Google+

Ditirambo a Roma non è un ristorante acchiappagonzi: intrigante e ghiotto dal primo al dolce

febbraio 23, 2014 Tommaso Farina

ditirambo-roma-gnocchiDitirambo: a chi ha fatto il liceo classico, già un nome del genere per un ristorante suona giusto. I non grecisti non pensino comunque a qualcosa di inquietante: il ditirambo, nell’antica Grecia, era un gran canto dedicato a Dioniso, il dio del vino, il più gaudente di tutto l’Olimpo. E da allora, “ditirambo” divenne, fatalmente, qualunque componimento poetico di argomento conviviale e godereccio.

Il Ditirambo, ristorante romano a pochi passi da Campo de’ Fiori, non ha un nome acchiappagonzi: promette quel che mantiene. Le due salette sono piccole e calde, con qualche tavolo forse ravvicinato ma non oltre il confine dell’accettabile. Il servizio è giovanile e spigliato. Magari non sarà superveloce: ma è il piccolo scotto da pagare, in letizia, per avere paste espresse e non precotte. In effetti, la cucina, di estrazione molto varia, è di rara autenticità, e per giunta non contristata da una scelta eccezionale di vini e soprattutto distillati.
Tra gli antipasti, il misto casalingo prevede prosciutto di Langhirano, salsiccia secca, panzanella con burrata, tre polpette (una di melanzane, una di zucchine e patate e una, eccellente, di bollito) e una mousse di ricotta e menta. Tutto buono. E non è l’unica scelta.

Di primo, ghiotti e imponenti i morbidi gnocchi di patate al sugo di papera; intrigantissimi i tagliolini con guanciale, carciofi e pecorino; d’aspetto ricco le pappardelle di farro con coniglio, pomodori secchi e formaggio Canestrato. Tra i secondi, merita un plauso il riuscitissimo vitello alla siciliana, panato al forno e molto leggero ma ricco d’umori; altrimenti, guancia brasata al Montepulciano d’Abruzzo; millefoglie d’orata; maialino al forno. C’è un vasto capitolo dedicato a piatti vegetariani. Chiusura con dolci da mangiare anche solo con gli occhi, a cominciare dal clafoutis di pere con crema inglese. Del vino abbiamo già detto.
Resta da dire del conto: circa 50 euro. Un plauso per il pane casereccio, davvero eccellente. Prenotate assolutamente, il posto è ambito.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.