Google+

Il premier inglese Cameron si piega alla Cina e rifiuta di ricevere il dissidente cieco Chen Guangcheng

giugno 7, 2013 Leone Grotti

Il grande dissidente cieco Chen Guangcheng, che ha svelato al mondo l’orrore e le conseguenze della legge sul figlio unico in Cina, è appena tornato negli Stati Uniti dopo un tour europeo, nel quale ha ricevuto premi da diversi paesi. Anche il Parlamento inglese gli ha consegnato un’onorificenza, ma il premier David Cameron e il ministro degli Esteri William Hague si sono rifiutati di incontrarlo, temendo ritorsioni economiche da parte della Cina.

VALORI E SOLDI. Intervistato dallo Spectator, Chen commenta, ridendo: «Forse non dovremmo condannarli per questo. Loro sono ancora molto spaventati dalla possibilità che il Partito comunista cinese si possa arrabbiare. La minaccia di ritorsioni economiche è un problema molto profondo. Se i paesi democratici non riusciranno a restaurare il loro sistema di valori, io non credo che riusciranno a riacquistare la loro prosperità economica semplicemente chinando la testa davanti a una dittatura».

 «IL PARTITO HA PAURA». La stessa cosa era successa a Giuliano Pisapia con il Dalai Lama a Milano. Al leader tibetano l’anno scorso non è stata conferita la cittadinanza onoraria come annunciato per paura che Pechino non si presentasse all’Expo. Ma la Cina è davvero così forte? «In realtà, il Partito comunista cinese ha paura di non durare per sempre – spiega ancora Chen, la cui famiglia in patria è ancora perseguitata – Se loro pensassero davvero di essere eterni, non ci sarebbero così tanti ufficiali corrotti che spostano i loro conti in banca in Occidente. Nessun regime può durare a lungo in modo stabile e prospero se governa con la repressione del suo stesso popolo e stuprando il volere della sua gente».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana