Google+

Dossier – Basilea anima di performance la grande fiera d’arte contemporanea

giugno 20, 2014 Mariapia Bruno

Da Basilea – Fino a domenica Basilea si anima con la frizzante Art Basel, la fiera d’arte contemporanea che dal 1970 la riempie di amanti dell’arte ed esperti di settore a caccia di nomi nuovi e meno nuovi, gallerie di prima fila e ultimissime tendenze. Alle sezioni a cui gli affezionati dell’evento sono abituati – Galleries, Unlimited, Statements, Feature, Edition, Parcours, Film and Magazines – se ne aggiunge quest’anno una dedicata alla performance – 14 Rooms – sulla scia di quei musei – come il Tate Modern – che stanno destinando a questo modo di intendere e gustare l’arte uno spazio nelle proprie sedi. Marc Spiegel, direttore della fiera, afferma, come riportato su Il Giornale dell’Arte di questo mese, che si è <<sempre cercato di creare una piattaforma per ciò che è di tendenza al momento, e la performance è diventata sempre più importante. Per un periodo lo è stata la fotografia. Con la stessa logica nel 2000 avevamo aperto la sezione Unlimited per le opere di grandi dimensioni>>. Marina Abramovic e Yoko Ono sono tra gli artisti coinvolti in quella che è un’esperienza – a detta del direttore – intima, che consente una interazione diretta con l’opera.

Per quanto riguarda le altre sezioni, le opere di Unlimited sono 78 e hanno invaso la Hall 1, mentre la Hall 2 ospita la sezione Statements, dedicata agli artisti emergenti presentati attraverso 14 gallerie. La sezione Feature ospita, tra le altre cose, una videoistallazione del maestro della land art, Dennis Oppenheim, dal titolo Whirlpool (Eye of the Storm), e una retrospettiva di tre film degli anni ’60 e ’70 dell’artista poliedrico italiano Luigi Ontani, presentata dalla galleria di Roma Lorcan O’Neill. Da portare a casa come souvenir o da leggere durante il viaggio di ritorno, una serie di pubblicazioni e cataloghi da tutto il mondo da scovare nella sezione Magazines. Ma a Basilea c’è ancora tanto da vedere, come il Kunstmuseum Basel, che ha una collezione d’arte che va dal Rinascimento di Lucas Cranach il vecchio all’Espressionismo di Oskar Kokoschka, o la bella Cattedrale medioevale in pietra arenaria rossa.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana