Google+

Ditirambo a Roma non è un ristorante acchiappagonzi: intrigante e ghiotto dal primo al dolce

febbraio 23, 2014 Tommaso Farina

ditirambo-roma-gnocchiDitirambo: a chi ha fatto il liceo classico, già un nome del genere per un ristorante suona giusto. I non grecisti non pensino comunque a qualcosa di inquietante: il ditirambo, nell’antica Grecia, era un gran canto dedicato a Dioniso, il dio del vino, il più gaudente di tutto l’Olimpo. E da allora, “ditirambo” divenne, fatalmente, qualunque componimento poetico di argomento conviviale e godereccio.

Il Ditirambo, ristorante romano a pochi passi da Campo de’ Fiori, non ha un nome acchiappagonzi: promette quel che mantiene. Le due salette sono piccole e calde, con qualche tavolo forse ravvicinato ma non oltre il confine dell’accettabile. Il servizio è giovanile e spigliato. Magari non sarà superveloce: ma è il piccolo scotto da pagare, in letizia, per avere paste espresse e non precotte. In effetti, la cucina, di estrazione molto varia, è di rara autenticità, e per giunta non contristata da una scelta eccezionale di vini e soprattutto distillati.
Tra gli antipasti, il misto casalingo prevede prosciutto di Langhirano, salsiccia secca, panzanella con burrata, tre polpette (una di melanzane, una di zucchine e patate e una, eccellente, di bollito) e una mousse di ricotta e menta. Tutto buono. E non è l’unica scelta.

Di primo, ghiotti e imponenti i morbidi gnocchi di patate al sugo di papera; intrigantissimi i tagliolini con guanciale, carciofi e pecorino; d’aspetto ricco le pappardelle di farro con coniglio, pomodori secchi e formaggio Canestrato. Tra i secondi, merita un plauso il riuscitissimo vitello alla siciliana, panato al forno e molto leggero ma ricco d’umori; altrimenti, guancia brasata al Montepulciano d’Abruzzo; millefoglie d’orata; maialino al forno. C’è un vasto capitolo dedicato a piatti vegetariani. Chiusura con dolci da mangiare anche solo con gli occhi, a cominciare dal clafoutis di pere con crema inglese. Del vino abbiamo già detto.
Resta da dire del conto: circa 50 euro. Un plauso per il pane casereccio, davvero eccellente. Prenotate assolutamente, il posto è ambito.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

Alla versione orientata all’off road dell’ammiraglia Jeep si accompagna il debutto, per Renegade, del cambio a doppia frizione DCT in abbinamento al 1.6 Mjet da 120 cv. Svelati inediti pacchetti di personalizzazione Mopar e nuove serie limitate.

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana