Google+

Contro i critici gastrovisuali che parlano a bocca vuota

novembre 24, 2017 Tommaso Farina

cibo-social

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – La pasta? Troppo cotta. L’arrosto? Troppo sale. La pizza? Troppo poco napoletana. Ok, le critiche ci stanno, quando si va a mangiare. Ma se simili critiche fossero espresse senza nemmeno assaggiare i piatti, ma semplicemente basandosi su una foto? Può succedere, eccome. Già anni fa, su tempi.it, analizzammo il fenomeno: quello dei critici gastrofotografici.

Oggi, la faccenda non accenna a diminuire. Anzi, con l’aumento costante delle utenze dei social network, cresce sempre di più. E merita di essere indagata. Il copione è il solito. Una persona, su Facebook o su Instagram, mangia un piatto che le piace, lo fotografa e lo mostra agli amici. Bene. Tutto ok. Il fatto è che sempre più spesso salta fuori qualcuno a esprimere pareri del tutto gratuiti. Sono gli inventori della critica gastronomica visiva, rigorosamente senza assaggio. Dalla foto, riescono mirabolantemente a giudicare se la pasta è scotta e se il pesce è fresco, nonché la temperatura esatta dell’olio usato per la frittura. Sulle scarpe che indossava lo chef quando ha cucinato la pietanza non abbiamo casistica, ma siamo quasi sicuri che volendo potrebbero provare a indovinare perfino quelle. È vero, esistono leggende metropolitane. Una volta, qualcuno attribuì a un (ex) grande cuoco un’affermazione surreale: guardando un piatto, semplicemente guardandolo, si può capire quanto è salato. Al che vien da dire: ma assaggiare qualcosa fa proprio schifo?

Le foto, poi, non si possono nemmeno assaggiare: e allora perché questa rincorsa stucchevole a puntualizzare, precisare, teorizzare sul nulla? Ecco, i critici gastrovisuali sono la salvezza economica della categoria: criticano, giudicano, sdottoreggiano senza dover disturbarsi a mangiare e pagare il conto. Tanta adipe e tanti bei soldini risparmiati. I critici giusti in questi tempi di crisi. Ed è proprio da crisi il ridursi a giudicare le apparenze di quel che mangiano gli altri.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Tutto quello che c'è da sapere sull'auto formato business, dalle motorizzazioni che vanno di più agli optional irrunciabili, passando per carrozzerie e colori

L'articolo Auto aziendale, come scegliere quella giusta? proviene da RED Live.

Il model year 2019 della roadster jap aggiunge 24 cv al 2 litri benzina e una serie di novità nella sicurezza. Per una roadster ancora più "jinba ittai"

L'articolo Mazda MX-5 2019, più cavalli e sicurezza proviene da RED Live.

Lanciata dal marchio inglese Oxford la linea Mint, dal caratteristico profumo di menta, comprende prodotti per la pulizia e la manutenzione dei veicoli a due ruote

L'articolo Gamma Oxford Mint Cleaning proviene da RED Live.

215 cv, 10 kg in meno e il debutto delle alette aerodinamiche. Questa versione speciale della RSV4 RF allestita con pezzi di Aprilia Racing di carne al fuoco ne mette davvero tanta. E noi ce la siamo gustata dal primo all’ultimo boccone. Al Mugello, dove le ali servono davvero.

L'articolo Prova Aprilia RSV4 RF FW 2018 proviene da RED Live.

Diventate capienti come le familiari grandi di qualche anno fa, le SW medie stanno vivendo una seconda giovinezza. Così come la Peugeot 308 SW GT Line, che ora si aggiorna nella tecnologia e diventa ancora più “connessa”. Schermo generoso e Mirror Screen La succosa novità della Peugeot 308 SW GT Line è la presenza di […]

L'articolo Peugeot 308 SW GT Line, <BR> adesso “parla” con lo smartphone proviene da RED Live.