Google+

Cina. Ad Harbin «si può passare col rosso» perché a causa dello smog è impossibile vedere i semafori

ottobre 22, 2013 Leone Grotti

Secondo le previsioni del tempo ieri doveva essere una giornata di sole ad Harbin ed effettivamente è stato così, solo che nessuno è riuscito a vederlo a causa dello smog. La città che si trova nel nordest della Cina ha fatto registrare ieri livelli record di inquinamento: le PM 2,5 presenti nell’aria, infatti, hanno raggiunto quota 500 e anche 1.000 in alcuni quartieri.

«OLTRE L’INDICE». Secondo l’Agenzia per la protezione dell’ambiente, i danni per la salute iniziano a quota 300, mentre se si arriva a 500 si è già «oltre l’indice». Secondo il World Health Organisation, la percentuale di PM 2,5 è 40 volte superiore al livello di pericolosità. Per questo, il governo locale cinese ha chiuso le scuole, l’aeroporto, le autostrade e cancellato molte tratte percorse dai mezzi pubblici.

SI PASSA COL ROSSO. Non solo. Dal momento che la visibilità si è ridotta fino a 10 metri, i vigili hanno assicurato che gli automobilisti che passeranno col rosso perché impossibilitati a vedere il semaforo «non saranno multati». La gente ha preferito restare in casa, senza uscire, chi lo ha fatto si è munito di mascherina ma sono in tanti quelli che non hanno osato: «Dalla finestra del mio appartamento non vedevo niente – dichiara a Scmp Wu Kai, 33 anni – Credevo fosse neve, poi ho capito che era smog. Come si fa a uscire così? Non si vede niente per strada».

INQUINAMENTO RECORD. In Cina ogni anno secondo l’Istituto americano per gli effetti sulla salute almeno 1,2 milioni di persone muoiono prematuramente a causa dell’inquinamento atmosferico. La maggior parte delle oltre 100 mila proteste che si verificano nel paese ogni anno sono dovute a problemi ambientali. L’inquinamento atmosferico, che si verifica tutti gli inverni in Cina, specie nelle città del nord a causa di una posizione sfavorevole, è dovuto alla mancanza di politiche ambientali che vietino alle industrie di inquinare.

POLITICA ECONOMICA. Il governo comunista ha promesso di ridurre i livelli di smog nei prossimi anni, ma non sarà facile visto che si è posto come obiettivo del prossimo quinquennio di raddoppiare la produzione industriale. Inoltre Pechino fonda la sua politica economica per il 70 per cento sulla combustione di carbone fossile.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana