Google+

Chi dice che la pace interiore sia la soluzione ai problemi?

ottobre 28, 2014 Annalisa Teggi

«I’ fui nel mondo vergine sorella» (Paradiso, canto III)

«Carissimi amici, come sapete il 15 di questo mese entrerò in monastero». Non è frequente ricevere una mail che comincia così. L’ho letta mentre attorno a me i figli litigavano e il telefono trillava messaggi su questioni lavorative irrisolte. Cosicché, il primo istintivo pensiero è stato: «Aspettami, che vengo anch’io». Perché c’è, in fondo, quel pregiudizio sulla vita monacale come quieto estraniamento dal mondo. Una deriva zen, la definirei. Come se chi entra in convento avesse aderito a una proposta simile a quelle locandine appese ai muri, tipo: «Vuoi ritrovare la tua pace interiore?» oppure «Recupera l’equilibrio tra corpo e mente!».

Sono grandi abbagli, sia l’idea del monastero come luogo di quiete inerte, sia il mito della pace interiore. E chi dice che l’equilibrio sia una soluzione ai nostri problemi? Quando sono in equilibrio, le cose stanno immobili. È questa la nostra ambizione, un’amorfa – cadaverica, direi – serenità? Noi umani, rassegniamoci e rallegriamocene, non siamo persone normali. Siamo squilibrati; perché partecipiamo di una doppia natura, carnale e spirituale; siamo materia mortale con esigenze immortali. Una struttura del genere regge solo quando è sbilanciata. E la si sostiene a forza di spinte; bisogna spingersi a scelte coraggiose.

Prendere i voti è una roba da matti, dicono in molti e c’azzeccano (anche se lo dicono in tono irrisorio): solo un folle può trattare la carne con la misura dello spirito, e chiedere all’imperfetta, umorale corporeità di stare al passo con l’anima che brama amore e compiutezza infiniti. Dunque, dopo quell’istintivo pensiero stupido, è subentrato in me il barlume di un ringraziamento. Mi sono sentita protetta, sì, come gli abitanti di un paese sotto attacco, che vedono i propri soldati all’erta nelle trincee. Qualcuno, apparentemente sottraendosi al mondo, combatte dalla prima linea la battaglia di noi tutti: quella contro l’ignavia e contro ogni riduzione utilitaristica e ideologizzata del nostro io. Si tratta di infermieri e infermiere che, orando et laborando, curano il manicomio della comunità umana.

Nel libro Le libere donne di Magliano il dottor Mario Tobino raccoglie le memorie del manicomio femminile in cui lavorava. Ad accudire le malate nei loro deliri, nei loro umani bisogni, c’erano le suore: «Alle quattro del mattino odo la campanella che echeggia nell’appartamento delle suore. È l’ora notturna che le suore si svegliano e cominciano la loro giornata di lavoro e di preghiera. In pochi minuti la Regola le fa vestire tutte insieme, ventiquattro, col vastissimo cappello bianco inamidato. (…). Una mattina ho assistito alla loro Messa, sola testa nuda e piena di peccati, tra il mare ondeggiante di tele inamidate. Quando fecero la comunione furono come guerrieri delle Crociate e mi si empiva l’anima di stupefatta commozione. Conoscevo il lavoro delle suore, continuo e di un’amarezza senza pari, conoscevo il loro coraggio di affrontare pazze violente nelle membra (…) conoscevo bene suor Giacinta, abituata a combattere gli sputi e gli insulti, e quella mattina la vedevo appena di profilo inginocchiata con le altre, una piccola colomba, una creatura senza peso, sorridente nella preghiera, linda e felice».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. saras scrive:

    Ancora una volta, meraviglioso articolo. Grazie. Ricorderò per sempre la frase pronunciata dalla mia accanita anticlericale, ex- lotta continua e sguaiata prof di filosofia, riferendosi alla sua mamma in ospizio:
    “Possiamo dire quello che vogliamo, ma come trattano le suore i malati… io non ho mai visto nessuno!”
    Rimasi a bocca aperta. Evidentemente le combattenti avevano colpito l’obiettivo.

  2. gipo scrive:

    Come non ricordare quel giorno a Ghiffa, divisi da una grata: io, impetrante la pace del cuore che da solo non riuscivo a trovare; dall’altra parte la Badessa ed il suo sguardo pieno di compassione per la mia vita ed il mio cuore.
    Totalmente donna, totalente madre perchè totalmente donata al Suo cuore

    Grazie, perchè quell’incontro mi ha riaperto gli occhi a Colui che solo dona significato al tempo ed alla storia

  3. raimondo64 scrive:

    grazie di cuore
    raimondo

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Se fosse una compagna di scuola, la Peugeot 308 sarebbe la classica ragazza seduta nei banchi della seconda fila; precisa, puntuale, concreta e in grado di ottenere ottimi risultati. Però poco appariscente. La tipica studentessa che pochi notano e che i professori danno per scontato sia in grado di ben figurare in ogni frangente. Ora, […]

L'articolo Prova nuova Peugeot 308 proviene da RED Live.

Il suo logo a forma di ruota spicca su caschi, capispalla, piumini, borsoni, zaini, bracciali in argento e foulard in seta, e non a caso. La collezione di abbigliamento e accessori uomo/donna Milano 1914 trae difatti la sua identità da EICMA, il Salone internazionale delle moto, la cui prima edizione è datata 1914, appunto. E […]

L'articolo Milano 1914, nuova collezione e corner al Boscolo proviene da RED Live.

La scelta di un’automobile è una decisione che dipende dall’utilizzo che se ne vuole fare. Chi ha bisogno di un mezzo da guidare esclusivamente in città, sarà orientato verso un’auto più compatta e maneggevole; se la vettura accompagnerà spesso la famiglia in gite fuori porta, ruote grandi e ammortizzatori rinforzati saranno determinanti; se il conducente […]

L'articolo Il cambio: tipologie e caratteristiche (automatico/semiautomatico/manuale) proviene da RED Live.

In sella a una delle moto più speciali mai prodotte da BMW. La HP4 Race porta all’estremo il concetto di moto sportiva. Leggerissima potentissima, va fortissimo ma non è un mostro impossibile da domare, anzi… 80.000 euro sono tanti? Forse, ma dopo averla guidata potresti cambiare idea.

L'articolo Prova BMW HP4 Race proviene da RED Live.

Con il nuovo Kymco AK 550, la Casa di Taiwan punta dritta al cuore del mercato dei Top Scooter bicilindrici. Il prezzo è interessantissimo (9.190 euro in offerta lancio) ma i contenuti tecnologici sono tutt’altro che di serie B. Anzi!

L'articolo Prova Kymco AK 550 proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana