolini-Les TricheursTutt’altro che stucchi e putti, quella che ci troviamo davanti è la Roma alla rovescia, colorata, si fa per dire, da miserie, degenerazioni ed eccessi di ogni tipo. Forse un modo per ribellarsi a quella pomposità dorata dei bei palazzi nobiliari e delle chiese? Come hanno scritto nell’introduzione al catalogo i direttori di Villa Medici (Éric de Chassey) e del Petit Palais (Christophe Leribault) di Parigi, dove la rassegna sarà ospitata una volta che sarà conclusa in Italia, – <<Come valvola di sfogo a fronte di tanta devozione e sontuosità ostentate, i nostri artisti celebrano cortigiane e truffatori, ponendosi sotto l’egida di Bacco, anziché di Apollo, per sfuggire a qualunque tentativo di normalizzazione>>. Brilli, ma allo stesso tempo preziosi testimoni di un tempo che in fondo non è mai cambiato: un tempo dove miseria e nobiltà, ricchezza e povertà erano le facce della stessa medaglia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.