Google+

Critica (marxista) a quelli che vogliono chiamare “Andrea” una bambina

novembre 21, 2012

Si chiama Andrea ma è una bambina. Non è una storia inventata, non è nemmeno quell’Andrea di Beverly Hills 90210. Non ve la ricordate? In un telefilm dove 9 su 10 erano delle modelle, ecco l’unica che non lo era, era Andrea. Una ragazza piena di intelligenza e meno dotata fisicamente. Esteticamente si intende. Comunque non stiamo parlando di quella. La Corte di Cassazione ha appena dato ragione ad una coppia di coniugi i quali hanno deciso di chiamare la loro figlia con il nome di Andrea. Motivo: i genitori hanno tutto il diritto di scegliere il nome dei figli.

E via che si allargano le idee da circo per chiamare i propri figli con i nomi più disparati. Perché va bene Andrea, ma ora bisognerà osare un po’ di più. Chessò, nasce un figlio e non vorrai chiamarlo Viola (d’altronde il colore viola è neutro)? E poi se nascono gemelli e tifi Roma magari un Giallo e un Rosso ci starebbero bene. Unico neo è che se uno dei due diventa laziale dopo si fa dura per i genitori. Ah, quei genitori ai quali, grazie ad una sentenza francese, i figli possono tranquillamente chiamare Genitore 1 e Genitore 2. Così il babbo può essere mamma e la mamma può essere babbo. E il figlio può chiedere la doppia paghetta. Al babbo quando è babbo e al babbo quando è mamma. In pratica una sorta di crescita del Pil adolescenziale. Che bello.

Non conosco nessuno dei due geniali genitori che, non si sa per quale ragione, ha deciso di sbizzarrirsi con tale libertà. Può sembrare inutile o quantomeno prematura, ma alla lunga si arriverà anche a dubitare del genere dei propri figli. Come facciamo a dir che è maschio? E femmina? E se poi definendola femmina la offendiamo? Offendiamo la sua sensibilità?

Non so se sia la solitudine, quel senso di potenza/impotenza di fronte al mondo che alla fine ti fa deturpare anche l’evidenza. Di sicuro Marx aveva ragione, quando, nella Lettera alla moglie scrive: «Io mi sento di nuovo un uomo, perché provo una grande passione, e la molteplicità in cui lo studio e la cultura moderna ci impigliano, e lo scetticismo con cui necessariamente siamo portati a criticare tutte le impressioni soggettive e oggettive, sono fatti apposta per renderci tutti piccoli e deboli e lamentosi e irresoluti. Ma l’amore non per l’uomo di Feuerbach, non per il metabolismo di Moleschott, non per il proletariato, bensì l’amore per l’amata, per te, fa dell’uomo nuovamente un uomo».

Ecco, perché deturpare l’amore per i vostri figli con nomi neutri?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. marco nocetti scrive:

    probabilmente questi genitori ritengono più importante “rispettare” i loro figli, ed il loro presunto diritto ad essere e sentirsi non quello che sono ma l’dea che di giorno in giorno si faranno arbitrariamente di sè, che amarli ed insegnare loro ad amarsi per la loro realtà

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Svelata la concept che anticipa la nuova WRC del Double Chevron, attesa ai vertici del Campionato mondiale rally 2017. Esteticamente simile a una Gruppo B degli Anni ’80, può contare su di un 1.6 turbo benzina da 380 cv.

La concept spagnola ama l’off road. Al 2.0 TDI da 190 cv si accompagnano il cambio a doppia frizione DSG, le 4WD e un allestimento estetico degno di una 4x4 nuda e pura. Potrebbe derivarne una versione di serie.

Debutta la variante tutto terreno della wagon tedesca. Può affrontare facili sterrati grazie all’assetto regolabile, all’altezza da terra superiore allo standard e a protezioni specifiche. Motori turbodiesel di 2,0 e 3,0 litri da 195 e 258 cv.

Il lieve restyling della berlina/wagon nipponica porta in dote una superiore insonorizzazione dell’abitacolo e il sistema di gestione dell’erogazione G-Vectoring Control. Confermati i propulsori, arricchito il capitolo sicurezza.

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana