Google+

Come fu «arrestata» e poi «liberata» la copia dell’icona della Vergine di Jasna Góra

luglio 17, 2014 Angelo Bonaguro

copia_MBCzCome avevamo promesso ai nostri 25 lettori, concludiamo il racconto su come fu «arrestata» e poi «liberata» la copia dell’icona della Vergine di Jasna Góra.

Nel 1956 il primate Wyszyński lanciò l’idea che una copia dell’immagine miracolosa pellegrinasse per il paese: «Visto che non tutti riescono a far visita alla propria Regina a Jasna Góra, che sia Lei a recarsi dai suoi figli là dove vivono, ossia nelle loro parrocchie!». Leonard Torwirt, pittore e restauratore, fu incaricato di dipingere una copia dell’icona miracolosa. Il primate fu molto contento del risultato e il 26 agosto ‘57 la copia, benedetta da Pio XII, iniziò il suo pellegrinaggio per la Polonia. Fino al ‘66 toccò ad una ad una le parrocchie rimanendovi anche per un solo giorno che si trasformava in una vera e propria festa popolare: addobbi lungo le strade e agli edifici (persino quelli pubblici, notavano con disappunto le autorità!), bande musicali, ecc. Ma fu soprattutto l’intenso programma spirituale a inquietare il regime: era chiaro che il tessuto religioso tradizionale resisteva ancora, con la sua profonda devozione mariana e il legame alla Chiesa universale. Le autorità comuniste dapprima cercarono di disturbare e di ostacolare la partecipazione dei fedeli, finché decisero di passare all’azione.

L'icona dietro la grata, a Varsavia.

L’icona dietro la grata.

Il 20 giugno 1966 l’icona era in viaggio verso Varsavia accompagnata da Wyszyński. Non potendo arrestare nuovamente il primate, i comunisti decisero di fermare la Madonna pellegrina. L’episodio fu descritto in modo colorito dallo stesso primate: «Ci fermarono in mezzo ai campi, dalle parti di Liksajny… Davanti a noi apparvero un’auto e una moto della polizia, e la nostra colonna si fermò. Sbucarono numerosi altri veicoli della milizia, pattuglie, moto della polizia… Dopo un’ora di inutili trattative cominciò l’operazione… Alcuni guerrieri scesero dalle moto e con incedere hitleriano si diressero al pulmino che trasportava l’icona, circondato dai sacerdoti. Dopo qualche attimo di tensione pretesero il libretto del veicolo ma i sacerdoti respinsero la richiesta. Allora un marcantonio della milizia si infilò con la forza nel pulmino… Sulle nostre teste volteggiava un elicottero, avevamo l’impressione di essere al fronte». Seguì il fermo del veicolo e il sequestro dell’immagine che fu riportata a Varsavia, in cattedrale, chiusa in sacrestia davanti a una finestra con le sbarre. Dall’esterno sembrava proprio in carcere, e i fedeli cominciarono a deporre fiori e candele lungo il marciapiede e sul davanzale.

Wyszyński non si perse d’animo: il 2 settembre dispose che l’icona fosse portata a Katowice per una celebrazione, ma lungo il percorso fu «arrestata» da una cinquantina di agenti alla presenza di un procuratore, che la rinchiusero nella cappella di san Paolo a Jasna Góra e piazzarono due sentinelle all’ingresso del convento.

Don Wójcik con le due suore e il furgone per il blitz, giugno 1972.

Don Wójcik con le  suore e il furgone per il blitz.

Tuttavia il pellegrinaggio della Vergine continuò, ma con la sola cornice vuota – pare che l’idea fosse venuta al cardinal Wojtyła. Così i fedeli al posto dell’immagine accoglievano la… cornice, uno spettacolo che impressionò molti ed era il segno evidente della mancanza di libertà religiosa. Nel ’70, con il cambio al vertice del Partito (il «moderato» Gierek sostituì il falco Gomulka), dal convento di Jasna Góra sparirono le sentinelle (troppo costose), ma l’icona rimaneva agli «arresti domiciliari». Finché nel ‘72 don Józef Wójcik, all’epoca giovane vicario a Radom e che aveva già avuto guai con le autorità statali, sottopose a Wyszyński l’idea di «liberarla». Ricevuta la benedizione, si accordò con i tre complici don Roman Siudek e le suore Helena Trętowska e Maria Kordos. L’azione era prevista per il 12 giugno ma, come raccontò don Jósef, «si ruppe il sapone» con cui volevano fare il calco della chiave della cappella. Solo il giorno dopo, di buon mattino, il kommando portò a termine il blitz: i due preti trasportarono l’icona all’esterno e la caricarono sul furgoncino che le suore condussero a Radom, dove rimase nascosta per qualche giorno nel ripostiglio della canonica.

La processione a Radom, con Wyszyński, Wojtyła e l'icona, 18 giugno 1972

La processione a Radom, con Wyszyński, Wojtyła e l’icona.

La scomparsa dell’icona sorprese tutti: sia i paolini sia le autorità comuniste le quali per diversi giorni non seppero che pesci pigliare e si mossero in ogni direzione, convocarono riunioni ad ogni livello, informarono persino il segretario generale Kania e il ministro degli interni Ociepka. Wyszyński intanto faceva lo gnorri finché il giorno 18, a Radom, con Wojtyła aprì gongolante la processione mariana accompagnata dall’icona «liberata». I 4 del kommando furono interrogati ma con i guanti di velluto, e l’inchiesta non approdò a nulla: in quegli anni la leadership cercava la stabilità politica e preferì ingoiare il rospo ed evitare lo scontro aperto con la Chiesa. Sul blitz guidato da don Józef, scomparso nel febbraio scorso, la tv polacca ha realizzato un film-documentario.
«Jasna Góra – ha scritto Wyszyński – si è rivelata come un legame interno nella vita polacca, una forza che tocca profondamente il cuore e tiene la nazione intera nell’umile, ma forte, atteggiamento di fedeltà a Dio, alla Chiesa e alla sua gerarchia. Per noi tutti è stata una grande sorpresa vedere la potenza della Regina di Polonia manifestarsi così magnificamente».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Daniela scrive:

    La modernità ha cercato di uccidere Dio nel cuore dell’uomo o di imprigionarne la presenza in uno spazio limitato. Wojtyla da grande mistico quale era sapeva bene quanto Dio possa essere presenza nell’assenza…quanto potentemente doveva parlare quella cornice vuota!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La seconda generazione della berlina ibrida plug-in nipponica percorre 100 km con un litro di benzina e sino a 50 km in modalità elettrica complice la ricarica solare al tetto. Confermato il powertrain ibrido da 122 cv. La batteria si ricarica in poco più di 3 ore.

Il design richiama elementi cari sia alle sportive BMW sia alle vetture maggiormente votate all’off road. La concept bavarese anticipa una nuova SUV coupé derivata da X1 che entrerà in produzione nel corso del 2017.

Ecco le nostre proposte per un fine settimana a pedali, a motore ma non solo. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

In casa Nissan si volta pagina: la Micra attuale va in pensione e lascia spazio a un nuovo modello molto più filante e sportivo che debutta a Parigi. Tre i motori a catalogo, due a benzina e uno diesel.

La nuova generazione della media sportiva nipponica può contare su di un’estetica estrema, degna di un tuner. Confermata la trazione anteriore, mentre il 2.0 turbo benzina potrebbe passare da 310 a 330 cv. Nelle concessionarie nella seconda metà del 2017.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana