Google+

Non mettiamoci una croce sopra

agosto 2, 2013 Mariapia Bruno

Protagonista della mostra Daily Golgotha aperta presso il Museo di Palazzo Pretorio di Peccioli, la croce è un oggetto e un simbolo che immediatamente associamo al calvario della nostra esistenza, ma è necessario accostarsi con uno spirito diverso alla sua forma di origine ancestrale, sgomberando la mente dalle negatività del quotidiano e abbracciando un modus vivendi se non del tutto positivo, almeno speranzoso. «La Croce è il simbolo più diffuso in tutto il mondo sin da tempi remoti – afferma Francesco Buranelli, curatore della retrospettiva–, poi divenuto – dopo la morte di Gesù – identitario della Cristianità. Nel ‘900 molti artisti hanno “laicizzato” il simbolo della Croce trasformandolo in un segno potente che ha interpretato la sofferenza di un secolo così tormentato».

Sono le opere di Meneghetti a rendere viva e accattivante questa discussione che ci coinvolge tutti. Presentate in evoluzione cronologica ed emotiva, le sue croci, visibili nella sede ospitante fino al prossimo ottobre, ci raccontano la sua concezione del presente in modo inusuale e inaspettato dove molta attenzione viene data all’amatissimo – anche dai “profani”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La seconda generazione della berlina ibrida plug-in nipponica percorre 100 km con un litro di benzina e sino a 50 km in modalità elettrica complice la ricarica solare al tetto. Confermato il powertrain ibrido da 122 cv. La batteria si ricarica in poco più di 3 ore.

Il design richiama elementi cari sia alle sportive BMW sia alle vetture maggiormente votate all’off road. La concept bavarese anticipa una nuova SUV coupé derivata da X1 che entrerà in produzione nel corso del 2017.

Ecco le nostre proposte per un fine settimana a pedali, a motore ma non solo. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

In casa Nissan si volta pagina: la Micra attuale va in pensione e lascia spazio a un nuovo modello molto più filante e sportivo che debutta a Parigi. Tre i motori a catalogo, due a benzina e uno diesel.

La nuova generazione della media sportiva nipponica può contare su di un’estetica estrema, degna di un tuner. Confermata la trazione anteriore, mentre il 2.0 turbo benzina potrebbe passare da 310 a 330 cv. Nelle concessionarie nella seconda metà del 2017.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana