Google+

Cina pronta a riabilitare il vescovo Ma Daqin? Meglio essere cauti e ricordare cos’è la Chiesa per il governo comunista

aprile 2, 2014 Leone Grotti

Ma Daqin potrebbe essere riabilitato: Vaticano e partito comunista cinese potrebbero trovare un accordo per riconoscerlo legittimo vescovo di Shanghai. È la notizia diffusa dall’agenzia Reuters, che cita fonti anonime della Chiesa cattolica in un lungo articolo sull’eroico vescovo da due anni segregato dalle autorità comuniste nel seminario di Sheshan.

L’AFFRONTO DI MA. Ma Daqin è stato consacrato vescovo ausiliare di Shanghai il 7 luglio 2012 ma alla fine della Messa di ordinazione ha annunciato ai fedeli che avrebbe abbandonato lAssociazione Patriottica, il surrogato della Chiesa cattolica creato da Mao Zedong che richiede fedeltà al partito invece che al Papa, visto come un pericoloso capo di Stato straniero.
Da quel giorno monsignor Ma è stato prima rinchiuso nel monastero di Sheshan «per riposare» ed essere rieducato, poi privato della possibilità di uscire in pubblico e dire Messa per due anni e infine il titolo di vescovo gli è stato revocato. Per il Vaticano, però, monsignor Ma continua a essere il legittimo successore a vescovo di Shanghai di Jin Luxian, morto ad aprile dell’anno scorso. A marzo, inoltre, è morto anche all’età di 97 anni Giuseppe Fan Zhongliang, vescovo “sotterraneo” di Shanghai.

POSSIBILE DIALOGO. Ma era stato inizialmente approvato anche dal partito comunista, «convinto che fosse uno “yes man”», ma dopo il suo «tradimento» è stato scaricato. Secondo fonti cattoliche citate da Reuters, il governo cinese ha privatamente comunicato alla Santa Sede che potrebbe riabilitare Ma e riconoscerlo come legittimo vescovo di Shanghai. Se questo grande cambiamento avvenisse, però,«sarebbe lento e graduale ma siamo positivi. Potrebbe ricominciare un dialogo con la Cina», afferma la fonte ecclesiastica.

«MA RICONOSCA I SUOI ERRORI». Il cosiddetto presidente onorario dell’Associazione patriottica, Anthony Liu Bainian, ha dichiarato: «Ma ha ingannato i vescovi e il governo. Come potrebbe diventare responsabile di una diocesi grande come Shanghai? È plagiato da forze straniere (cioè il Vaticano, ndr)». Poi ha aggiunto: «Ha violato le regole della chiesa ma è una persona dotata di talento» e può essere riabilitato se «si pente veramente e capisce e riconosce i suoi errori».

PIANO CON LA RICONCILIAZIONE. Per Liu, così come per il partito comunista che lo manovra, riconoscere l’autorità del Papa è un «errore». Pechino ha sempre considerato la volontà del Vaticano di nominare i vescovi in Cina come una «ingerenza indebita» negli affari interni, ignorando che le cose stanno esattamente al contrario. Perciò, prima di parlare di riavvicinamento tra Cina e Chiesa cattolica, come suggerisce l’agenzia di stampa, sarebbe bene conoscere quali sono gli «errori» di cui monsignor Ma dovrebbe pentirsi.
È bene inoltre ricordare le puntate precedenti. L’ultima volta che i giornali italiani hanno parlato di pace fatta tra Chiesa cattolica e Cina è stato nel 2010, quando era stato trovato l’accordo sulle nomine di alcuni vescovi. Ma subito dopo, a fine 2010 e nel 2011, il partito comunista ha nominato tre vescovi illegittimi (Guo Jincai, Paolo Lei Shiyin Giuseppe Huang Bingzhang), tutti scomunicati dalla Santa Sede.

I CATTOLICI AUMENTANO. Come dimostrano i funerali del vescovo sotterraneo monsignor Giuseppe Fan Zhongliang, ai quali hanno partecipato circa cinquemila fedeli nonostante le minacce delle autorità comuniste, i cattolici cinesi seguono sempre meno l’Associazione Patriottica e sempre di più la Chiesa unita al Papa. Il governo comunista è anche spaventato dall’aumento del numero dei cattolici, che sono passati dagli 8 milioni del 1988 ai 12 milioni odierni, anche se per le autorità esistono solo quelli ufficiali, che sono 5,3 milioni.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download