Google+

Dna sintetico. Ora l’alfabeto della vita ha due nuove lettere. Ma nessuno sa ancora leggerle

maggio 13, 2014 Angela Cossu

A cinquant’anni dalla scoperta della struttura del Dna, gli scienziati cercano di complicare la vita agli studenti di biologia aggiungendo due lettere al suo alfabeto.

Il Dna è da considerare infatti come un immenso libro di istruzioni. La lingua ha solo quattro lettere, le “basi azotate” (A, T, C, G), rilegate su un’ossatura di zuccheri. Le stesse si trovano, immutate, in tutti gli esseri viventi sulla faccia della Terra, e vengono lette ed interpretate per produrre le proteine e, da quelle, tutto il resto. Noi uomini ci arrabattiamo nella nostra babele di lingue, mentre queste basi vengono scritte (e lette) allo stesso modo da ogni singola cellula del nostro corpo, e dalle piante, e dai batteri.

Quando si parla di biotecnologie però solo quattro lettere, col loro numero finito di combinazioni, possono non essere più sufficienti. Così, tra migliaia di coppie possibili, due basi azotate estranee al Dna vivente, chiamate “d5SICS” e “dNaM”, hanno superato la prova più difficile: un po’ come una mano impiantata ad un amputato, dovevano essere cucite sul genoma del batterio e non essere riconosciute come estranee dai sistemi di protezione della cellula, il che avrebbe causato l’eliminazione delle stesse durante la riproduzione.

Queste nuove basi azotate per ora sono solo lettere senza suono. La cellula non sa che farsene, né come leggerle. Non le sa neanche scrivere, ma le può solo incollare quando fornite dall’uomo. Passo passo si arriverà anche a questo, ma per ora le applicazioni pensate sono mirabolanti, dalla cura del cancro alle applicazioni industriali. Più lettere, più parole. Più parole, più opportunità.

Creare artificialmente nuove parole è uno strumento potentissimo. Alcuni diranno “pericolosissimo” e disprezzeranno lo scienziato “che si crede Dio”. Ma la scienza e le invenzioni sono sempre e solo uno strumento: come un coltello affilato, si può uccidere con un solo fendente, ma si può anche tagliare il pane per darlo ai propri figli. Spetta a noi usarlo con coscienza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Manu' scrive:

    Già, il problema è proprio la coscienza che dovrebbe portarci ad usare tutta la nostra intelligenza per andare incontro ai bisogni dell’uomo. Ma il limite tra questo e il rischio che prevalga la vanità dell’uomo-scienziato è molto sottile. Penso alla legerezza con la quale vengono manipolati gli embrioni umani o, al contrario, all’avventatezza con la quale si afferma che la vita di un topolino valga quanto quella di una persona. Sarebbe bello se questo tipo di ricerca, in futuro, ci aiutasse a curare malattie o a produrre più cibo. Mi piace e condivido il suo ottimismo sig.ra Angela, non possiamo angustiarci d’aver inventato i coltelli anche se qualcuno li ha poi usati per uccidere.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Estrema tanto nell’aspetto quanto nella meccanica, la concept coreana anticipa la prima sportiva affidata al reparto Hyundai N. Adotta un 2.0 turbo benzina da 380 cv abbinato a un cambio a doppia frizione e alla trazione integrale.

La seconda generazione della SUV tedesca cresce nelle dimensioni e adotta soluzioni hi-tech in ambito sia multimediale sia di sicurezza. Mediamente più leggera di 90 kg, può contare su motori turbo benzina e diesel con potenze da 150 a 286 cv.

La seconda generazione della berlina ibrida plug-in nipponica percorre 100 km con un litro di benzina e sino a 50 km in modalità elettrica complice la ricarica solare al tetto. Confermato il powertrain ibrido da 122 cv. La batteria si ricarica in poco più di 3 ore.

Il design richiama elementi cari sia alle sportive BMW sia alle vetture maggiormente votate all’off road. La concept bavarese anticipa una nuova SUV coupé derivata da X1 che entrerà in produzione nel corso del 2017.

Ecco le nostre proposte per un fine settimana a pedali, a motore ma non solo. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana