Google+

Chen abbandona la figlia di due mesi per non essere condannata. A cosa porta la legge cinese sul figlio unico

febbraio 8, 2013 Leone Grotti

Quella di Chen è un’altra incredibile storia causata dalla violenza della legge sul figlio unico, fortemente voluta dal partito comunista cinese. Nella provincia cinese di Zhejiang Chen, 37 anni, ha partorito in segreto a novembre la sua seconda figlia. Poiché in Cina la legge sul figlio unico vieta, salvo particolari condizioni, alle famiglie di avere più di un figlio la donna l’ha abbandonata, nella speranza di riuscire ad adottarla più avanti, per evitare condanne.

ABBANDONO E ADOZIONE. Così, Chen si è accordata con una parente a cui ha dato sua figlia. Quando la polizia ha chiesto alla parente da dove venisse quella bambina, questa ha affermato di averla trovata in strada, abbandonata. Due mesi dopo, Chen ha cercato di ottenerla in adozione allontanando qualunque altra famiglia ne avesse fatto richiesta. Così ha destato i sospetti della polizia, che dopo un esame del Dna ha scoperto la verità. Per questo, secondo quanto riportato dal Qianjiang Evening News, ripreso dal South China Morning Post, la donna è stata condannata a cinque giorni di prigione e a 200 yuan di multa.

BAMBINO UCCISO A 13 MESI. Sempre nella stessa provincia pochi giorni fa la gente è scesa per le strade a protestare contro l’uccisione di un bambino di appena 13 mesi. Il segretario locale del partito comunista, di nome Bai, insieme al suo autista, sono andati a prelevare due genitori per violazione della legge sul figlio unico. Per accidente o in modo deliberato, mentre li obbligavano a salire sul furgone per portarli in prigione, il bambino della coppia è finito schiacciato sotto le ruote del furgone. Bai e il suo autista sono stati arrestati.

400 MILIONI DI PERSONE IN MENO. La legge sul figlio unico, approvata dal regime a fine anni ’70, ha impedito la nascita di oltre 400 milioni di bambini. Secondo una recente indagine, ha anche creato uno squilibrio tra maschi e femmine tale che 37 milioni di cinesi non potranno trovare una moglie. Impedendo alle coppie, con le dovute eccezioni, di avere più di un figlio il partito comunista ha fatto anche invecchiare la popolazione cinese e diminuito la forza lavoro del paese. La legge è molto odiata in Cina, dove per tradizione le famiglie sono molto numerose.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

5 Commenti

  1. Francesco scrive:

    Giusto Emanuele, c…o, bisogna ucciderli sti bambini! Basterebbe un po’ di controllo delle nascite e invece i cinesi continuano a volere fare figli anche se il governo gli dice di no! Ma come si permettono??

  2. Francesco scrive:

    Appunto, quindi è giusto ammazzare i bambini nati, sterilizzare le donne, fare aborti all’ottavo mese e mezzo, multare le donne, sbatterle in prigione e a volte ucciderle. Guardi che io sono d’accordo con lei!!

  3. giuliano scrive:

    quando si assassinano bimbi e donne c’è di mezzo sempre la sinistra, comunista e non
    in quanto alla pillola sembra che molte donne incorrano in effetti secondari quali trombosi, morti sospette, tumori ma nessun media grida, nessun comitato è ospitato da GAV LEVNEV. Ora tocca a noi, abbiamo una sinistra che non ha nulla da invidiare a quella cinese. Leggendo i Blog qua e la ,notiamo militanti scatenati pro pillola,. pro aborto, pro omosessuali , spero di non icontrane nessuno poichè, a costo di andare in galera, mi comporterei come quello che si vendica sul film “Dio perdona, io no”. Quando è troppo è troppo !!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana