Google+

Cucina eritrea a Milano: buona, speziata ed economica

luglio 26, 2014 Tommaso Farina

eritrea-milano-saba1Ancora Milano, ancora un ristorante di cucina eritrea. Lo avrete capito: a noi questo tipo di cibo piace. E ci piacciono gli eritrei che fanno ristorazione a Milano: simpatici, gioviali. Particolarmente appassionato ci è parso Alberto, il patron, anzi il cuore del ristorante Saba, in via Lazzaro Palazzi, nel pieno della piccola enclave africana milanese. Lui è etiope, e sua moglie Saba, che si chiama come la famosa regina, è eritrea. In un pranzo tranquillo, in un giorno feriale, incontriamo solo lui, come sempre senza svelargli chi siamo. Alberto è contento di trovare un commensale che conosca la cucina eritrea, ma in ogni caso è prodigo di spiegazioni anche per il neofita.

Si può cominciare da un antipasto di sambusa, che sarebbero involtini di carne simili ai samosa indiani anche nel nome; oppure, con kategna, ossia la ‘njera (lo spugnoso pane eritreo che fa anche da posata) imbevuta di burro e di una particolare salsa speziata, incendiaria. Le spezie, come già vi narrammo, sono l’essenza della cucina eritrea. Trovano posto in quasi tutti i piatti. Il gored gored, per esempio, è carne di manzo («Uso solo la noce», rivela Alberto) appena scottata e tuffata nell’awaze, uno di questi illustri intingoli profumatissimi. Il segreto per un buon gored gored, secondo Alberto, è affogare rapidamente la carne nel condimento, senza stracuocerla.

eritrea-milano-sabaIn accompagnamento, la classica alisha (cavoli, patate e carote), il purè di lenticchie e quello di ceci. Non può tuttavia mancare lo zighinì, la pietanza eritrea più famosa: un altro spezzatino di carne, quest’ultimo cotto viceversa a lungo, in una salsa meno piccante, caratterizzata dal berberé, una sapiente mistura di spezie. Per chi non amasse il piccante, c’è lo Spriss bianco: un’altra pentolata di carne, questa volta assolutamente priva di spezie. Per concludere, qualche dolce tipico. Da bere, un paio di vini o di birre. Con antipasto e un piatto, si sta sui 14 euro a testa. Certo, non un investimento da rovina. Provate.

Per informazioni
Saba
Via Lazzaro Palazzi, 10
Milano
Tel. 02 29526533
Chiuso il lunedì

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La seconda generazione della berlina ibrida plug-in nipponica percorre 100 km con un litro di benzina e sino a 50 km in modalità elettrica complice la ricarica solare al tetto. Confermato il powertrain ibrido da 122 cv. La batteria si ricarica in poco più di 3 ore.

Il design richiama elementi cari sia alle sportive BMW sia alle vetture maggiormente votate all’off road. La concept bavarese anticipa una nuova SUV coupé derivata da X1 che entrerà in produzione nel corso del 2017.

Ecco le nostre proposte per un fine settimana a pedali, a motore ma non solo. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

In casa Nissan si volta pagina: la Micra attuale va in pensione e lascia spazio a un nuovo modello molto più filante e sportivo che debutta a Parigi. Tre i motori a catalogo, due a benzina e uno diesel.

La nuova generazione della media sportiva nipponica può contare su di un’estetica estrema, degna di un tuner. Confermata la trazione anteriore, mentre il 2.0 turbo benzina potrebbe passare da 310 a 330 cv. Nelle concessionarie nella seconda metà del 2017.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana