Google+

Dossier – Con Jeff Koons il Whitney Museum saluta la sua sede di New York

luglio 10, 2014 Mariapia Bruno

La prima retrospettiva personale di Jeff Koons a New York, città in cui vive da 35 anni, coincide con l’ultima del Whitney Museum of American Art nella sua sede storica del Breuer Building, all’incrocio con la mondana Madison Avenue. La famosa sede espositiva, infatti, di cui abbiamo parlato qui, con la sua invidiabile collezione di arte moderna e contemporanea americana, si trasferirà Meatpacking District, in uno spazio enorme, disegnato da Renzo Piano. E’ allora il caso di chiudere con una retrospettiva di un artista spettacolare, nel senso di incredibile e – un po’ – cafone del termine. Ma Koons lo sa bene che la sua arte genuina, populista, plasticosa e kitsch, fa discutere e sorridere, ma non per questo è destinata esclusivamente a saziare l’interesse di un pubblico di bocca buona. Delle numerose critiche, come quella del critico Michael Kimmelman che nel ’91 definì i suo quadri <<immagini noiose e ottuse>>, Jeff si fa una risata, continuando imperterrito a produrre con quella che Robert Hughes definì <<devozione per il gloss e lo sfarzo>>.

Sono ben 120 e ci raccontano la sua colorata carriera i pezzi che invadono la grande retrospettiva newyorchese intitolata Jeff Koons: A Retrospective. Aperta fino al prossimo 19 ottobre, al suo interno è possibile ammirare i fiori gonfiabili (Inflatable Flowers), gli aspirapolvere (New Hoover Convertibles Green, Blue, New Hover Convertibles Green, Blue Doubledecker), gli angioletti che spingono un porcellino (Ushering in Banality), il San Giovanni Battista con porcellino e pinguino (Saint John the Baptist). Una mostra da vedere con una certa predisposizione e a cuor leggero. Per una volta si possono anche lasciare le vene critiche in biglietteria. Il vantaggio è che non bisogna minimamente essere preparati. In fondo lo stesso artista ha detto che, secondo lui, l’arte deve comunicare amore e felicità e non deve alienare e che un bambino, di fronte alle sue opere, potrebbe tanto divertirsi, insieme alla sua famiglia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana