Google+

Così una madre col pancione ha asfaltato le femen tette e fiori

novembre 29, 2014 Annalisa Teggi

«O donna in cui la mia speranza vige» (Paradiso, canto XXXI)

Tutte le strade portano a Roma. No, non ho intenzione di infierire sul sindaco Marino, parlando di quante multe si possono prendere sulle strade che portano a Roma. Stavo pensando a qualcosa di metaforico, che poi si è concretizzato nella cronaca.

Non appena è circolata la notizia che al Baghdadi fosse morto, il Califfo ha fatto sentire la sua voce gridando: «Conquisteremo Roma!». E pochi giorni dopo le Femen erano in piazza San Pietro. Sembra un esempio perfetto di contrappasso, cioè di punizione ad hoc: temo infatti che anche solo il vago sospetto che quelle signorine ignude fossero scambiate per il reparto d’avanguardia delle truppe del Califfo, avrebbe potuto procurare una ferita mortale ad al Baghdadi. Perché non c’è niente di così distante come la propaganda dell’Isis e quella delle ucraine tutte fiori e tette. Eppure questi due mondi lontani hanno preso di mira Roma. Ci sono centri nevralgici che non possono essere elusi; anche se vuoi seminare odio e blasfemia, devi farlo usando le strade che portano a Roma.

Su quelle stesse strade, per fortuna, passeggia anche la gente normale, il cui sano buon senso può disintegrare le boiate sparate ai quattro venti da ideologie assurde. La risposta femminile al delirio delle Femen è arrivata qualche sera dopo, quando una mamma si è fatta scattare in piazza San Pietro una foto di profilo con il suo pancione. Eccola lì, in tuta nera e scarpette da ginnastica, la donna su cui «vige» la nostra speranza. Così Dante disse di Beatrice usando per lei un verbo nerboruto; si potrebbe dire: la virilità della speranza sta in una donna.

Il vigore della maternità è la forza della relatività contro la debolezza del relativismo. La vita è relativa (basata su un legame di relazione) fin dal principio: c’è una corda tesa verso la strada da percorrere, ed è il cordone ombelicale che, sbriciolando la presunzione di autosufficienza, infonde speranza perché parla di compagnia. «Siamo i padroni/ anzi siamo figli legittimi eredi bisognosi/ di angeli custodi», scrive la poetessa Maddalena Bertolini, che di mestiere è ostetrica. E quello scarto che fa dire «padroni, anzi figli» è una scoperta che, vissuta in prima persona, svela l’origine della nostra umanità; che è legame e non isolamento.

Un secolo fa lo sguardo della scienza cambiò scoprendo la teoria della relatività, forse oggi il nostro sguardo ha bisogno di riscoprire la radice della relatività umana, in un mondo che si sente più libero quando taglia i ponti con tutto. Fecondare meccanicamente degli uteri in affitto con donatori anonimi è come costruire città-stato, senza vie di comunicazione. Alla libertà dell’uomo, che già costruì la torre di Babele, è concesso edificare queste prigioni; altrettanto lecito è fuggirne, una volta che ci si accorge delle sbarre. Ecco allora che serve manutenzione alle infrastrutture primarie; la viabilità deve essere ben funzionante, per poter accogliere chiunque riscopra che l’umano sussiste perché c’è un centro nutriente e generante, a cui legarsi. Una madre con il pancione non fa propaganda, sta asfaltando per bene le strade che portano a Roma, quei sentieri su cui il bisogno di tutti prima o poi s’incammina in cerca di fraternità e non di indifferenza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.