Google+

Cina e Giappone si contendono cinque isole. Tokyo le compra, Pechino prepara l’esercito

settembre 14, 2012 Leone Grotti

«Dobbiamo compiere ogni sforzo per assicurarci che i nostri soldati siano in grado di salvaguardare la sovranità nazionale, la sicurezza e l’integrità territoriale della Cina appena il popolo e il Partito lo richiedano». Se si uniscono queste parole di Xu Caihou, vicepresidente della potente Commissione militare centrale cinese che ha appena condotto esercitazioni militari nel Mar giallo e nel deserto dei Gobi, all’editoriale di qualche giorno fa del Quotidiano del popolo, che si chiedeva se «il Giappone è preparato a pagare il prezzo delle sue azioni viziose», si capisce che Giappone e Cina non stanno attraversando un buon momento diplomatico.

ISOLE STRATEGICHE. A dividere le due più grandi potenze economiche dell’Asia e a far parlare di armi e guerra è il possesso di cinque piccoli isolotti disabitati, che il Giappone chiama Senkaku mentre la Cina Diaoyu, nel Mar cinese orientale. Entrambi i paesi assicurano di essere i legittimi proprietari delle isole fin dal 1972 ma le ultime mosse del governo nipponico hanno fatto infuriare i cinesi. Il governo, infatti, ha annunciato martedì scorso di avere acquistato tre delle cinque isole da una famiglia giapponese che era in grado di dimostrarne la proprietà per oltre 2 miliardi di yen, circa 20 milioni di euro. Le isole sono continuo oggetto di contesa sia perché si trovano al centro di una rotta marittima molto battuta, sia perché le acque intorno agli isolotti sono ottime per pescare, sia perché sotto il mare potrebbe esserci un immenso giacimento di gas naturale.

BUON ANNIVERSARIO. La risposta cinese non si è fatta attendere. Al di là delle dichiarazioni, «il Giappone non può acquistare qualcosa che appartiene alla Cina», il Partito comunista ha inviato oggi sei motovedette nelle acque delle isole Senkaku/Diaoyu «per far rispettare la legge e dimostrare che la giurisdizione sulle isole è cinese». Secondo molti analisti si tratta di un avvertimento chiaro: «Se Tokyo manda le navi davanti alle isole, sappia che siamo pronti a difenderle». Non è il clima ideale per festeggiare il 40esimo anniversario della normalizzazione dei rapporti fra Pechino e Tokyo. Le due capitali, dopo l’invasione nipponica della Cina, non hanno avuto alcun rapporto fino alla morte di Mao Zedong. Il 27 settembre, giorno in cui si festeggia la pacificazione, dovrebbero svolgersi diversi incontri a Pechino. Ma diversi politici giapponesi, come rivela AsiaNews, hanno già annullato la propria partecipazione.

ALTRE ISOLE CONTESE. Le Senkaku/Diaoyu non sono le uniche isole del Mar cinese ad essere reclamate da più paesi. Ci sono anche le isole Spratly e Paracel, nel Mar cinese meridionale, che secondo le stime nascondono 30 miliardi di tonnellate di petrolio e 16 mila miliardi di metri cubi di gas. A reclamarle, oltre alla Cina, ci sono Vietnam, Brunei, Taiwan, Filippine e Malaysia. Pechino, per assicurarsene il possesso, ha di recente fondato una piccola città, Sansha, su un isolotto di 13 chilometri quadrati, Woody island, che si potrebbe anche definire scoglio, che si trova nell’arcipelago.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’ufficio a portata di mano anche in vacanza e nei weekend in un ambiente confortevole e “viaggiante”? Lo rende possibile Renault con una nuova generazione di Trafic SpaceClass rivolta sì ai privati ma prentemente alla clientela del mondo business, come aziende di noleggio con conducente, strutture alberghiere e sportive, agenzie turistiche. Insomma, realtà che desiderano fornire […]

L'articolo Renault Trafic SpaceClass, l’ufficio è mobile proviene da RED Live.

Se siete appassionati di motori e curiosare tra le anteprime – ne sono state annunciate ben 150 – è sicura fonte di piacere, il momento è (quasi) arrivato. Cominciate a segnare in agenda una data compresa tra il 9 e il 12 novembre (il 7 e l’8 sono giornate dedicate a operatori e stampa) e […]

L'articolo EICMA 2017, cosa c’è da vedere proviene da RED Live.

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download