Google+

Dossier – Dimenticate gli stucchi e putti, il Barocco mette radici nei bassifondi

novembre 27, 2014 Mariapia Bruno

1_Bartolomeo Manfredi-Gruppo di bevitori-2-150dpiSampietrini, fontane e facciate, da Piazza del Popolo a Piazza Navona, dagli Ortacci a Tor di Nona, chissà quanti rocamboleschi momenti di vita di strada potrebbero raccontarci, se solo avessero le parole. E non dovremmo affatto stupirci nel constatare che i protagonisti di certe risse e indecorose azioni non siano altro che coloro che chiamiamo maestri, di fronte ai quali faremmo senza alcun dubbio un inchino: Caravaggio e Cellini in primis, con le loro amanti, facili quanto la loro destrezza nel tirar fuori un pugnale, tra oscuri vicoli e le solite osterie perfette per alzare il gomito. E’ il mondo sciatto e miserabile del romano popolo, quello che ci racconta la mostra I bassifondi del Barocco, aperta presso l’Accademia di Francia a Roma, con sede a Villa Medici, fino al 18 gennaio 2015.

3_Pietro Paolini-Les TricheursTutt’altro che stucchi e putti, quella che ci troviamo davanti è la Roma alla rovescia, colorata, si fa per dire, da miserie, degenerazioni ed eccessi di ogni tipo. Forse un modo per ribellarsi a quella pomposità dorata dei bei palazzi nobiliari e delle chiese? Come hanno scritto nell’introduzione al catalogo i direttori di Villa Medici (Éric de Chassey) e del Petit Palais (Christophe Leribault) di Parigi, dove la rassegna sarà ospitata una volta che sarà conclusa in Italia, – <<Come valvola di sfogo a fronte di tanta devozione e sontuosità ostentate, i nostri artisti celebrano cortigiane e truffatori, ponendosi sotto l’egida di Bacco, anziché di Apollo, per sfuggire a qualunque tentativo di normalizzazione>>. Brilli, ma allo stesso tempo preziosi testimoni di un tempo che in fondo non è mai cambiato: un tempo dove miseria e nobiltà, ricchezza e povertà erano le facce della stessa medaglia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

Alla versione orientata all’off road dell’ammiraglia Jeep si accompagna il debutto, per Renegade, del cambio a doppia frizione DCT in abbinamento al 1.6 Mjet da 120 cv. Svelati inediti pacchetti di personalizzazione Mopar e nuove serie limitate.

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana