Google+

Disinformazione e furbizie napoletane. Ma le farneticazioni grilline sono vere e proprie tattiche di guerra

aprile 30, 2013

Settimana scorsa l’assessore partenopeo Antonella Di Nocera ha preso alcune misure per migliorare l’accoglienza e la sicurezza dei turisti nel porto di Napoli. Tra i provvedimenti attuati la creazione di una nuova segnaletica per indicare i percorsi pedonali verso i principali monumenti della città.

Dopo solo otto giorni la maggior parte dei cartelli risulta contraffatta allo scopo di sviare i turisti verso zone occupate da venditori abusivi, scippatori e truffatori di ogni tipo.

Dopo le scontate battute sulle “napoletanità” dell’operazione, che mi colpisce, è il fatto che si tratta di una tattica di guerra. La impiegarono i tedeschi dopo lo sbarco in Normandia, l’ho vista con i miei occhi in alcuni villaggi della ex Iugoslavia, ne ho subito le conseguenze in un paese dell’Est schiacciato dalla dittatura.

Disinformazione e guerra sono legate dalla proprietà transitiva: dove c’è l’una c’è l’altra e viceversa.

Per questo quando leggo, solo per ricordare i fatti più recenti, le farneticazioni grilline sull’intreccio mafia, Cl e Cdo o le bestialità republicone sui finanziamenti neonazisti al Duomo di Milano non mi viene di pensare a “furbizie napoletane” quanto piuttosto a vere e proprie tattiche di guerra.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

5 Commenti

  1. ragnar scrive:

    Per la serie, Napoli nel bene e nel male non si smentisce mai…

    • Alessandro scrive:

      Alcune osservazioni:
      1 Lei è mai stato in quella zona?
      2 La zona indicata è la più controllata dalla polizia.
      3

      • ragnar scrive:

        Io fortunatamente sotto la linea gotica ci sono stato pochissime volte e non sono mai andato più giù di Roma. Non oso immaginare come sono i bassifondi africani…
        Seriamente, non sono mai stato a Napoli, però la cosa non mi stupisce

        • Mappo scrive:

          Io quando ero a Benevento alla scuola allievi carabinieri (25 anni fa,un’era geologica) a Napoli avevo la morosa. Certo che comunque Napoli è una città strana a dir poco, girando per le sue strade in divisa (per gli allievi la divisa era obbligatoria anche in libera uscita) ti beccavi sempre un bel po’ di insulti, il più carino era “sbirro infame” e una volta ho dovuto schivare un sacchetto dei rifiuti tiratomi da qualche balcone. Una volta poi, preso da una crisi di astinenza andai a cercare la sede di CL di Napoli, mi sembra che fosse in una via tipo S. Biagio di librai o qualcosa del genere (la memoria incomincia a zoppicare), la trovai chiusa. Poi un paio di giorni dopo in caserma leggendo il giornale scopri che pochi minuti dopo che ero passato, nel cortile dove c’era la sede avevano ammazzato due tizi. Spesso mi sono chiesto cosa mi sarebbe successo se mi fossi affacciato in quel cortile in divisa,( ma disarmato, ero solo un allievo) con un ritardo di qualche minuto.

  2. francesco taddei scrive:

    continuate pure a dare la colpa agli ufo. un’autocritica mai?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

Alla versione orientata all’off road dell’ammiraglia Jeep si accompagna il debutto, per Renegade, del cambio a doppia frizione DCT in abbinamento al 1.6 Mjet da 120 cv. Svelati inediti pacchetti di personalizzazione Mopar e nuove serie limitate.

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana