Google+

Ma cosa ci stanno a fare i caschi blu in Centrafrica? Un episodio che la dice lunga

maggio 4, 2015 Redazione

Nella Repubblica Centrafricana, paese teatro di una violentissima guerra civile innescata da un colpo di Stato nel 2013, ci sono oltre 10 mila soldati inviati dall’Onu in missione di pace (Minusca). È presente anche un contingente italiano. I militari hanno svolto un lavoro importante ma sono stati più volte criticati dai residenti perché non hanno portato a termine il compito principale per il quale sono stati dispiegati: disarmare le fazioni in guerra e garantire la stabilità.
Inoltre, 14 militari francesi sono stati accusati in un rapporto Onu di aver violentato dei minori. Spesso, il malcontento della popolazione è fomentato da episodi come quello descritto pochi giorni fa nel suo blog da padre Aurelio Gazzera, missionario nella città centrafricana di Bozoum.

«Il mercoledì parto da Bouar, ma c’è un lungo convoglio di almeno un centinaio di camion che blocca la strada. Riesco a sorpassarli, ma mi trovo bloccato da una barriera, che alcuni giovani della città hanno piazzato. Come tutti i camion, sono obbligato a pagare, e quando mi lasciano passare, vedo con stupore che dall’altra parte c’è un blindato e un camion dei Caschi Blu della Minusca! Sopra ci sono i militari, che osservano divertiti la barriera, e NON fanno niente! Purtroppo rischia di essere un’immagine emblematica di quella che è la presenza dell’Onu in Centrafrica: molti mezzi, molti militari (oltre 10.000), molti molti soldi, e pochissimi risultati…».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Raider scrive:

    Che ci stanno a fare? Quello che hanno fatto i Caschi Blu di altre nazioni unite nello stupro, nella viltà e nella corruzione a ogni livello: compresa l’India, che si tiene i nostri marò e non vuole che essu tribunale internazionale ne giudichi i soldati impegnati in “azioni umanitare” per conto dell’O.N.U.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

Creata in collaborazione con le lettrici del magazine, la city car di casa Seat debutta sulla passerella del FashFest di Londra. Arriverà all'inizio 2017 nelle versioni a tre o cinque porte con tre motorizzazioni.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana