Google+

È l’anniversario del massacro di piazza Tienanmen ma «in Cina il comunismo è ancora la “verità dell’universo”»

giugno 4, 2013 Leone Grotti

«Come Mao è il simbolo della Rivoluzione culturale, così Deng Xiaoping è il simbolo del [massacro del] 4 giugno. E come la Rivoluzione culturale deve essere completamente ripudiata, così anche il 4 giugno». A criticare la politica di silenzio e censura del Partito comunista cinese sui fatti di piazza Tienanmen, quando il governo nel 1989 dichiarò lo stato di emergenza e inviando i carri armati in piazza uccise almeno 2 mila persone che chiedevano riforme democratiche, non è un attivista o un dissidente. Contro Mao Zedong e Deng Xiaoping si schiera Bao Tong (nella foto), che nel 1989 era direttore dell’Ufficio per le riforme politiche del partito e membro del Comitato centrale del Politburo, l’organo decisionale più importante della Cina. Bao era anche il principale collaboratore di Zhao Ziyang, ex primo ministro e segretario generale cinese, unico oppositore alla strage tra gli alti ufficiali del partito.

VERITÀ DELL’UNIVERSO. «Tutti dovrebbero riflettere su quello che è successo nel 1989, dentro e fuori il partito» dichiara al South China Morning Post Bao Tong, che oggi ha 81 anni e dopo aver passato sette anni in prigione per aver criticato il massacro di piazza Tienanmen si trova agli arresti domiciliari dal 1997. Secondo lo statista il presidente Xi Jinping sta rafforzando l’ideologia comunista da quando è al potere. «In un editoriale del People’s Liberation Army Daily ha addirittura fatto scrivere che la dottrina comunista è “la verità dell’universo”. E in un altro che Mao non deve essere screditato del tutto per la Rivoluzione culturale». Ha ricordato anche, come già scritto da tempi.it, che ha fatto inviare a tutte le università cinesi sette argomenti tabù che non possono essere affrontati con gli studenti.

«RIPUDIARE TIENANMEN». «Se non si ripudiano Mao e Deng, non ci potrà essere progresso in Cina», afferma. Poi continua riferendosi alla censura e all’arresto di attivisti e dissidenti: «Non ho rimorsi per la mia vita e per la mia condizione attuale. Se chiudi la bocca a cento persone, potrebbero sempre essercene centinaia, migliaia o decine di migliaia che continuano a parlare. Ma se riesci a silenziare un miliardo e 300 milioni di persone, allora questo mi spaventa». Secondo Bao, «la corruzione, lo sfruttamento e la mancanza del rispetto della legge di oggi sono frutto del massacro del 4 giugno. Deng avrebbe dovuto prevedere queste conseguenze».

VEGLIA PER LE VITTIME. Oggi si svolgerà al Victoria Park di Hong Kong la veglia per commemorare le vittime di piazza Tienanmen. il Partito comunista, a 24 anni di distanza, continua a definire quei giorni un momento di «caos» e di «sommossa controrivoluzionaria». Per questo le persone sfuggite ai cingoli dei carri armati e ai colpi delle mitragliatrici, ma arrestate dalla polizia, sono ancora in prigione e in Cina è tuttora vietato anche solo pronunciare le parole “piazza Tienanmen” o “4 giugno” e digitandole su internet non si ottiene nessun risultato. Il regime vieta anche alle famiglie di piangere i loro cari uccisi dall’esercito e per questo a ridosso dell’anniversario arresta o nasconde gli attivisti che si battono per il rispetto dei diritti umani in Cina.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. giuliano scrive:

    non solo in Cina il comunismo è vivo, ma anche in Italia, e lo si vede dai molti suoi replicanti che scrivono anche qui

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un accessorio può fare la differenza? Snob Milano, giovane realtà della provincia di Varese, ne è convinta. E difatti rimpolpa il suo catalogo, già ricco di occhiali da sole e da vista, con le due nuove maschere da moto Café Bubble e Café Flat, ricercate nel design e nei contenuti tecnici.  I punti in comune  Amate […]

L'articolo Snob Milano Café Bubble e Café Flat proviene da RED Live.

Il Wörthersee Meeting, vale a dire il più grande raduno tuning dedicato alle vetture del Gruppo VW, è da sempre una ghiotta occasione per i dipendenti della Casa tedesca per mostrare al mondo delle concept che, spesso, anticipano i modelli destinati a entrare in produzione. Così è avvenuto per la Golf GTI Clubsport. E così […]

L'articolo VW Golf GTI First Decade: la prima volta dell’ibrido proviene da RED Live.

La SUV nipponica si rinnova puntando su di una linea aggressiva e un telaio dalla superiore rigidità torsionale. Confermata la gamma motori che ai benzina 2.0 e 2.5 vede affiancarsi un 2.2 td. Debutta il sistema G-Vectoring Control.

L'articolo Mazda CX-5: a me gli occhi proviene da RED Live.

Compatta, anzi compattissima, e a zero emissioni. La e.Go Life rappresenta ad oggi il progetto più concreto di city car elettrica “indipendente”, vale a dire nata fuori dalla sfera di controllo dei grandi costruttori. Una vettura che fa dell’economia il proprio fiore all’occhiello, dato che in Germania è già ordinabile con prezzi a partire da […]

L'articolo e.Go Life: indipendenza elettrica proviene da RED Live.

Era arrivato il momento… In effetti dalla presentazione del Diablo Scooter sono passati dodici anni: correva l’anno 2005 e ad oggi l’evoluzione dei mezzi è stata incredibile, soprattutto in termini di prestazioni. Per Pirelli si è trattato di un investimento importante che ha dato due frutti che coprono la quasi totalità di tipologie di scooter presenti […]

L'articolo Prova Pirelli Angel e Diablo Rosso scooter proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana