Google+

Diabolik, quel cattivo che ci piace

febbraio 25, 2014 Amedeo Badini

Eva-Kant-e-DiabolikLa nera silhoutte fa capolino nell’ombra, mentre una lama scintillante argentea sfreccia nella fredda aria della notte. Uno Swiss e il corpo cade a terra, morto. Occhi verde smeraldo lampeggiano nel buio di una Jaguar, in attesa che il suo uomo torni vincitore dalla missione. La nuvola di tabacco da pipa avvolge i tormentosi pensieri dell’ispettore, incerto su dove sarà il prossimo colpo, ma ben conscio che non abbandonerà mai la sfida ingaggiata con quello che molti chiamano il Re del Terrore.

Nel 1962, le moderne sorelle della borghesia milanese, Angela e Luciana Giussani, sfidano le convenzioni sociali e i modelli benpensanti ideando e pubblicando un fumetto destinato a far scuola ovunque, in Italia e nel mondo: Diabolik. Mutuando certi canoni francesi del feuilleton di Fantomas, Rocambole e Arsene Lupin, inventano la figura di un fuorilegge implacabile assassino e astuto tessitore di rapine, che non esita ad uccidere e che ruba a chiunque possieda gioielli e contanti. I suoi occhi color dell’acciaio, le sue maschere che lo rendono introvabile, i suoi trucchi meccanici lo rendono davvero un figlio del demonio che tutti temono e nessuno sa come sconfiggere. Solo il probo Ispettore Ginko raccoglie una sfida destinata a durare in eterno.

53-02fL’idea di far parteggiare il lettore per un cattivo fu lungamente perseguitata dalla moraleggiante opinione pubblica italiana, mentre i lettori seppero gradire al volo, come ben racconta il documentario Le sorelle diabolike oppure il bel libro Le Regine del Terrore. E la storia del terribile criminale e della sua bella e spietata compagna Eva Kant, simbolo dell’indipendenza femminile, continua tutt’oggi, sotto la guida del veterano Mario Gomboli.

Sotto di lui, dopo il cinquantesimo anniversario, si vedono ardite innovazioni e brillanti novità, per una testata che ha sempre avuto fedeltà per la sua storia. Il formato tascabile e le due strisce per pagina restano, così come il bianco e nero, ma cambiano le copertine, rese più ad effetto e disegnate sempre dalla brava matita di Matteo Buffagni, si rinnova il parco autori (oltre ai solidi Gomboli, Tito Faraci e lo storico Ezio Facciolo) con i fratelli Ricci, gli sceneggiatori Andrea Pasini, Rosalia Finnochiaro e Licia Ferraresi e si fa sperimentazione con DK e i disegni del maestro Giuseppe Palumbo per lo speciale primaverile.

Capace di diventare icona e di avere una vita propria fuori dal fumetto, in tutta una serie di iniziative collaterali intelligenti e ricche di fascino, Diabolik non invecchia perché sempre capace di dare emozioni e valori. La sua impostazione semplice non delude mai, e il carisma dei personaggi fa il resto, donandoci un fumetto ineludibile nel panorama italiano.

Scomparsi, soggetto e sceneggiatura Ferraresi, Pasini, Finocchiaro e disegni di Buffagni, Montorio, Merati, Astorina, 2.20€, in tutte le edicole

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download