Google+

Di che colore era l’antenato nero della mamma bianca di Obama?

luglio 31, 2012 Redazione

FORZA JUVE. La madre bianca di Obama aveva un antenato nero.
Titolo della Stampa

TROPPA GRAZIA. Dietro ai vibranti cartelli i magistrati, nel loro provvedimento (il sequestro dell’Ilva di Taranto, ndr) usano parole di distensione: «Avviare e perfezionare l’attuazione del sequestro evitando ogni rischio di danno o di pericolo per l’incolumità delle persone e adottando cautele e procedure necessarie per evitare, se tecnicamente possibile, la distruzione degli impianti…».
Andrea Pasqualetto inviato a Taranto per la vicenda dell’Ilva, Corriere della Sera

ACQUA SGASATA PER TUTTI. La Bce potrà comprare titoli di Stato dei paesi euro. Berlino ha dato il via libera a Mario Draghi e le borse hanno immediatamente brindato.
Umberto Rosso, la Repubblica

DI QUESTE COSE ME NE INTENDO. La nostra Costituzione è tramortita dalla prepotenza di chi avrebbe tanta voglia di assolutismo, ossia di comprimere la potestà delle Camere.
Antonio Di Pietro, la Repubblica

I PROBLEMI DELLA GENTE. Il Pd ha fatto della riforma elettorale la ragione di questa fase della legislatura.
Rosy Bindi, la Repubblica

LA CARA VECCHIA GIUSTIFICA. Vorrei fosse chiaro che si è lavorato bene fino a quando non è tornato in campo Berlusconi.
Rosy Bindi, la Repubblica

MI GIOCO IL JOLLY. Bersani, Alfano e Casini si devono poi accordare, a patto che Berlusconi poi non guasti tutto.
Rosy Bindi, la Repubblica

GIANNINI NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. In un Paese normale succederebbe questo. La Grande Coalizione approverebbe in fretta una riforma elettorale efficiente e coerente, preferibilmente bipolare, maggioritaria e magari a doppio turno, e nel frattempo sosterrebbe il governo in carica fino alla sua scadenza naturale.
Massimo Giannini, la Repubblica

CAPITA ANCHE AI MIGLIORI. Un giorno, spero lontano, io morirò.
Bruno Tinti, il Fatto quotidiano

IL DOTTOR BRUNO HOUSE. D’Ambrosio era malato di cuore da molti anni; dunque è molto probabile che lo stress dovuto all’emergere del suo ruolo nella vicenda Mancino ne abbia cagionato la morte. E allora?
Bruno Tinti, il Fatto quotidiano

LA FAMOSA PRESUNZIONE DI INNOCENZA. Un’ingiusta o cattiva azione cessa di essere tale se compiuta da un cardiopatico?
Bruno Tinti sulla morte improvvisa di Loris D’Ambrosio, il Fatto quotidiano

SI CERCANO COMPLICI. E poi: chi sapeva che D’Ambrosio era malato?
Bruno Tinti, il Fatto quotidiano

UNA. “Se non ci fosse la mafia con il suo fatturato, questa crisi sarebbe una catastrofe”. Quante volte l’avete sentita fare questa battuta?
Franco Moroni, il Fatto quotidiano

EH SÌ, C’È PROPRIO LA CRISI. Gli albergatori di Celle Ligure contro Tripadvisor, il portale in cui i clienti giudicano hotel e ristoranti. (…) A Rimini forniture di ciabatte in cambio di commenti benevoli sui portali.
Alessandra Mangiarotti, Corriere della Sera

PREMIO CHISSENFREGA. Ne avevo scritto poche settimane fa. Avevo commentato la storia di quella bellissima manta che placida nuotava nelle acque del mar ligure. Avevo anche scritto che il nome in castigliano significa mantello.
Danilo Mainardi sulla manta ferita dai turisti in Liguria, Corriere della Sera

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

La versione high performance della berlina nipponica, attesa a breve al debutto, potrebbe rinnegare l’alimentazione ibrida tipica del modello base optando per un ciclopico V8 5.0 a benzina da 500 cv.

Dopo le borse, gli occhiali e le scarpe, il mercato dei prodotti contraffatti si apre anche al nostro settore. Look non è la prima azienda a esserne vittima e mette in guardia i ciclisti da sospetti e pericolosi "affari"...

Adorata dai divi dello spettacolo, è stata la prima roadster BMW dedicata al mercato americano. Ha ispirato le moderne Z3 e Z8. Mossa da un V8 3.2, nonostante la linea elegante fu un flop commerciale.

La supercar nipponica è (finalmente) pronta al debutto: adotta un V6 biturbo a iniezione diretta di benzina abbinato a ben tre motori elettrici. Trazione integrale permanente e cambio a doppia frizione.

Rivista nella linea e nella cura degli interni, la multispazio torinese conferma i plus della precedente versione, cui abbina un comfort superiore e dotazioni da berlina. Prezzi da 18.200 euro. Motori benzina, td e a metano.

Speciale Nuovo San Gerardo