Google+

Come spiegare ai bambini il gesto del Papa? Con questa bella storia

febbraio 13, 2013 Valeria De Domenico

Giorni strani, questi. Giorni storici, da ricordare. In cui ai figli bisogna spiegare perché anche un Padre può essere fragile, riconoscere la propria inadeguatezza  e in modo assolutamente inatteso leggere nei propri limiti la volontà di Dio. Perché forse è anche così che il Signore ci parla e chi Lo ama profondamente, chi nella propria vita ha coltivato un dialogo intenso con Lui, riesce a sentire la Sua voce anche in sussurri impercettibili. L’ansia che da mamma avverto è quella di spiegarlo bene ai miei figli, perché per la mentalità comune è facile confondere il “sussurro di Dio” con l’autodeterminazione dell’individuo…

Mi è venuto in mente un libro splendido di alcuni anni fa. Caso volle (ma il Caso non esiste, diceva maestro Oogway!), che me lo sono ritrovato tra le mani proprio domenica. Ali di farfalle di Giampiero Pizzol. Della sua CompagniaBella parlerò presto in maniera più diffusa. Questo intanto è uno dei libri basati sullo sviluppo di racconti popolari, sui quali Pizzol costruisce i suoi spettacoli per bambini.

La storia, illustrata da Arcadio Lobato e edita da Fatatrac, comincia sulla soglia di una fine, ovvero di un nuovo inizio: il diluvio è terminato e proprio sulle ultime gocce di pioggia si forma l’arcobaleno. A Noè, che assiste al disperdersi dei suoi animali, già dimentichi di aver vissuto in armonia sull’arca, Dio affida un nuovo compito: comunicare a tutti gli esseri viventi che nulla verrà perso di ogni loro respiro e che dopo la morte le loro anime saranno accolte in un Paradiso in cui tutti vivranno di nuovo in pace. Portare a termine questo compito che di per sé entusiasma il vecchio Patriarca, si rivela più complesso del previsto. Trovare dei messaggeri efficienti è difficile: le tartarughe, che per il fatto di essere rimaste indietro sembrano destinate ad aiutarlo, sono lente e sorde; gli uccelli che per la loro capacità di volare sembrano i più adatti, riducono tutto in musica gradevole ma incomprensibile; l’asino, che per la sua fedeltà sembra disponibile è invece attaccato a una logica razionalista che lo rende poco credibile. Fin quando il vecchio Noè non prova ad andare lui stesso in giro per il mondo a parlare con gli animali, ma li trova già così immersi ciascuno nel proprio quotidiano, impegnati nel duro lavoro di procacciarsi cibo e gestire il potere che hanno saputo accumulare, da non sentire più il bisogno di conoscere quella notizia straordinaria, da non sentire più il bisogno di sperare…

Noè avverte la propria inadeguatezza e questo lo getta nello sconforto. Fortunatamente, però, non è solo. C’è la moglie, semplice e pragmatica: “Coraggio! Ciò che Dio ha cominciato, Dio finirà!” e c’è il Creato, splendido e perfetto, riverbero di quell’Eternità, di cui lui aveva tentato di parlare. Adesso Noè è finalmente libero, ovvero non sente più il peso del compito, e Dio torna a parlargli: lo fa mostrandogli un nuovo dono, lo strumento che porterà, al suo posto,  il messaggio di speranza in giro per il mondo. Un messaggero leggero e poco rumoroso, che ha nel suo lieve battito d’ali colorate tutto l’incanto dell’Eternità.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. Michelotto scrive:

    Bellissima!!!

  2. giusy scrive:

    invece ”famiglia cristiana” ha preferito un’angolatura fotografica di pessimo gusto, degna del peggior Manifesto. il ”marameo” del papa a chi è rivolto?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana