Google+

Come trascorre le sue giornate Benedetto XVI?

novembre 6, 2013 Redazione

Tratto da Oggi.it – Joseph Ratzinger e i suoi quattro angeli custodi. Il Papa emerito, 86 anni, meteo permettendo, non rinuncia mai a una passeggiata pomeridiana nei giardini del Vaticano. Una piacevole abitudine che aveva da Pontefice. Coltivata con maggior passione adesso, in compagnia delle sue inseparabili «Memores Domini», le sorelle laiche di Comunione e Liberazione.

LA SUA “SCORTA”. Si chiamano Rossella, Loredana, Carmela e Cristina. Hanno sostituito nell’appartamento papale del Palazzo apostolico le religiose polacche, che accudivano Giovanni Paolo II. E hanno seguito Benedetto XVI nella sua nuova dimora, al primo piano dell’appena ristrutturato monastero Mater Ecclesiae. Rossella è l’ultima arrivata. Ha preso il posto di Manuela Camagni, morta in un incidente stradale nel novembre del 2010. Viene da Soresina (Cremona), faceva l’assistente sociale. Loredana, pugliese, è la regina dei fornelli. I primi piatti sono la sua specialità: pasta con salmone e zucchine e rigatoni al prosciutto vanno per la maggiore nella cucina di Ratzinger. Carmela, anche lei pugliese, è impegnata sul coté dolciario: prepara l’immancabile strudel, crostate e tiramisù, di cui il Papa emerito è ghiottissimo. Cristina, marchigiana, si occupa della segreteria.

PREGHIERE, LETTURE E… MOZART. La giornata standard di Benedetto XVI inizia molto presto. La mattina, all’alba, c’è la celebrazione della messa nella cappella. Segue colazione in sala da pranzo. Poi, è il tempo del raccoglimento. Sua Santità si ritira nello studio privato. Sbriga la fitta corrispondenza. E si divide tra meditazione e preghiera. Molto tempo è dedicato alla lettura; in prevalenza libri di storia e teologia. Fra le note di Mozart, Bach o Beethoven. Non sono infrequenti le visite del fratello, Monsignor George. Per lui c’è una camera degli ospiti sempre a disposizione.

PADRE GEORG, SEGRETARIO PART-TIME. Al rito delle passeggiate pomeridiane partecipa talvolta anche il Prefetto della Casa Pontificia, monsignor Georg Gänswein, già segretario particolare di Benenedetto XVI. Padre Georg ormai divide il suo tempo tra un Papa Emerito e un Papa regnante. Una mole di lavoro notevole, per una situazione del tutto inedita. «Non posso neppure chiedere consigli al mio predecessore, perché non esiste», ironizza il Prefetto. Che in giardino recita il rosario con Benedetto XVI, sotto l’attenta quanto discreta vigilanza della Gendarmeria Vaticana. Nel corso della passeggiata spesso il Papa si ferma qualche minuto a chiacchierare con giardinieri o dipendenti, che si avvicinano per salutarlo. A smentire la fama del teologo austero e un po’ algido. O a confermare che di questi tempi, al Vaticano e dintorni, è tempo di empatia.

Papa Ratzinger in Vaticano con i suoi quattro angeli custodi, M. Laganà, sabato 2 novembre

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. Antony scrive:

    Un affettuoso saluto al nostro Papa Emerito.

  2. Felice Felici scrive:

    Anch’io saluto affettuosamente Benedetto XVI e lo ringrazio per i suoi insegnamenti chiari e luminosi, soprattutto per aver contrastato, da autentico Buon Pastore, la nefasta ideologia del gender.

    Vorrei segnalare al proposito che sotto l’articolo intitolato “non la pensi come l’Arcigay? allora sei del Ku Klux Klan antiomosessuale” stanno comparendo ripetuti commenti di attivisti gay offensivi verso il Pontefice Emerito. Inviterei i lettori a recuperare quell’articolo e a difendere Benedetto XVI e la verità.

  3. Carlo scrive:

    Non credo che il Papa Emerito legga questo blog: ma desidero aggiungere anche la mia espressione di affetto per lui. Davvero, come ha detto Papa Francesco: è come avere un nonno (aggiungo io, in più).

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

Creata in collaborazione con le lettrici del magazine, la city car di casa Seat debutta sulla passerella del FashFest di Londra. Arriverà all'inizio 2017 nelle versioni a tre o cinque porte con tre motorizzazioni.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana