Google+

Da Marino, oltre agli ottimi funghi, ci son piatti da lasciarci il cuore

aprile 27, 2014 Tommaso Farina

marino-quincinettoVisitare fuori stagione un posto rinomato per i funghi può sembrare cosa da pazzi. Eppure ci pensi su, e concludi: quando non ci sono i funghi, il locale dovrà pur sopravvivere, no? E così, pochi giorni fa ci siamo fermati a mangiare da Marino, a Quincinetto (Torino), borgo del Canavese al limitare del Piemonte. Da Marino, locale di tradizione, rinnovato da pochi anni ma sempre fedele a se stesso, si viene per i funghi. Vabbè, come quasi sempre in Italia, per funghi intendono solo i porcini, semplificando fin troppo la cosa. Comunque, nelle stagioni giuste, sono ottimi. E adesso? Qualche fungo magari si trova, ma non è del posto, e comunque non abbastanza per un ristorante. Ecco dunque una cucina tradizionale, a base piemontese-canavesana: non fatevi intimorire dal cartello “Specialità nazionali e internazionali”.

L’antipasto è al carrello, e segue la buona creanza del Piemonte: cipolle, insalata russa, peperoni, lingua in salsa verde, vitello tonnato, tomini. E, adesso che è stagione, gli asparagi con la salsa. Tutto buono.

Il primo piatto da lasciarci il cuore è la grande zuppa di ajucche: le ajucche sono erbe, o meglio piante montane tipiche della zona. È tradizione farci una grande zuppa col pane raffermo e il formaggio locale: una zuppa densa, quasi solida, di bontà commovente. Altrimenti, i tagliolini fatti in casa con le verdure; i ravioli di carne (come sopra, buonissimi); le crespelle con la fonduta. Tagliolini e ravioli sono serviti al carrello, mantecati in una padella e impiattati davanti al cliente, che può farsi grattugiare il Parmigiano al momento, da un grosso pezzo.

Di secondo, la trota al burro o una tagliata di manzo (fatta bene), un filetto. In stagione, funghi in tutti i modi: suggeriti quelli fritti. Per dolce, bonet, tiramisù, crème caramel. Da bere, tutti i ricercati vini a base di nebbiolo della vicina Carema.

Servizio tutto al femminile, coordinato da simpatiche signore di tutte le età. Conto anticrisi: circa 30 euro. Menù solo a voce, purtroppo. Però ci si torna.

Per informazioni 

Da Marino

Loc. Montellina – Via Montellina, 7 –

Quincinetto (Torino) – Tel. 0125757952

Chiuso il lunedì

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana